Gennaio 30, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina +++ Soldati russi partecipano ad esercitazioni in Bielorussia++

nastro dal vivo Notizie sull’Ucraina

I soldati russi partecipano a un’esercitazione in Bielorussia

Schulz vede diminuire il rischio di un’escalation nucleare – Putin non è d’accordo

“La Russia ha smesso di minacciare di usare armi nucleari”, afferma Olaf Schultz in un’intervista. Secondo il cancelliere, il rischio di un’escalation nucleare nella guerra in Ucraina è diminuito. Poco dopo, il capo del Cremlino Putin ha nuovamente minacciato di usare armi nucleari se la Russia fosse stata attaccata.

Con carri armati e artiglieria, i soldati russi in Bielorussia si stanno addestrando per il combattimento invernale. L’allenamento si svolge anche di notte. Il cancelliere Olaf Scholz ritiene che la Russia non minacci più di usare armi nucleari. Altro nel live streaming.

SI soldati americani prendono parte alle esercitazioni militari in Bielorussia. Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che “i soldati del distretto militare occidentale continuano l’addestramento al combattimento intensivo nei poligoni di tiro delle forze armate della Repubblica di Bielorussia”.

L’addestramento al combattimento si svolge durante il giorno e la notte. I video rilasciati dal ministero hanno mostrato soldati russi che si addestrano vicino ai carri armati in una scena invernale, sparando con armi compreso il fuoco dell’artiglieria.

In passato la Bielorussia ha dichiarato di non voler interferire nella guerra tra Russia e Ucraina. Tuttavia, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha ordinato il trasferimento delle truppe al confine ucraino.

Qui è dove troverai i contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel live streaming:

7:30 – Schulz vede diminuire il rischio di un’escalation nucleare nella guerra in Ucraina

Il cancelliere Olaf Scholz (socialdemocratici) vede sgretolarsi il pericolo di un’escalation nucleare nella guerra in Ucraina. “La Russia ha smesso di minacciare di usare armi nucleari”, ha detto Schultz al gruppo di media Funk (edizione di giovedì) e al quotidiano Ouest France. Questa è “una risposta alla comunità internazionale che traccia una linea rossa”.

Alla domanda se il rischio di un’escalation nucleare fosse stato scongiurato, Schultz ha detto: “Per il momento, fissiamo la valuta”.

Il cancelliere ha nuovamente invitato Mosca a porre immediatamente fine alla guerra ea ritirare le sue forze dall’Ucraina. Allo stesso tempo, era pronto a “parlare con la Russia del controllo degli armamenti in Europa”. Questo è stato mostrato a Mosca prima della guerra – “e nulla è cambiato in questa situazione”.

Leggi anche

Allo stesso tempo, Schultz ha sostenuto di aiutare Kiev. “Dopo gli Stati Uniti, la Germania è uno dei paesi che più sostengono l’Ucraina, anche con le armi”, ha detto. Il governo federale lavora sempre in stretta consultazione con i suoi alleati. “A proposito, nessuno ha consegnato carri armati principali in stile occidentale”, ha aggiunto il cancelliere.

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto mercoledì che Mosca userà armi nucleari in risposta a un attacco. “Consideriamo le armi di distruzione di massa e le armi nucleari come mezzi di difesa”, ha detto il capo del Cremlino.

4:22 – Svitto chiede aiuto per i clienti di gasolio da riscaldamento

In vista della conferenza dei primi ministri di giovedì, il capo del governo del Mecklenburg-Vorpommern, Manuela Schwezig (SPD), sta spingendo per un aiuto extra per i clienti di gasolio da riscaldamento, pellet o mattonelle, oltre a regole di disagio rapido per le piccole e medie imprese imprese. “Finora non abbiamo avuto una soluzione per i consumatori che usano petrolio, pellet o bricchette, sebbene anche le loro spese siano aumentate notevolmente”, afferma Schwezig in un’intervista alla Rete tedesca di liberazione (RND).

00:01 – Putin: la guerra in Ucraina potrebbe continuare “a lungo”.

Quasi nove mesi e mezzo dopo aver invaso l’Ucraina, il presidente del Cremlino Vladimir Putin non esclude una guerra prolungata contro il paese vicino. “Certo, potrebbe essere un processo lungo”, ha detto Putin in un incontro con i rappresentanti del Consiglio per i diritti umani da lui fondato. Ha anche chiarito che la metà dei circa 300.000 riservisti reclutati nelle ultime settimane sono di stanza in Ucraina.

22:55 – Ucraina: oltre 1.000 attacchi russi alla nostra rete elettrica

Secondo fonti ucraine, la Russia ha attaccato la rete elettrica ucraina più di 1.000 volte. Questi attacchi sono il più grande colpo alla rete elettrica di sempre. “Più di un migliaio di proiettili e missili sono stati lanciati contro apparecchiature elettriche, linee e sottostazioni”, ha affermato il capo dell’operatore di rete Okenergo Volodymyr Kudritsky, citato da Interfax-Ucraina, “l’infrastruttura energetica è ancora funzionante nonostante i gravi danni”.

21:50 – Giornalista russo condannato a 22 anni di carcere – La Corte respinge il ricorso

Un tribunale di Mosca ha respinto l’appello di un ex giornalista e ha confermato la sua condanna a 22 anni per tradimento. Ivan Safronov è stato accusato di aver fatto trapelare segreti militari all’intelligence ceca e tedesca. Ha respinto le accuse come assurde e ha affermato di non aver fatto nulla di illegale.

Safronov ha lavorato come corrispondente militare per il quotidiano economico Kommersant e in seguito è diventato consigliere del capo dell’agenzia spaziale russa, Roscosmos. Al processo, ha affermato che come giornalista ha pubblicato informazioni raccolte da un’agenzia governativa e da fonti dell’industria militare. Non ha mai avuto accesso a documenti riservati.

Safronov è stato arrestato a Mosca nel luglio 2020. Il suo processo è stato ampiamente definito politicamente motivato. I suoi colleghi hanno criticato il verdetto, definendolo infondato, e ne hanno chiesto il rilascio. Sospettavano possibili ritorsioni da parte delle autorità perché aveva denunciato incidenti nell’esercito e traffici di armi sospetti.

L’Unione europea ha invitato le autorità russe a ritirare tutte le accuse contro Safronov ea rilasciarlo senza condizioni.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE il Podcast AppleE il Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.

READ  Conversazione telefonica tra Putin ed Erdogan