Febbraio 1, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un piano risolutivo per il Kosovo: il presidente serbo: un accordo è meglio delle sanzioni

Piano risolutivo per il Kosovo
Presidente serbo: un accordo è meglio delle sanzioni

La Serbia e il Kosovo non sono solo legati da confini, ma anche da una profonda inimicizia. Il presidente nazionalista serbo Vucic sta ora considerando di intraprendere un piano di normalizzazione. La minaccia dei diplomatici Ue sembra fare impressione.

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha indicato che potrebbe accettare l’ultimo piano franco-tedesco per normalizzare le relazioni con il Kosovo. Ha detto in una conferenza stampa che i negoziatori occidentali gli avevano dato la possibilità di accettare il piano o sopportare le conseguenze dell’interruzione dei negoziati per l’adesione all’Unione Europea e il ritiro degli investimenti stranieri.

“Se la scelta è che prendiamo sanzioni – e quale potrebbe essere una pena peggiore del disinvestimento – o che invece accettiamo immediatamente qualunque cosa significhi l’adesione del Kosovo all’Onu, sono favorevole a una via di compromesso, per quanto controversa, ” ha spiegato Vucic. .

Il Kosovo, ora abitato quasi esclusivamente da albanesi, faceva parte della Serbia. Dopo una rivolta armata degli albanesi del Kosovo e le massicce violazioni dei diritti umani da parte delle forze di sicurezza serbe, la NATO ha risposto nella primavera del 1999 con bombardamenti in quello che allora era il resto della Jugoslavia (Serbia e Montenegro).

Dal 1999 al 2008 l’Unmik delle Nazioni Unite ha amministrato l’area. Nel 2008, il paese ha dichiarato la sua indipendenza. Fino ad oggi, la Serbia non ha riconosciuto questa mossa e rivendica la terra per sé. Gli sforzi diplomatici dell’Occidente negli ultimi anni non hanno portato ad alcuna significativa normalizzazione della situazione. Di recente, le tensioni sono nuovamente aumentate sotto forma di blocchi stradali e sparatorie.

Il piano franco-tedesco è unanime nell’Unione europea

Il piano franco-tedesco divenne noto nell’autunno dell’anno precedente e non fu pubblicato ufficialmente. Tuttavia, i punti principali sono noti da quando sono stati presentati a entrambe le parti. Tra le altre cose, si afferma che mentre la Serbia e il Kosovo non si riconoscono formalmente, accetteranno reciprocamente l’esistenza del loro stato all’interno degli attuali confini. In particolare, la Serbia smetterà di bloccare l’adesione del Kosovo alle organizzazioni internazionali con il sostegno attivo della Russia. L’ammissione del Kosovo alle Nazioni Unite è finora fallita a causa del potere di veto della Russia, membro permanente del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Vucic ha continuato: “Non c’è dubbio che sosteniamo l’adesione del Kosovo alle Nazioni Unite, ma accetteremo la sua adesione de facto”.

Se ciò accadrà, sarà infatti un punto di svolta nella politica di Vucic per il Kosovo, che finora si è basata sul nazionalismo serbo. “La situazione geopolitica è cambiata”, ha detto. A causa della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, c’è “tensione in Europa”. Le “avventure nel tuo cortile” non saranno tollerate. Il piano franco-tedesco è da tempo diventato un piano Ue, ed è sostenuto anche dai cinque Stati membri che non hanno ancora riconosciuto il Kosovo. Si tratta di Spagna, Grecia, Romania, Slovacchia e Cipro.

Apparentemente, questo è il motivo per cui le cose stanno fermentando nel partito presidenziale SNS. In una riunione del consiglio di amministrazione della SNS lo scorso fine settimana, diversi partecipanti hanno espresso la loro contrarietà a un possibile cambio di rotta. Vucic, che è anche il capo del servizio di soccorso, ha poi minacciato di dimettersi, dopodiché ogni critica è taciuta, come riportato dai media serbi.

Lunedì sera Vucic ha confermato che non era stata ancora presa alcuna decisione. Alla fine, l’ultima parola dovrebbe essere il Parlamento della Serbia e “forse il popolo”.

READ  'La pace non è a nessun prezzo': la Russia minaccia l'esercito americano a Cuba