Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un addetto al cinema spiega perché il film non è stato proiettato

Un addetto al cinema spiega perché il film non è stato proiettato
  1. Pagina iniziale
  2. Locale
  3. Chiese di legno
  4. Chiese di legno

creatura:

da: Caterina Hager

Thomas Modlinger, gestore del cinema Fools di Holzkirchen dal 2012.
Thomas Modlinger, gestore del cinema Fools di Holzkirchen dal 2012. © Thomas Plettenberg

Con quattro Academy Awards, la coproduzione tedesca Nothing New in the West ha scritto la storia del cinema tedesco. L’operatore cinematografico Thomas Modlinger di Holzkirchen spiega perché non è interessato.

Chiese di legno – Thomas Modlinger ha trasformato la sua passione per il cinema in una professione: dal 2012 gestisce il Fools Cinema di Holzkirchen, un piccolo cinema d’essai. Dopo che la coproduzione tedesca Nothing New in the West ha vinto quattro premi agli Academy Awards, questo anno, siamo venuti a Modlinger per telefono. Quando scopre che dovrebbe riguardare gli Oscar, il direttore della fotografia inizialmente lo congeda: è la persona sbagliata e comunque non sta guardando. Ma ha molto da dire in risposta alle nostre domande. Sul cinema, il cinema e la lotta per la sopravvivenza di fronte ai servizi di streaming.

Signor Modlinger, guarda lei stesso i film sui portali di streaming?

“No. Questa è la mia concorrenza. Devo ammettere che avevamo un account della figlia e durante il blocco era allettante. Ma quello che voglio guardare non è comunque su Netflix”.

Oscar per Netflix: non buone notizie per il cinema, secondo Modlinger

Ora la produzione sta scrivendo la storia del film tedesco commissionato da Netflix. I quattro Oscar sono una buona notizia per il panorama cinematografico tedesco o una cattiva notizia per il cinema?

“Sono combattuto. Sono convinto che Nothing New in the West sia una grande produzione. Non l’ho visto, ma dove ci sono i soldi puoi anche fare grandi cose. Penso che sia una brutta notizia per il cinema e io citerò Detlef Back: Noi – intendo cineasti – Per pensare se vogliamo fare film o solo produrre contenuti.

Quanto è importante l’appeal dei film premium nei cinema?

“Per me, gli Oscar sono in gran parte solo per lo spettacolo, e non do molta importanza a questo. Più importanti per me sono i premi cinematografici bavaresi o tedeschi, i ‘piccoli Oscar’ della nostra industria cinematografica, che possono essere celebrato di tanto in tanto.Legge la maggior parte dei film premiati Ci sono premi come il programma dell’anno scorso.

Netflix sta tornando nei cinema come servizio di streaming con alcune delle sue produzioni – come “Nothing New in the West” e “Guillermo del Toros Pinocchio”. Il film ha bisogno del cinema, nonostante tutte le profezie di sventura?

“Un film, ovviamente, ha bisogno di un cinema. Ma Netflix utilizza solo i cinema”.

Corona e le trasmissioni in diretta hanno colpito duramente i cinema

Nothing New in the West sopravviverà nei cinema sciocchi?

“No. Il distributore ha scritto lunedì se volevamo ancora mostrarlo dopo gli Oscar. Ma chi voleva vederlo deve averlo già visto. Io dico che ci sono abbastanza bei film. Su due schermi puoi mostrare i blockbuster su uno schermo.” Una e una cosa sull’altro schermo. Ho solo uno schermo e non riesco a far funzionare tutto. Forse il film è necessario per i cinema di Tölz e Hausham.”

Si dice spesso che il cinema sia morto. Cosa lo tiene in vita

Max Mohr una volta disse: “Il cinema sta morendo per la sua stessa esistenza. Trinity lo tiene in vita: ha bisogno di un’industria cinematografica che faccia buoni film, di un pubblico che entri, di operatori cinematografici con passione. Se si cade troppo in là, non si lavora, non si lavora solo con la passione. Il triangolo ha tre lati, ma in realtà è inclinato. I cinema non vanno bene. Le riserve sono finite negli ultimi tre anni e i costi sono aumentati su tutta la linea. Non possiamo più eguagliare il Numeri 2018-2019. Questo è un problema generale per i cinema a programma. Per fortuna ho clienti abituali. A un certo punto devo pensare di smettere. Ma chi gestisce il cinema in queste circostanze? Non si sa mai cosa ci riserverà il futuro”.