Dicembre 6, 2021

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un uomo britannico infligge 121 ferite a una donna: la vita

Nessuna parola per il martirio di Helen Joy (54). Ora un tribunale inglese ha condannato il suo Peniger Kevin Ashton (45): ergastolo! Molti media britannici ne parlano.

I tecnici forensi hanno riscontrato un incredibile numero di 121 lesioni sul corpo della donna, tra cui un’emorragia cerebrale e 14 costole rotte.

La sanguinosa azione era già avvenuta nel gennaio di quest’anno. I sospetti caddero presto sulla fidanzata della donna assassinata. Quando fu arrestato, si diceva che si fosse lamentato: “Il mio dannato aereo (A quanto pare il soprannome di Helen Joy, ndr) È morto e ora la colpa è mia”.

Quando le accuse sono state lette alla corte di Liverpool in ottobre, il 45enne ha scosso la testa incredulo.


Helen Joy è stata uccisa (54)Foto: polizia del Merseyside

“Helen Joy è stata letteralmente picchiata a morte da Kevin Ashton”, ha detto il procuratore generale David MacLachlan. L’imputato ha negato le accuse, sostenendo che le lesioni sarebbero state causate da una caduta.

Tuttavia, è stato dimostrato che Kevin Ashton ha trasfuso il corpo di una madre di tre figli dopo la sua morte e ha tamponato il sangue. “Per nascondere la vera natura di quanto accaduto”, ha detto il pubblico ministero.

Poi Kevin Ashton ha lasciato il loro appartamento per drogarsi.

+++ BILD è ora disponibile anche in TV! CLICCA QUI PER BILD LIVE +++

L’imputato aveva già colpito Helen diverse volte in passato. Di conseguenza, è stato condannato tre volte per aggressione. La figlia di Helen Joy ha testimoniato: “Avevo undici anni quando ho visto quest’uomo trasformare la vita di mia madre in un completo relitto. Abusava di lei ogni giorno, senza motivo”.

La giuria aveva condannato il 45enne a ottobre. Come di consueto nel diritto britannico, la sentenza è stata emessa separatamente.

Nella sua dichiarazione di venerdì, il giudice Brian Cummings ha parlato di un “omicidio estremamente brutale” compiuto dalla persona su cui è stata probabilmente contata Helen Joy.

READ  La situazione nella regione del Mar Nero: Putin: non c'è interesse per l'escalation