Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una multa di 100.000 euro per parola straniera o storpiatura? I post-fascisti italiani pianificano la legge sulla giungla

Una multa di 100.000 euro per parola straniera o storpiatura?  I post-fascisti italiani pianificano la legge sulla giungla
  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Creato da:

Da: Riccardo Strobl

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni si rivolge a una sessione parlamentare. (immagine iconica) © Roberto Monaldo/dpa

In Italia, errori linguistici o l’uso di parole inglesi straniere possono presto portare a multe fino a 100.000 euro. La bozza di Fratelli d’Italia lo anticipa.

ROMA – I post-fascisti italiani hanno suscitato ancora una volta una frenesia attorno al premier Giorgia Meloni. Questa volta non si limita all’Italia, poiché un nuovo disegno di legge interesserà gli stranieri e le società internazionali con sede in Italia. Ma sono gli italiani a subire i rigori.

La selvaggia legge italiana rende le parole straniere un reato punibile

Perché secondo la bozza in Italia potrebbero presto essere minacciate multe da 5.000 a 100.000 euro, ad esempio se nelle comunicazioni ufficiali si usano parole straniere. Attenzione speciale: le parole straniere inglesi stanno diventando sempre più comuni in tutti gli ambiti della vita in Italia. Tuttavia, secondo la bozza, questi inglesi avrebbero “umiliato e umiliato” la lingua italiana. Cnn è chiamato La situazione ora è anche peggiore poiché la Gran Bretagna non fa nemmeno parte dell’UE dopo la Brexit.

Un case study ad alta voce La Stampa: I titoli di lavoro nelle aziende dovrebbero essere nominati in italiano se non possono essere tradotti. Il termine Bachelor of Laws sta già raggiungendo il suo limite qui. Come il CEO o le risorse umane.

Ma la legge non riguarda solo le parole straniere.

Maloney Law: sanzione per errore di pronuncia?

Ad esempio, le aziende pubbliche e private devono presentare tutti i documenti in italiano che sono “fatti o distribuiti nel Paese”. Repubblica di La Dalla bozza. Qualsiasi comunicazione pubblica da parte di aziende o enti pubblici deve essere in lingua italiana. Ciò include la pubblicità. Qualsiasi conferenza o evento in Italia deve fornire interpreti o attrezzature per la traduzione. Secondo la CNN, le aziende straniere devono pubblicare tutti i regolamenti interni e i contratti di lavoro in italiano. Inoltre, bisogna garantire che l’italiano sia la lingua principale anche negli uffici che si occupano di stranieri che non parlano italiano.

Inoltre, nelle università e nelle scuole, “dovrebbero essere offerti in italiano corsi di formazione che non aiutino specificatamente all’apprendimento delle lingue straniere”.

L’Italia progetta la legge della giungla: sanzione per errore di pronuncia?

Secondo la CNN, se la legge deve essere approvata, non solo gli uffici e i dipendenti pubblici, ma anche insegnanti e giornalisti dovranno rispettare la legge. A tal proposito, ai giornalisti delle emittenti RAI statali non è consentito l’uso di termini inglesi come, ad esempio, “streaming” o “surfing”. Inoltre, come riporta la CNN, ci saranno sanzioni per gli errori di pronuncia. La CNN mostra la parola “bruschetta” come esempio. Chi dice “pru-sketta” invece di “pru-sketta” può essere multato.

La bozza ricorda fortemente le leggi sulla protezione della lingua sotto Benito Mussolini e successivamente in Germania sotto Adolf Hitler.

“Pensavamo di aver già visto così tante proposte infinite e ridicole da questa maggioranza, ma un disegno di legge speciale del vicepresidente della Camera di Rambelle le supera tutte”, ha detto. Repubblica La risposta del Movimento 5 Stelle.

Anche altri partiti prendono atto con grande perniciosità del fatto che i Fratelli d’Italia usino frequentemente e felicemente anglicismi. Meloney si è descritto come un “perdente”. Inoltre, il Ministero dell’Industria è stato rinominato: “Ministero del Commercio e del ‘Made in Italy'”.