Maggio 20, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un attacco che uccide centinaia: respingere un attacco dell’Isis a una prigione siriana

L’attacco uccide centinaia di persone
Respingere l’attacco dell’Isis a una prigione siriana

L’Isis fa irruzione in una prigione nel nord-est della Siria per liberare i suoi compagni di fede. I combattimenti tra milizie terroristiche e unità curde infuriano da più di una settimana. Gli osservatori hanno contato più di 300 morti da entrambe le parti.

Attivisti hanno riferito che 332 persone sono rimaste uccise in un attacco lanciato dallo Stato islamico (Isis) contro una prigione nella città siriana di Hasaka. E 246 jihadisti e sette civili sono stati uccisi dall’inizio dei combattimenti, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani. Tra i morti c’erano guardie carcerarie e combattenti delle forze democratiche a guida curda che volevano riprendere il controllo della prigione. Una settimana fa, gli attivisti hanno contato circa 130 morti.

Combattenti dell’Isis hanno attaccato la prigione una settimana e mezzo fa per liberare migliaia dei loro sostenitori detenuti lì. Secondo gli attivisti, da allora decine di persone sono rimaste ferite, alcune in modo grave. Decine di migliaia di civili sono fuggiti dai combattimenti nel nord-est della guerra civile. L’attacco è stato uno dei più letali attacchi dello Stato Islamico in Siria da anni. Le forze americane hanno sostenuto la lotta contro gli estremisti con attacchi aerei.

Secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, le forze democratiche siriane hanno ripreso il controllo della prigione e dei suoi dintorni. Tuttavia, hanno continuato a perquisire l’edificio e l’area. I terroristi sono rimasti intrappolati nella prigione fino alla fine. Secondo gli attivisti, sabato sono scoppiati scontri anche tra l’Isis e le forze a guida curda.

Il governo degli Stati Uniti ha ringraziato le SDF per i loro sforzi per riportare la prigione al pieno controllo. Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Jake Sullivan, ha affermato che grazie al loro coraggio e determinazione, l’ISIS non è stato in grado di rilasciare combattenti imprigionati su larga scala per rafforzare nuovamente l’organizzazione. Il “comportamento barbaro” dei combattenti dell’Isis durante l’attacco sottolinea la necessità di una cooperazione internazionale per impedire all’Isis di prendere il potere.

Una dichiarazione dell’Isis sui social media ha affermato che oltre 800 prigionieri sono fuggiti nel raid. Secondo le SDF, diversi prigionieri sarebbero stati riconquistati. Nell’estate del 2014, la milizia terroristica ISIS ha preso il controllo di vaste aree dell’Iraq settentrionale e occidentale e vi ha dichiarato il califfato. Gli estremisti hanno anche governato gran parte della vicina Siria.

Con il supporto militare degli Stati Uniti e di altri paesi, le forze di sicurezza irachene hanno respinto le milizie terroristiche. Nella primavera del 2019, le forze a guida curda hanno catturato l’ultima roccaforte dello Stato Islamico in Siria. Gli osservatori avvertono del riemergere di milizie terroristiche.

READ  Dichiarazione dei redditi pubblicata: ecco quanti soldi ha guadagnato Joe Biden nel 2021