Febbraio 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un amante del tè vede una stella nel “Tekanne Alpenkräuter” e non riesce a credere ai suoi occhi

Un amante del tè vede una stella nel “Tekanne Alpenkräuter” e non riesce a credere ai suoi occhi
  1. tz
  2. consumatore

Quello che c’è sulla confezione dovrebbe essere lì. Questo è ciò che pensava il bevitore di tè e fu smentito. Non tutti condividono la sua rabbia.

Monaco di Baviera – Il tè è un prodotto molto salutare. Se al momento non soffri di astinenza, una bevanda calda può essere benefica per la tua salute. Ad esempio, un certo tipo di tè può aiutare a prevenire il raffreddore.

Un amante del tè scopre un asterisco in “Tekanne Alpenkräuter” e non riesce a credere al perché

La scelta del tè nei supermercati, nei discount o nei negozi specializzati è enorme. Ora un utente di X (ex Twitter) ha condiviso online la sua esperienza con il tè. Secondo il suo tweet, ha scelto uno dei prodotti Teekanne della serie “Four Senses”. (tedesco: i quattro sensi) – Si chiama “erbe alpine”. Dall’articolo non è del tutto chiaro se alla fine gli sia piaciuta o meno la miscela di tisane preparata. Tuttavia, notò un dettaglio importante riguardo al tè che sembrava infastidirlo molto.

Gli amanti del tè hanno notato una stella quasi invisibile dietro la parola “Alpine Herbs” sul retro della confezione. Rimase stupito quando lesse in poche righe ciò che si nascondeva dietro di loro. Vi si legge una breve ma chiara nota: “Le erbe non vengono dalle Alpi”. “Now NewNow New!” “Le erbe alpine non vengono dalle Alpi”, ha scritto compiaciuto l’utente nel suo tweet.

La scoperta del tè fa sollevare le sopracciglia: “Ora mi chiedo da dove viene il latte alpino”

Le reazioni online a questa scoperta non hanno richiesto molto tempo. Le opinioni differivano leggermente. “Le erbe utilizzate sono tipiche delle Alpi”, ha riferito un utente nella descrizione sulla confezione del tè. Ironicamente, è stato aggiunto un ingrediente: la “citronella”. Questo in realtà non proviene dalle Alpi, ma è attribuito alla regione intorno all’India. Un altro ha scherzato: “Forse nemmeno erbe, ma più profumi”. Un altro utente ha detto: “Ora mi chiedo da dove viene il latte alpino…”

È stato sottolineato altrove che la terminologia relativa ad un alimento non sempre si riferisce ai suoi ingredienti. “Non c’è nemmeno il fegato a Leberkäse”, si diceva. Oppure “la cotoletta alla milanese viene raramente da Vienna” e “nemmeno i würstel vengono da Francoforte”. Un utente ha aggiunto sapientemente: “Nemmeno l’olio di semi di zucca viene dalla Stiria (può essere spremuto dai semi di zucca della Bassa Austria nei frantoi del Burgenland – viene prodotto anche in questo modo).”

Il retro di una scatola da tè
Un amante del tè ha scelto la varietà “Alpenkräuter”. E lasciati sorprendere dai dettagli. © Screenshot/Twitter.com

Le erbe non provengono dalle Alpi: questo è comprensibile anche per i produttori di tè

Nel frattempo, altri utenti non pensavano che l’incidente fosse così drammatico. E hanno difeso un po’ il produttore. “Non penso che sia così grave come è stato denunciato qui. “È pubblicamente riconosciuto e persino giustificato (richieste di quantità elevate)”, ha detto uno di loro, indicando l’etichetta sulla confezione. “E inoltre, è ovvio se si spendi cinque secondi sull’argomento.” Un utente ha scritto: “Almeno scrivono lì. Per esempio le ciliegie piemontesi non ci sono, vengono dalla Germania e sono amarene.” Un altro ha giudicato: “Almeno onestamente”.

Una portavoce di Teekanne Germania ha spiegato quando gli è stato chiesto IPPEN.MEDIAChe il prodotto “non fa più parte della collezione Teekanne Germany da diversi anni”. Il tè Four Senses Alpine Herbs è ancora venduto in Austria. Una richiesta rivolta a Teekanne Österreich sul motivo per cui l’azienda ha deciso di non acquistare le erbe per la sua gamma di tisane alpine da Alpine rimane al momento senza risposta.

La confezione non sempre mantiene ciò che il contenuto promette. L’etichettatura dei prodotti a volte lascia i consumatori confusi. Come un cliente Lidl che di recente ha posto una domanda ovvia dopo aver guardato una confezione di bastoncini di formaggio.