Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una gigantesca trivellatrice è bloccata in Italia da sette mesi

Una gigantesca trivellatrice è bloccata in Italia da sette mesi
  1. tz
  2. il mondo

Una delle gigantesche alesatrici che stanno costruendo la Galleria di Base del Brennero. © BBT SE

Una delle due gigantesche perforatrici che attualmente scavano dall’Italia al confine austriaco ha causato problemi. Ora dobbiamo rimediare al ritardo.

Bolzano/Innsbruck – Galleria di base del Brennero metterà in difficoltà le persone. Nel 2021, un contenzioso con un’impresa edile ha ritardato di due anni l’apertura prevista, fino al 2032. A maggio è stato annunciato che i costi di costruzione sarebbero aumentati di un miliardo. fino a 10,5 miliardi di euro. Una fresatrice per tunnel stava ora entrando nella linea ferroviaria lunga 64 chilometri che collega Innsbruck. Austria E questo Italiano Franzenfeste vicino a Bressanone (Alto Adige).

Un’armata di gigantesche alesatrici per tunnel (TBM) viene utilizzata per costruire il mega-tunnel, che è destinato a inviare più merci sulle rotaie e rendere il traffico passeggeri tra la Germania e l’Italia più veloce ed efficiente. I giganti, ciascuno lungo 200 metri e pesante 2.750 tonnellate, lavorano all’interno della montagna con 5.700 cavalli. A Malles (Alto Adige) la TBM Virginia e la TBM Flavia estraggono roccia nelle Alpi Centrali dalla primavera del 2019.

Breccia nel tunnel di base del Brennero: una trivella gigante morde la roccia in Italia

Virginia, che sta scavando il tunnel orientale del Brennero, è arrivata nel marzo di quest’anno al confine di stato tra Italia e Austria dopo 14 chilometri – è partita un mese dopo la sorella gemella Flavia. Per Flavia, però, il viaggio non è andato così liscio: un mese dopo che la sorella era arrivata a destinazione, ha percorso 10,6 chilometri e poi è rimasta bloccata.

Andreas Ambrosi, portavoce del consorzio BBT SE, che sta costruendo il tunnel, spiega perché: “A causa del sovraccarico di oltre 1200 metri di roccia e della scarsa resistenza della roccia fratturata, il Monte Flavia ha premuto contro la fresatrice del tunnel, che ecco perché la macchina ha un carico enorme, che ha bloccato la TBM.” Il materiale roccioso sciolto è stato fissato mediante iniezione di calcestruzzo.

Ma rimetterla in funzione è stata una questione difficile: “Negli ultimi mesi sono stati fatti diversi tentativi per utilizzare mezzi tecnici per far funzionare la TBM in modo indipendente”, ha detto giovedì Ambrosi (23 novembre). “Nei tentativi precedenti la TBM non poteva essere espulsa completamente dalla zona di interferenza.”

La ricostruzione risulta complicata

Venerdì (24 novembre) era previsto un nuovo tentativo, il cui successo era certo. “A causa della complessità tecnica e geografica dell’ambiente, il successo delle suddette misure è incerto. Pertanto non è possibile in questo momento stimare quanto tempo ci vorrà per riprendere i lavori di pulizia e di scavo meccanico del tunnel”, ha detto Ambrosi la settimana scorsa. .

Ma il tentativo di venerdì scorso ha avuto successo e gli operai edili hanno ricominciato a perforare e a girare di nuovo. La perforatrice non è ancora penetrata nella zona della faglia, quindi per il momento i lavori non procedono a pieno ritmo. Ma: “PPT SE ritiene che la fresatrice del tunnel potrà tornare al normale funzionamento una volta attraversata la zona di faglia”, afferma Ambrosi. Poi Flavia raggiunge la roccia favorevole con il ghee centrale. “Questa roccia dura consente prestazioni preliminari migliori perché la TBM è progettata per questa geologia”, ha affermato Ambrosi. “Inoltre, i minatori sono un gruppo molto ben affiatato: sono già stati scavati quasi undici chilometri di questo tunnel principale.”

Il tunnel tra Italia e Austria sarà completato più tardi?

La rottura sconvolgerà il programma complessivo della Galleria di Base del Brennero? “Se un TPM non funziona per diversi mesi, il backlink non può essere completamente compensato”, spiega Ambrosi. Ma: “In base alle conoscenze attuali, la cessazione di TPM Flavia non dovrebbe avere alcun impatto sul progetto complessivo.” Secondo Ambrosi, attualmente risultano violati oltre 220 chilometri di gallerie, 153 chilometri tra gallerie, attraversamenti e cunicoli. . Il progetto attualmente ha una data di completamento del 2032.

Sul versante tirolese i lavori di realizzazione dei tunnel in Italia non hanno fatto progressi. Solo da maggio o giugno di quest’anno le frese per tunnel girano tra Sillschlucht e Pfons e mancano 16,4 chilometri. Tra Pfons e Brennero non sono ancora stati consegnati; Qui dovranno essere perforati altri 15,2 chilometri. In totale, metà dell’intero tunnel sarà realizzato con TBM, mentre il resto sarà fatto saltare e scavato con macchine a martello pneumatico.

Le imprese di costruzione fanno pagare un extra per i lavori extra

C’è da chiedersi se il tunnel abbia superato il budget perché le imprese di costruzione ora hanno bisogno di più soldi: “Non vogliamo annunciare l’importo esatto delle richieste di costi aggiuntivi a causa delle trattative in corso tra cliente e appaltatore. ”, spiega Ambrosi.

Ma: “Questi scenari sono stati presi in considerazione nell’analisi dei rischi del progetto BBT per quanto riguarda i costi. Da ciò viene ricavata una riserva di rischio, ovvero un buffer finanziario, di cui si tiene conto nell’attuale valore totale dei costi di 10,5 miliardi di euro.

Ancor prima dell’apertura del nuovo tunnel, le Ferrovie dello Stato italiane FS vogliono far circolare treni espressi diretti da Roma e Milano a Monaco e poi a Berlino. ÖBB spedirà l’anno prossimo Nuovi treni railjet da Monaco a Bologna e Venezia – con un numero significativamente inferiore di parcheggi per biciclette.