Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina-News: ++ Un deposito di carburante russo è di nuovo in fiamme++

Ucraina-News: ++ Un deposito di carburante russo è di nuovo in fiamme++

IONella Russia meridionale, per la seconda volta in un breve periodo di tempo, è scoppiato un grande incendio in un deposito di carri armati vicino alla Crimea. Giovedì mattina, l’agenzia statale russa TASS ha riferito, citando i soccorritori, che l’incendio è stato causato da un attacco di droni. È stato colpito un parco serbatoi appartenente a una raffineria di petrolio nel villaggio di Elsky.

La notte prima, un incidente simile si è verificato nell’insediamento di Volna, a circa 50 chilometri di distanza, nella regione di Taman, anch’essa situata nella regione di Krasnodar nella Russia meridionale. Anche lì un serbatoio di carburante ha preso fuoco e l’attacco dei droni è stato rivendicato anche dalle autorità russe come causa. Alla periferia di Volna c’è una grande stazione di trasbordo per petrolio e prodotti petroliferi, che vengono poi spediti attraverso il Mar Nero.

Una foto distribuita dalla TASS mostra i vigili del fuoco in un deposito di carri armati a Volna

Fonte: pa/dpa/Ministero russo per le emergenze

Di recente sono aumentati gli attacchi a infrastrutture strategicamente importanti in Russia, che sta conducendo una guerra di aggressione contro la vicina Ucraina. Durante il fine settimana, un drone è stato utilizzato per incendiare un deposito di carburante in Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014. Nella regione russa occidentale di Bryansk, due treni merci sono deragliati in rapida successione dopo le esplosioni. Anche in questi casi si è parlato di attacchi con droni.

Tutte le aree colpite sono vicine all’Ucraina. L’Ucraina raramente rivendica la responsabilità di attacchi di droni su infrastrutture e obiettivi militari in aree vicine alla Russia, che secondo la Russia sono frequenti. Tuttavia, i leader militari ucraini hanno ammesso che gli attacchi alle rotte di approvvigionamento militare e alla logistica fanno parte dei preparativi per una tanto attesa controffensiva.

Qui è dove troverai i contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

Tutti gli sviluppi nel live streaming:

07:21 – Ucraina: respingere gli attacchi dei droni il 18 del 24 di notte

Le difese aeree ucraine hanno dichiarato di aver abbattuto 18 dei 24 droni kamikaze lanciati dalla Russia prima dell’alba. 15 droni Shahed iraniani sono stati lanciati nel porto di Odessa sul Mar Nero, 12 dei quali sono stati intercettati. Il comando militare del Fronte meridionale ha detto che gli altri tre sono caduti sul terreno dell’università e nessuno è rimasto ferito. Le autorità della città di Kiev hanno affermato che tutti i droni che hanno preso di mira la capitale sono stati abbattuti.

7:00 – Selenskyj si reca a sorpresa nei Paesi Bassi

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha fatto un viaggio a sorpresa nei Paesi Bassi. Nella tarda notte di mercoledì, è atterrato da Helsinki con un aereo del governo olandese all’aeroporto Schiphol di Amsterdam, secondo quanto riferito da diversi media. L’emittente televisiva NOS ha mostrato le riprese dello sbarco e del corteo, che si è diretto verso L’Aia con una forte scorta di polizia. I parlamentari hanno confermato su Twitter che giovedì era previsto un incontro con Zelenskyj all’Aia.

Leggi anche

Fermo immagine che mostra l'esplosione sopra la cupola del Cremlino

Secondo quanto riferito dai media, è prevista anche una visita alla Corte penale internazionale dell’Aia. Poco dopo l’invasione russa, la Corte penale internazionale ha avviato indagini su possibili crimini di guerra e, a marzo, ha anche emesso un mandato di arresto internazionale contro il presidente russo Vladimir Putin per crimini di guerra.

I Paesi Bassi hanno finora fornito all’Ucraina un’assistenza militare di circa 1,2 miliardi di euro per difendersi dalla guerra di aggressione della Russia. Il primo ministro Mark Rutte ha anche affermato che anche la consegna di aerei da combattimento non era un tabù.

03:34 – Un altro grande incendio alla fattoria dei carri armati russi

Nella Russia meridionale, per la seconda volta in un breve periodo di tempo, è scoppiato un grande incendio in un deposito di carri armati vicino alla Crimea. Giovedì mattina, l’agenzia statale russa TASS ha riferito, citando i soccorritori, che l’incendio è stato causato da un attacco di droni. È stato colpito un parco serbatoi appartenente a una raffineria di petrolio nel villaggio di Elsky.

La notte prima, un incidente simile si è verificato nell’insediamento di Volna, a circa 50 chilometri di distanza, nella regione di Taman, anch’essa situata nella regione di Krasnodar nella Russia meridionale. Anche lì un serbatoio di carburante ha preso fuoco e l’attacco dei droni è stato rivendicato anche dalle autorità russe come causa. Alla periferia di Volna c’è una grande stazione di trasbordo per petrolio e prodotti petroliferi, che vengono poi spediti attraverso il Mar Nero.

22:15 – La polizia di Berlino si prepara a visitare Selinski

A Berlino la polizia si stava preparando per la visita del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Un portavoce della polizia ha detto che il capo dello Stato prevede di venire a Berlino il prossimo fine settimana su invito del cancelliere Olaf Scholz (SPD). Diversi giornali hanno riferito che Zelensky sarebbe venuto a Berlino il 13 maggio.

Secondo il portale “T-Online”, Kiev è allarmata dal fatto che la visita sia diventata pubblica – e sta quindi valutando la possibilità di annullare il viaggio, secondo circoli filogovernativi in ​​Ucraina. Il fatto che “informazioni sulla politica di sicurezza altamente sensibili siano state rilasciate intenzionalmente da fonti tedesche” è stato estremamente deludente e “irresponsabile”.

20:34 – Gli Stati Uniti vogliono fornire all’Ucraina più munizioni e attrezzature

Il governo degli Stati Uniti ha annunciato nuovi aiuti militari all’Ucraina per un valore di 300 milioni di dollari (271 milioni di euro buoni). Il Dipartimento di Stato americano ha affermato che si tratta di munizioni per sistemi d’arma come lanciarazzi multipli e proiettili di artiglieria Himar.

Leggi anche

Secondo l'agenzia statale TASS, questa foto mostra un soldato del gruppo Wagner davanti a un edificio distrutto a Bashmut.

Gli Stati Uniti inviano anche armi anticarro, missili e armi leggere a Kiev. Il pacchetto comprende anche “camion e rimorchi per il trasporto di attrezzature pesanti, nonché pezzi di ricambio e altre attrezzature da campo essenziali”.

18:33 – La Commissione dell’Unione Europea vuole investire 500 milioni di euro in nuove fabbriche di armi

La Commissione dell’Unione Europea ha presentato un piano per espandere significativamente la produzione di munizioni nell’Unione Europea. Il commissario dell’Unione europea per il mercato interno Thierry Breton ha annunciato mercoledì che il bilancio dell’UE è di 500 milioni di euro e si prevede di costruire nuove fabbriche di armi e ampliare quelle esistenti. Con questo piano, l’UNHCR sta rispondendo alla crescente domanda dovuta alla guerra in Ucraina.

La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha affermato che il piano aiuterà a “fornire all’Ucraina più munizioni per la sua difesa e rafforzare le capacità di difesa europee”. “Manteniamo il nostro impegno a sostenere l’Ucraina e il popolo ucraino per tutto il tempo necessario”, ha affermato.

Leggi anche

Breton ha espresso fiducia nella possibilità di aumentare la produzione di proiettili di artiglieria nell’Unione europea a un milione di pezzi entro un anno. In combattimento, l’Ucraina utilizza ogni giorno diverse migliaia di munizioni. Prima della prevista offensiva di primavera, Kiev ora deve razionarla.

Tuttavia, Breton ha osservato che il disegno di legge non sarebbe in grado di rispondere ai requisiti di munizioni a breve termine dell’Ucraina, che deriverebbero dalla prevista offensiva di primavera. Per fare questo, l’Unione europea dovrà fare affidamento sulle sue “riserve”.

17:41 – Zelenskyj respinge le accuse di tentato omicidio del presidente del Cremlino Vladimir Putin.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha negato le accuse della Russia di un attentato al presidente Vladimir Putin. “Non stiamo attaccando Putin o Mosca, stiamo combattendo sul nostro territorio”, ha detto Zelensky ai giornalisti a Helsinki. “Non attacchiamo Putin, ma lo lasciamo al tribunale (internazionale)”, ha aggiunto.

Il presidente ucraino ha detto che Mosca sogna qualcosa del genere perché la Russia ha già perso la guerra contro l’Ucraina iniziata poco più di 14 mesi fa. La Russia ha accusato l’Ucraina di aver tentato di uccidere Putin con un attacco di droni. Il consigliere di Zelensky, Mykhailo Podolyak, aveva precedentemente affermato che l’Ucraina non aveva nulla a che fare con questo. Ha suggerito che l’incidente fosse una questione di tattica russa.

“Dubito che questi fossero droni ucraini”

La Russia ha intercettato due droni sopra il Cremlino, accusando Kiev di essere dietro l’attacco. L’Ucraina nega. Anche il generale in pensione Roland Cather non crede che si tratti di droni ucraini.

Fonte: WELT / Alexander Simon

16:45 – Gli Stati Uniti non possono confermare l’attacco ucraino al Cremlino e a Putin

Gli Stati Uniti non possono confermare l’accusa della Russia secondo cui l’Ucraina ha tentato di attaccare il Cremlino e il presidente Vladimir Putin. “Semplicemente non lo sappiamo”, ha detto al Washington Post il segretario di Stato americano Antony Blinken. Alla domanda se gli Stati Uniti avrebbero criticato l’Ucraina se avesse deciso di reagire sul suolo russo, Blinken ha risposto che quelle erano decisioni che l’Ucraina avrebbe dovuto prendere. Gli Stati Uniti sono fiduciosi che l’Ucraina sarà in grado di riconquistare una parte maggiore del proprio territorio. La guerra in Ucraina è davvero un fallimento strategico per la Russia.

16:11 – Sospetti vandalismi e attacchi oscurano i piani di celebrazione a Mosca

Treni deragliati, depositi di carburante bruciati, linee elettriche interrotte – e ora anche un presunto tentativo di attacco di droni contro il presidente Vladimir Putin al Cremlino: il recente aumento di sospetti sabotaggi e attacchi sul suolo russo avvicina il conflitto in Ucraina e oscura anche i preparativi per l’annuale di Mosca celebrazioni vittoria sulla Germania nazista il 9 maggio 1945. Il Cremlino ha detto mercoledì che la parata dovrebbe continuare.

Leggi anche

15:43 – L’Ucraina nega la responsabilità dell’attacco dei droni al Cremlino

L’Ucraina ha negato categoricamente le accuse di un tentativo di attacco con droni al presidente russo Vladimir Putin. Il consigliere presidenziale Mykhailo Podolyak ha affermato mercoledì che un simile attacco non risolverà alcun problema militare e sarebbe anche dannoso per i preparativi per gli attacchi pianificati.

E, cosa più importante, consentirebbe alla Russia di giustificare massicci attacchi alle città, ai civili e alle infrastrutture ucraine. Podolyak ha chiesto perché ne abbiamo bisogno?

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“Kick-off Politics” è il podcast di notizie quotidiane di WELT. Argomento principale analizzato dagli editori WELT e le date di oggi. Iscriviti al podcast su SpotifyE Podcast AppleE Musica Amazon o direttamente tramite un feed RSS.