Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un laboratorio del populismo moderno

Un laboratorio del populismo moderno

I politici aspettano sempre con ansia le prossime elezioni. Si chiedono quali promesse o programmi politici possono utilizzare per raggiungere l’obiettivo di mantenere o espandere il proprio potere. Se la più grande ambizione di un politico dovrebbe essere il bene della società, i populisti riconoscono i sentimenti a proprio vantaggio e li sfruttano per i propri fini. In questo senso l’Italia è il laboratorio del populismo moderno.

Nel 1992 il vecchio sistema partitico crollò. Un anno dopo, Silvio Berlusconi è entrato in questo vuoto. Il motivo principale del suo coinvolgimento era la preoccupazione per il benessere del suo impero televisivo, costruito da imprenditori senza scrupoli e astuti nel giro di un decennio contro l'egemonia del monopolio televisivo di Stato. Ha unito i suoi interessi personali con la promessa di prosperità. Altri elementi politici furono l’anticomunismo e un profondo sospetto nei confronti dello Stato.

Berlusconi ha dato le vere lezioni di populismo, se volete. Prima delle elezioni del 2001, firmò in diretta televisiva un “patto con gli italiani” che prevedeva il dimezzamento delle agevolazioni fiscali, della disoccupazione, delle tutele e dell'aumento delle pensioni. L'imprenditore, che ha chiamato il suo partito Forza Italia ispirandosi al grido di battaglia dello stadio di calcio e ne ha affidato lo sviluppo all'agenzia pubblicitaria della sua emittente televisiva, è, in un certo senso, il maestro del populismo.

Anche il populismo di sinistra è emerso da una crisi. Berlusconi e la crisi economica e finanziaria del 2008 hanno portato alla luce il Movimento Cinque Stelle. Il suo fondatore è il comico Pepe Grillo, che in realtà aveva nobili intenzioni con il Vafanculo Day (Lick My Ass Day) nel 2007, vale a dire far rispettare gli standard morali minimi per candidarsi come politico. Il modo in cui si comportava ricordava sicuramente la casta che criticava.

Nella scia di Berlusconi e Grillo, Matteo Salvini e la sua Lega hanno preso il controllo dello spettro degli elettori di destra. Dal 2013 persegue una tendenza nazionalista di destra simile a quella di Marine Le Pen in Francia e la combina con proteste aggressive contro le riforme sociali e un diffuso scetticismo nei confronti dell’UE in Italia.

Sebbene i Cinque Stelle abbiano fatto un uso molto intelligente dei disordini sociali, Salvini ha scelto l’emigrazione per fare appello alla sensibilità degli italiani irrequieti. Con campagne aggressive contro i migranti e poi contro i soccorritori nel Mediterraneo, il leader del partito ha ottenuto il sostegno dello spettro di destra. In qualità di ministro degli Interni, Salvini ha istituito il disumano sistema di blocco delle navi, in cui centinaia di migranti sono stati catturati nel Mediterraneo e trattenuti nei porti italiani. Il leader del partito è stato etichettato come un vero populista di destra.

Giorgia Meloni, presidente del Consiglio da oltre un anno, ha beneficiato della megalomania di Salvini. Nel 2019 avrebbe voluto trasferire la sua vittoria alle elezioni europee (34%) sugli equilibri di potere nazionali e smantellare la coalizione populista, ma il piano è fallito. Soprattutto, un profondo sospetto nei confronti dello Stato e un diffuso senso di perdita di indipendenza dai partner dell’UE hanno alimentato il populismo in Italia.

Ciò ha portato ad una rapida successione di nuove figure al potere. Adesso tocca a Georgia Meloni uscita dal Neofascismo. Il loro populismo ha portato ad un certo senso di realismo nel governo. Non si parla più del blocco marittimo anti-immigrazione promesso in campagna elettorale; Modera i toni e cerca soluzioni, anche se controverse. Ciò vale ad esempio per gli accordi sui rifugiati con Tunisia e Albania. Il Primo Ministro ha assunto un chiaro impegno nei confronti della NATO e della solidarietà con l’Ucraina.

In termini di politica interna, Maloney sta preparando una riforma costituzionale per rafforzare il potere esecutivo. Tuttavia, etichettare il suo percorso verso il potere come puramente populista non è sufficiente. Forse ha imparato dai suoi predecessori e dalle loro disgrazie. Maloney chiarisce: fare campagna elettorale è una cosa, governare è un’altra.


Alla home page