Aprile 18, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un nuovo terremoto colpisce Turchia e Siria: un terremoto di magnitudo 6,4 colpisce la Turchia sud-orientale

Un nuovo terremoto colpisce Turchia e Siria: un terremoto di magnitudo 6,4 colpisce la Turchia sud-orientale
Disastri Provincia di Hatai

Un altro terremoto colpisce Turchia e Siria: tre morti e centinaia di feriti

“La Turchia si è spostata da tre a sei metri a ovest”

Dopo che il terremoto ha colpito la zona di confine turco-siriana, le speranze di trovare altri sopravvissuti stavano svanendo. “Molte persone sono incredibilmente arrabbiate con il governo”, riferisce la corrispondente di WELT Marion Sendker da Istanbul.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Lunedì sera altri due terremoti hanno scosso l’area. Almeno tre persone sono state uccise e 213 ferite in Turchia. Più di 130 persone sono rimaste ferite in Siria. Martedì il ministro degli Esteri Berbuck e il ministro dell’Interno Weser hanno programmato un viaggio nei territori.

z.zDue settimane dopo che un devastante terremoto ha colpito la Turchia sudorientale, altri terremoti di magnitudo 6.4 e 5.8 hanno scosso la regione. L’epicentro è stato nel distretto di Samandag, nella provincia di Hatay, secondo l’Osservatorio del terremoto Kandilli di Istanbul lunedì. Almeno tre persone sono state uccise. Il ministro dell’Interno turco Suleyman Soylu ha dichiarato lunedì sera che altri 213 sono stati portati in ospedale. Secondo l’organizzazione di soccorso White Helmets, più di 130 persone sono rimaste ferite nel nord della Siria e diverse case danneggiate sono crollate.

La CNN Turk ha riferito che la gente è corsa per le strade in preda al panico e che l’elettricità è stata interrotta a Hatay. Il sindaco di Hatay Lutvu Savvas ha avvertito che i terremoti continueranno. Twitter ha chiesto di stare lontano dagli edifici a rischio di crollo. L’agenzia di stampa statale Anadolu ha riferito che l’ospedale governativo nella città costiera di Iskenderun è stato evacuato.

Leggi anche

DISPENSA - 11 FEBBRAIO 2023, TURCHIA, Diyarbakir: Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan (C) e sua moglie Emine incontrano le vittime del terremoto e offrono le condoglianze nella tendopoli dopo che diverse province turche sono state colpite dai terremoti.  La Turchia ha dichiarato sette giorni di lutto nazionale dopo che i terribili terremoti hanno colpito le province meridionali.  Foto: - / Presidenza turca / Immagini APA via ZUMA Press Wire / dpa - ATTENZIONE: Solo per uso editoriale e solo con crediti di etichetta completi sopra +++ dpa-Bildfunk +++

Secondo i resoconti dei media, il terremoto è stato avvertito dai residenti nelle province limitrofe del nord della Siria, Israele, Iraq e Libano. Una portavoce dell’organizzazione di soccorso SAMS ha detto che le case sono crollate di nuovo in diversi luoghi vicino alla città di Aleppo. Tra questi c’è la cittadina di Jenderes, vicino al confine turco, colpita duramente dal terremoto di due settimane fa.

Un residente vicino alla città siriana di Aleppo ha affermato che la scossa è stata forte quanto il terremoto avvenuto due settimane fa, ma è durata poco. “Ha spaventato le persone e le ha fatte correre per le strade”, ha detto uno dei residenti, Abdul Kafi. “Molte persone hanno lasciato le loro case e vagano per le strade, temendo ulteriori attacchi”, ha scritto su Twitter la portavoce dell’UNHCR per l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) nella zona, Rula Amin.[الزلازل]anche nella capitale siriana, Damasco.

La mattina presto del 6 febbraio, un terremoto di magnitudo 7,7 ha scosso la Turchia sud-orientale e la Siria settentrionale, seguito ore dopo da una seconda, intensa scossa di magnitudo 7,6 sulla scala Richter. Ad ogni modo, l’epicentro è stato nella provincia meridionale turca di Kahramanmaras. Sono morte più di 47.000 persone, di cui più di 41.000 in Turchia.

Anche il ministro degli Esteri tedesco Analina Berbock e il ministro dell’Interno Nancy Weser hanno in programma di visitare martedì la zona sismica nel sud-est della Turchia. Durante la visita di un giorno, i due politici vorrebbero farsi un’idea della situazione nel sito, ha annunciato lunedì a Berlino un portavoce del ministero degli Esteri tedesco. Si prevede inoltre di visitare Kahramanmaras, a nord-ovest di Gaziantep.

Secondo le informazioni, Berbock e Weisser desiderano anche parlare con le organizzazioni umanitarie tedesche durante la visita. Inoltre, c’è la questione di come attuare la decisione del governo federale, secondo la quale i terremotati dovrebbero poter recarsi dai loro parenti in Germania per qualche tempo senza burocrazia. Non è ancora chiaro quanto i nuovi terremoti influenzeranno il volo.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.