Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una scoperta inaspettata potrebbe cambiare radicalmente la prospettiva sugli elementi dell’universo

Una scoperta inaspettata potrebbe cambiare radicalmente la prospettiva sugli elementi dell’universo
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Rappresentazione artistica di “Old Smoker”: la stella gigante rossa esala una nuvola di fumo che oscura parte della stella. © Philip Lucas/Università dell'Hertfordshire

I ricercatori hanno scoperto un nuovo tipo di stella nell'universo. I “vecchi fumatori” potrebbero cambiare la nostra comprensione della distribuzione degli elementi.

HATFIELD – La vastità dell'universo viene ora esplorata con potenti telescopi. Si potrebbe supporre che tutti i tipi di corpi celesti siano già stati identificati. Ma le enormi dimensioni dell’universo offrono ancora scoperte inaspettate, anche nella nostra Via Lattea. L’ultima scoperta è stata fatta per caso, poiché inizialmente il gruppo di ricerca stava cercando qualcosa di completamente diverso.

Durante la ricerca di stelle appena nate, i ricercatori si imbattono in un nuovo corpo celeste

Philip Lucas dell'Università dell'Hertfordshire e il suo team erano alla ricerca di stelle appena nate. Queste cosiddette “protostelle” subiscono intense esplosioni, che il gruppo di ricerca voleva utilizzare per determinare la loro posizione. Nel corso di dieci anni osservarono quasi un miliardo di stelle nell’universo.

Il team si è concentrato su 222 stelle che mostravano i maggiori cambiamenti di luminosità. “Circa due terzi delle stelle possono essere facilmente classificati come eventi ben compresi di vario tipo”, ha detto Lucas in una delle sue lettere. avviso. “Altre missioni erano un po' più difficili, quindi abbiamo utilizzato il Very Large Telescope dell'ESO per ottenere gli spettri di molte di esse”, aggiunge Lucas. Nella scienza, gli spettri vengono utilizzati per analizzare la luce emessa da una stella. Le diverse lunghezze d'onda della luce consentono agli esperti di raccogliere molte informazioni sulla stella. Hanno incontrato 32 protostelle la cui luminosità è aumentata da 40 a 300 volte durante l'esplosione.

Nel mezzo della Via Lattea: le stelle emettono gas “come vecchi fumatori”

Ma le scoperte non sono finite qui: vicino al centro della Via Lattea, il gruppo di ricerca ha scoperto 21 stelle rosse che hanno mostrato misteriosi cambiamenti di luminosità durante il periodo di osservazione di dieci anni. “Non eravamo sicuri se queste 21 stelle fossero protostelle che iniziavano un'esplosione, urlando come neonati, per così dire, o se si stavano riprendendo da un calo di luminosità causato da un disco di polvere o da un involucro”, ricorda Lucas, lo studio. capo. Davanti alla stella. Una terza possibilità è che si trattasse di stelle giganti più antiche che rilasciavano materia e gas nelle fasi successive della loro vita come antichi fumatori.

L'analisi di sette di queste stelle ha rivelato che si tratta di un nuovo tipo di stella gigante rossa. “Queste stelle più vecchie rimangono in silenzio per anni o decenni e poi emettono nuvole di fumo in modi del tutto inaspettati. Appaiono molto fioche e rosse per diversi anni, così che a volte non lo fanno… Non possiamo più vederle affatto. Sulla rivista sono stati pubblicati diversi studi su questo argomento Avvisi mensili della Royal Astronomical Society pubblicato.

Gli “Ancient Smokers” distribuiscono oggetti nell'universo?

Il tipo di stella appena scoperto, noto come “old smoker”, si trova nella parte più interna della Via Lattea, nel cosiddetto “nucleo stellare”. Le stelle in questa regione sono più ricche di metalli pesanti rispetto ad altre stelle. Tuttavia, il motivo per cui queste stelle emettono nuvole di fumo non è ancora chiaro.

Sebbene rimangano molte domande sull’“antico fumatore”, questa scoperta potrebbe cambiare la nostra comprensione di come i diversi elementi sono distribuiti nell’universo. “Il materiale espulso dalle stelle antiche svolge un ruolo chiave nel ciclo di vita degli elementi e contribuisce alla formazione della prossima generazione di stelle e pianeti”, ha affermato Lucas. Fino ad ora si è ipotizzato che ciò avvenga principalmente in stelle ben studiate chiamate “merasters”.

Tuttavia, Lucas ha una teoria: “La scoperta di un nuovo tipo di stella che rilascia materia potrebbe avere un significato maggiore per la distribuzione degli elementi pesanti nel disco centrale e nelle regioni ricche di metalli in altre galassie”. La stella brillerà la luce. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.