Maggio 27, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una scoperta sorprendente nell’atmosfera di Venere: ricercatori tedeschi trovano ossigeno

Una scoperta sorprendente nell’atmosfera di Venere: ricercatori tedeschi trovano ossigeno
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Una veduta di Venere, che oggi assomiglia a un inferno ardente, ma che un tempo potrebbe aver avuto un clima mite. © NASA/JPL

Venere, detta “Inferno”, sorprende con una scoperta. La svolta potrebbe spiegare le differenze tra la Terra e il suo pianeta gemello.

Stoccarda – Ricercatori tedeschi hanno scoperto prove evidenti della presenza di ossigeno atomico nell’atmosfera del pianeta Venere. L’ossigeno è già stato scoperto sul lato notturno del pianeta, e ora per la prima volta anche sul lato diurno di Venere.

Venere ha notevoli somiglianze con la Terra: hanno circa la stessa età, dimensioni simili e probabilmente sono composti dagli stessi materiali. Tuttavia, ci sono anche grandi differenze tra i due pianeti. La Terra è un pianeta dove la vita prospera: gli oceani pieni di acqua liquida sono ricchi di vita e gli organismi viventi sono ovunque sulla Terra e nell’aria. L’atmosfera del nostro pianeta blu è ricca di ossigeno, che è un aspetto importante quando si tratta della vita sui pianeti.

Venere è un pianeta gemello della Terra, ma molto diverso

Tuttavia, la situazione su Venere è diversa. Il vicino pianeta Terra è circondato da un denso strato di nubi di anidride carbonica, azoto e gas in tracce. Sul pianeta stesso esiste quello che viene chiamato un “effetto serra galoppante”, ovvero un effetto serra che si auto-rafforza e non può essere fermato. Inoltre ad una temperatura superiore a 400°C si ha una pressione di 92 bar. In breve: la vita non sembra essere possibile su Venere, Il pianeta viene chiamato “Burning Inferno”..

Tuttavia, lo studio del pianeta simile alla Terra è di grande interesse. Dopotutto, un giorno la Terra potrebbe subire un destino simile a Venere. Alcuni scienziati dubitano addirittura della possibilità che esista la vita tra le nuvole di Venere. Qualche tempo fa è stata scoperta la fosfina nell’atmosfera del pianeta A Controversa potenziale prova di vita.

L'”Osservatorio volante” SOFIA ha osservato più da vicino Venere

Il gruppo di ricerca tedesco che ha scoperto l’ossigeno nell’atmosfera di Venere ha esaminato il pianeta utilizzando l’osservatorio volante SOFIA. SOFIA era un progetto congiunto del Centro aerospaziale tedesco Viaggio spaziale (DLR) e l’organizzazione spaziale americana NASA. La missione si è conclusa a settembre 2022, ma i dati raccolti sono ancora in fase di analisi.

I risultati erano attuali Nella rivista specializzata natura pubblicato E mostrano la presenza di uno strato di ossigeno atomico nell’atmosfera di Venere. L’ossigeno si nasconde tra due forti correnti d’aria: al di sotto dei 70 km, i forti venti soffiano nella direzione opposta alla rotazione di Venere, e al di sopra dei 120 km, i forti venti soffiano nella direzione opposta. L’ossigeno atomico si trova tra questi due flussi. È creato dalla radiazione ultravioletta del Sole proveniente dall’anidride carbonica e dal monossido di carbonio nell’atmosfera di Venere.

Osservare Venere è stato difficile

SOFIA ha effettuato le misurazioni che hanno portato a questa entusiasmante scoperta nel novembre 2021. “Sono state particolarmente difficili perché Venere poteva essere osservato da SOFIA solo per tre giorni per circa 20 minuti ciascuno ed era solo leggermente sopra l’orizzonte”. Lui ricorda Il primo autore dello studio, Heinz-Wilhelm Hubers di DLR. Il risultato è una mappa della distribuzione dell’ossigeno su Venere.

Una veduta di Venere, che oggi assomiglia a un inferno ardente, ma che un tempo potrebbe aver avuto un clima mite.
Una veduta di Venere, che oggi assomiglia a un inferno ardente, ma che un tempo potrebbe aver avuto un clima mite. © NASA/JPL

“Siamo stati in grado di dimostrare che l’ossigeno si forma sul lato diurno di Venere e che anche la sua concentrazione diminuisce al diminuire della radiazione solare”, spiega Hubers. Il ricercatore aggiunge: “Sul lato notturno, l’aumento locale della concentrazione indica l’arricchimento di ossigeno atomico a causa delle correnti di vento”.

La concentrazione di ossigeno su Venere è inferiore a quella sulla Terra

La concentrazione di ossigeno nell’atmosfera di Venere è circa dieci volte inferiore a quella della Terra. «Misurare queste evidenti differenze rispetto alla Terra potrebbe contribuire in futuro a una migliore comprensione del motivo per cui la Terra e il suo pianeta gemello Venere si sono evoluti in modo diverso», spiega Bernhard Schulz, che ha partecipato al progetto SOFIA. Nei prossimi anni Venere verrà nuovamente esplorata da vicino. La NASA prevede di inviare due sonde spaziali sul pianeta vicino alla Terra. (fattura non pagata)

Per scrivere questo articolo il team editoriale ha utilizzato l’assistenza automatizzata. L’articolo è stato attentamente esaminato dalla redattrice Tanya Banner prima della pubblicazione.