Febbraio 28, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un gigantesco vulcano in Italia potrebbe presto eruttare

Un gigantesco vulcano in Italia potrebbe presto eruttare
  1. Home page
  2. panorama

La situazione presso il gigantesco vulcano dei Campi Flegrei vicino a Napoli sembra essere più esplosiva di quanto le autorità abbiano finora riconosciuto. Gli esperti sono preoccupati.

Napoli – Supervulcano dei Campi Flegrei al Sud In Italia I residenti della città costiera di Pozzuoli e delle comunità circostanti sono preoccupati da mesi. Sul vulcano gigante si trovano anche le zone occidentali di Napoli. Gli sciami di terremoti continuano a sollevare timori sull’avvicinarsi di un’eruzione vulcanica potenzialmente devastante. Ciò non è accaduto fino a giovedì (23 novembre). Un altro terremoto a sciame.

Fino ad ora gli abitanti erano stati rassicurati sul fatto che il magma situato a una profondità compresa tra i sette e gli otto chilometri riscalda solo le falde acquifere. Questo campo idrotermale provoca terremoti e innalzamento del suolo.

Italia: occorre alzare il livello di allerta sul vulcano gigante vicino Napoli

Ma in realtà, le autorità ritengono che il magma possa essersi fatto strada in superficie. Il ministro della Protezione civile Nello Mussomeci, del partito postfascista Fratelli d’Italia, ha parlato della possibilità di alzare il livello di allerta da giallo ad arancione dopo la riunione del comitato grandi rischi del 26 e 27 ottobre. Ciò ha sorpreso molti osservatori.

Ora è chiaro qual è il retroscena: Dem Corriere del Mezzogiorno Sono ora disponibili i verbali di sei pagine della riunione, il che è fantastico. Secondo la lettera, il magma non è “coinvolto” solo nei terremoti e nel sollevamento del suolo. Inoltre, “quasi certamente si è innalzato da un bacino profondo da sette a otto chilometri fino ad un altro bacino profondo quattro chilometri”. Secondo gli scienziati, tutto ciò potrebbe essere accaduto nel periodo dal 2015 al 2022, e non sono disponibili dati più recenti.

Si dice che il magma sia coinvolto nei terremoti e nel sollevamento della terra

Gli scienziati lo deducono dalle deformazioni del suolo misurate dai satelliti. Il terreno dentro e intorno a Pozzuoli è in aumento da anni a causa della pressione dal basso. Chiaramente la colpa non è solo dell’acqua calda: “La modellazione del campo di deformazione dal 2015 richiede un contributo aggiuntivo da una fonte di magma a una profondità di 7-8 km”, hanno scritto i vulcanologi nel rapporto. La pressione idrotermale (attraverso l’acqua calda risultante) è una fonte fusa che provoca la risalita.

Il protocollo di sei pagine mostra il pericolo di un'esplosione imminente.
La prima pagina di sei pagine del verbale del Comitato Grandi Rischi. ©Foto: Facebook/Anna Peluso

Gli scienziati sono interessati anche ad analizzare i gas che escono dalle sorgenti termali del cratere vulcanico Solvatara, spesso visitato dai turisti. Perché indica anche un maggiore coinvolgimento del magma. “Dal 2021 il sistema idrotermale si sta evolvendo verso condizioni più magmatiche. Inoltre, l’aumento dell’idrogeno solforato dal 2019 non può essere attribuito ad un’origine puramente idrotermale, ma richiede un ulteriore contributo di zolfo, che, secondo le analisi isotopiche condotte Finora corrispondono a un’origine fusa.

Analizzando i dati gravimetrici si ritiene che il magma sia la seconda fonte oltre all’acqua calda. “I valori di intensità potrebbero indicare una fonte ibrida”, sottolineano gli scienziati.

Per quanto tempo il “tappo” sotterraneo resisterà alla pressione?

Un’altra preoccupazione riguarda la struttura geologica “argillosa e impermeabile” profonda tra i 100 e i 200 metri, considerata “moderatamente resistente” e che funge da “contenimento per i fluidi in pressione”. In breve, è un gigantesco tappo contro “la possibilità di una massiccia esplosione”. Si tratta di un’eruzione vulcanica nella quale inizialmente la lava non affiora in superficie, ma bensì l’enorme pressione dell’acqua calda provoca una grande esplosione. Le terribili esplosioni di solito avvengono senza alcun preavviso. La domanda è: per quanto tempo questo strato protettivo resisterà alla pressione?

Eruzione del vulcano Etna nel marzo 2013
Il supervulcano dei Campi Flegrei potrebbe eruttare in pochi mesi. Qui potete vedere l’eruzione relativamente innocua dell’Etna in Sicilia. © wead/agefotostock/IMAGO

Un’eruzione vulcanica può essere utilizzata per aprire la strada alla lava, consentendo il verificarsi di un’eruzione vulcanica. Tuttavia, sembra che i sistemi di misurazione in situ non siano adatti per prevedere in modo affidabile tali eruzioni. I dati satellitari potrebbero non essere sufficientemente precisi: “La capacità di analisi spazio-temporale continua del GNSS non sembra essere evidente nel rilevamento tempestivo delle fasi iniziali di queste dinamiche, quando sono associate alla generazione di piccoli segnali”.

Eruzione del supervulcano possibile “entro pochi mesi”

Pertanto, «è stata evidenziata l’urgenza di estendere le analisi fino al 2023 per verificare la transizione del magma dal regime profondo (7-8 km) al regime superficiale (4 km). I ricercatori che partecipano al protocollo non possono escludere un rapido progresso verso la risalita del magma che potrebbe raggiungere la superficie. Non si può escludere che “potrebbero verificarsi processi come una significativa attività sismica, fenomeni superficiali e la risalita del magma in superficie”.

Gli esperti avvertono da mesi che i campi di flegrano, come il vicino Vesuvio, sono pronti ad esplodere. Tutto ciò potrebbe accadere molto rapidamente, ha concluso il comitato: “Agli attuali ritmi di deformazione, il processo di rottura della crosta terrestre potrebbe accelerare ulteriormente fino al raggiungimento di condizioni critiche in un orizzonte temporale compreso tra pochi mesi e qualche anno”.