Una nuova iniezione contro infarti e ictus

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. 24 vita
  2. salute

creatura:

da: Andrea Pease

Il cardiologo Prof. Volker Klaus consiglia di monitorare i livelli di colesterolo, specialmente se ci sono altri fattori di rischio per le malattie cardiovascolari. © Andreas Koehler

Un nuovo farmaco aiuta a ridurre il colesterolo pericolosamente alto. Il professore di cardiologia Volker Klaus spiega le iniezioni contro infarti e ictus.

Milioni di persone soffrono di livelli elevati di colesterolo. Un massimo del 30 percento del livello di colesterolo può essere ridotto attraverso la dieta e anche l’esercizio fisico regolare può aiutare. Le persone colpite spesso devono assumere farmaci aggiuntivi, specialmente se hanno una malattia vascolare come una malattia coronarica o una dislipidemia ereditaria; In quest’ultimo caso, i medici parlano di ipercolesterolemia familiare.

Il nuovo farmaco assicura che il fegato possa abbattere più colesterolo

Fino ad ora, la maggior parte dei pazienti affetti da colesterolo ingerisce le cosiddette statine. “È praticamente la medicina principale per i livelli di colesterolo alto”, spiega il prof. Volker Klaus (Cardiology-Downtown), cardiologo a Monaco. Ma negli ultimi anni sono entrati sul mercato altri farmaci per abbassare il colesterolo. Di recente, il farmaco Inclisiran ha ricevuto un’attenzione speciale in circoli specializzati. Appartiene a un gruppo di medicinali chiamati inibitori PCSK9 e viene somministrato tramite iniezione sottocutanea. Questo è il motivo per cui a volte viene definito dai media come un “colpo contro gli attacchi di cuore”. “In definitiva, gli inibitori PCSK9 assicurano che il fegato sia in grado di assorbire e abbattere più colesterolo LDL”, spiega Klaus.

Le iniezioni di Inclisiran sono necessarie solo ogni sei mesi

Il grande vantaggio di Inclisiran: a differenza di altri inibitori PCSK9 come evolocumab e alirocumab, non è necessario iniettarlo ogni due o quattro settimane. Invece, le iniezioni vengono ripetute una volta dopo tre mesi e quindi necessarie solo ogni sei mesi. Secondo i risultati dello studio precedente, Inclisiran è in grado di dimezzare la percentuale di colesterolo cattivo e quindi ridurre il rischio di sviluppare l’aterosclerosi dal 60 al 90%, secondo il rapporto della German Heart Foundation.

Colesterolo alto: più della metà dei tedeschi ha livelli di colesterolo alti

I pazienti particolarmente ad alto rischio possono trarre grandi benefici da questo effetto. Sfondo medico: i livelli elevati di colesterolo non dovrebbero essere presi alla leggera. Sono tra i maggiori fattori di rischio per ictus e infarto, soprattutto in età avanzata, soprattutto in combinazione con altri fattori di stress come il fumo, il consumo eccessivo di alcol, l’obesità, il diabete e l’ipertensione. Pertanto, i livelli di colesterolo dovrebbero essere determinati per tutti in modo che i pazienti a rischio possano essere identificati e trattati in una fase precoce. “Ciò include anche l’identificazione una tantum di qualcosa chiamato lipoproteina (a), che è un altro fattore del metabolismo lipidico che può causare malattie vascolari”, spiega Klaus.

Colesterolo con moderazione come elemento fondamentale per le cellule e gli ormoni

Il colesterolo viene prodotto nel fegato e assorbito attraverso il cibo. Viene utilizzato come elemento costitutivo delle cellule del corpo e, con moderazione, svolge un ruolo nella formazione degli acidi biliari e nella produzione di importanti ormoni. “Affinché il colesterolo possa essere trasportato al corpo attraverso i singoli vasi sanguigni, il corpo impacchetta i grassi in pacchetti proteici e forma le lipoproteine, costituite da lipidi e proteine: colesterolo lipoproteico a bassa densità e colesterolo lipoproteico ad alta densità. ” Fondazione tedesca per l’assistenza all’ictus.

Il colesterolo alto alimenta lo sviluppo di infarti e ictus

In particolare, il colesterolo LDL (lipoproteine ​​a bassa densità) può accumularsi nelle pareti dei vasi sanguigni e quindi alimentare l’insidioso processo di calcificazione vascolare, tecnicamente noto come aterosclerosi. “Le arterie diventano più fragili, o si induriscono e si restringono”, spiega il cardiologo Klaus. “Nel peggiore dei casi, i vasi sanguigni si chiudono completamente e i tessuti a valle non possono più essere riforniti di ossigeno, e questo porta, ad esempio, al temuto collasso del cuore o del cervello”. In Germania, ogni anno circa 200.000 persone subiscono un infarto e circa 270.000 ictus. Molte vittime muoiono o rimangono permanentemente dipendenti da un aiuto esterno dopo la malattia. Secondo un sondaggio condotto dalla famosa Mayo Clinic negli Stati Uniti, quasi tre milioni di morti in tutto il mondo sono legate a livelli di colesterolo cattivo LDL.

Le cause di livelli elevati di colesterolo nel sangue possono essere uno stile di vita non salutare (malnutrizione, consumo eccessivo di alcol, sovrappeso e mancanza di esercizio fisico) e, come già accennato, una predisposizione genetica (ipercolesterolemia familiare). Klaus sa che “varie malattie, come il diabete o una scarsa funzionalità renale, possono aumentare gli effetti negativi dei livelli elevati di colesterolo”.

Abbassare il colesterolo alto: le statine come comprovati farmaci essenziali

Per controllare il colesterolo nei fattori di rischio, i farmaci sono stati usati con successo per molto tempo, in particolare le statine. “È disponibile dal 1987 e funziona praticamente come farmaco primario per i livelli elevati di colesterolo”, afferma Klaus. Secondo uno scienziato di lunga data della LMU, le statine sono state ben studiate. La buona tolleranza è stata nuovamente confermata solo di recente in un ampio studio pubblicato sulla famosa rivista “The Lancet”. Secondo questo, solo 1 paziente su 15 trattato con statine ha avuto effetti collaterali causati dalla terapia con statine.

Prof. Klaus: Gli effetti collaterali delle statine possono essere affrontati con un buon atteggiamento

Ci sono anche voci secondo cui le statine spesso causano gravi effetti collaterali o possono causare gravi malattie, ad esempio la demenza di Alzheimer. Ma queste affermazioni sono state confutate da studi, tra cui un documento di ricerca australiano dell’Università del Galles del Sud. D’altra parte, è indiscutibile che possono verificarsi problemi muscolari durante l’assunzione di statine, soprattutto ad alte dosi. “Tuttavia, questi problemi di solito possono essere evitati regolando attentamente il farmaco. Soprattutto, è importante avvicinarsi con attenzione alla dose ottimale all’inizio del trattamento”, consiglia il cardiologo Klaus.

Queste combinazioni di farmaci sono spesso prescritte per il trattamento di livelli elevati di colesterolo

Quando tutte le statine non sono sufficienti per abbassare i livelli di colesterolo, vengono spesso combinate con ezetimibe, un medicinale che riduce l’assorbimento del colesterolo dall’intestino. Un’altra alternativa spesso prescritta è una combinazione di ezetimibe e acido bempedoico. Quest’ultimo – simile alle statine – inibisce l’assorbimento del colesterolo nel fegato, ma si dice che provochi meno dolori muscolari. Il cardiologo Klaus vede le nuove iniezioni come una buona aggiunta alle opzioni di trattamento. “È particolarmente utile per i pazienti per i quali i tablet non funzionano come dovrebbero”.

Tuttavia, continua Klaus, la terapia parenterale da sola di solito non è sufficiente per la maggior parte dei pazienti. “La raccolta sarà quasi sempre necessaria.”

Related articles

Lava dell’Etna – chiuso l’aeroporto di Catania

Berlino. L'Etna torna a eruttare in Sicilia paralizzando l'aeroporto di Catania: voli cancellati o...

Taylor Swift gioca ad Amburgo: gli Swifties festeggiano sul campo | NDR.de – Cultura – Musica

Al: 23 luglio 2024 alle 16:12 Oggi e domani Taylor Swift eseguirà il suo concerto “Eras Tour” davanti a...