Maggio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un altro pianeta all’interno della Terra? Si dice che all’interno della Terra esistano i resti del protopianeta Theia

Un altro pianeta all’interno della Terra?  Si dice che all’interno della Terra esistano i resti del protopianeta Theia
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

La Luna si è formata in seguito alla collisione della Terra con il protopianeta Theia. Ma non è tutto, come dimostra un nuovo studio.

PASADENA — Circa 4,5 miliardi di anni fa, la Terra in via di sviluppo entrò in collisione con il protopianeta Theia — e da quella collisione si formò la Luna. Finora la ricerca è relativamente unanime. Ma dove sono finite le parti di Theia che non sono diventate la luna? Il ricercatore Qian Yuan del California Institute of Technology (Caltech) e dell’Arizona State University Ha una teoria da anni: I frammenti di Theia cadono all’interno della Terra.

In un nuovo studio, Nella rivista specializzata natura pubblicato In collaborazione con un gruppo di ricerca internazionale, Yuan vuole dimostrare che parti del protopianeta Theia si trovano nelle profondità del mantello terrestre, sotto l’Oceano Pacifico e sotto l’Africa. In realtà ci sono anomalie che i ricercatori osservano da tempo: due regioni delle dimensioni di un continente che rallentano le onde sismiche fino a una profondità di circa 2.900 chilometri. Gli esperti le chiamano “Large Low Shear Velocity Province” (LLVP).

Si dice che parti del protopianeta Theia si trovino all’interno della Terra

Cosa siano i LLVP non è ancora chiaro, ma lo studio condotto da Yuan e dal suo team potrebbe cambiare la situazione. “Abbiamo dimostrato che gli LLVP potrebbero rappresentare resti sepolti del materiale del mantello di Theia che si è conservato nel mantello primordiale della Terra dopo la collisione che ha portato alla formazione della Luna. Le nostre simulazioni mostrano che parte del materiale di Theia potrebbe essere entrato il solido mantello inferiore della Terra”. Primario.

La Luna si è formata in una violenta collisione tra la proto-Terra e il protopianeta Theia, che ha all’incirca le dimensioni di Marte. Il nuovo studio mostra che parti di Theia potrebbero essere sprofondate nella Terra. © Hernan Canelas/Springer Natura

Nelle loro simulazioni, Yuan e il suo team hanno ottenuto una densità per i frammenti di Theia che affondano che è dal 2 al 3,5% superiore alla densità del mantello terrestre – molto simile alla densità mostrata dagli studi sismici di anomalie reali nell’atmosfera terrestre. Il mantello terrestre. La maggiore densità spiega perché il materiale affonda.

Dopo la collisione di Theia con la Terra si formò la Luna

Secondo il team, dopo la collisione tra Theia e la Terra, parti del protopianeta di dimensioni di diversi chilometri sprofondarono all’interno della Terra e lì si fusero per formare strutture più grandi. Le simulazioni mostrano anche che tali grandi condensazioni potrebbero mantenersi per quattro miliardi e mezzo di anni, fino ai giorni nostri. Poiché non è ancora possibile penetrare nell’interno della Terra – il pozzo più profondo è profondo circa 12 chilometri – i presunti resti di Theia all’interno della Terra possono essere esplorati solo indirettamente.

Lo studio non riguarda solo il sistema Terra-Luna, sottolinea il gruppo di ricerca: “Poiché i grandi impatti si verificano spesso nella fase finale della formazione dei pianeti, simili disomogeneità del mantello causate dagli impatti potrebbero essere presenti anche all’interno di altri pianeti”. ditelo, è nello studio. (fattura non pagata)