Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina: “Angeli bianchi” ad Avdiivka

Ucraina: “Angeli bianchi” ad Avdiivka

Al: 12 novembre 2023 alle 12:15

Le forze russe assediano la città di Avdiivka. I pochi residenti rimasti vengono accuditi ed evacuati da un’unità speciale di polizia – gli “Angeli Bianchi”. I tuoi viaggi in città sono sempre in pericolo di vita.

C’è solo una strada che conduce attraverso il territorio controllato dall’Ucraina ad Avdiivka. Percorrerlo è pericoloso per la vita: è costantemente sotto il fuoco russo. E nella stessa Avdiivka non esiste più un posto sicuro.

L’ex città industriale situata nell’est del paese è testimone da mesi di una forte concorrenza. La città è di importanza strategica per l’esercito di Putin, anche per la sua vicinanza alla città industriale di Donetsk. I soldati ucraini presenti nella zona hanno l’impressione che, dopo l’attacco di Hamas contro Israele, l’esercito russo abbia aumentato i suoi attacchi con l’obiettivo di circondare la città.

Vivere in rovina

Solo un piccolo numero di residenti sfida la minaccia persistente e sopravvive. Prima dell’inizio della guerra di aggressione russa contro l’Ucraina, ad Avdiivka vivevano circa 30mila persone, ora ci sono circa 1.600 persone. Ghanadej e Dima hanno deciso di prendersi cura di queste persone e di dare loro ripetutamente l’opportunità di portarle fuori dalla città. Appartengono all’unità speciale della polizia ucraina “White Angels”.

“Ogni settimana portiamo pane e aiuti umanitari”, dice Ghanadej mentre gli aiutanti caricano il pane su un veicolo blindato. Oggi non si tratta solo di famiglie private, ma vogliono anche fornire forniture per un piccolo ospedale. Genadej dice che alcuni medici e infermieri lavorano ancora lì. A volte i White Angels portano in città anche animali di peluche, come “antistress” per i bambini che evacuano.

Un piccolo numero di bambini vive ancora con le proprie famiglie nella città completamente distrutta. Ma da aprile non riescono a trovare nessuno, dice Genadej. A causa dei numerosi attacchi russi, quasi tutti i grattacieli sono crollati e i due assistenti non conoscono il numero delle vittime sotto le macerie.

Caricare il nastro trasportatore è il compito più semplice per Genadej e Dima, dopodiché li attende un viaggio pericoloso.

Cercando di mantenere la gestione

Vitaly Barabash è il sindaco di questa città che non esiste più. Ha trasferito il suo ufficio in una località fuori Avdiivka. Va ogni giorno ad Avdiivka e si fa un’idea della situazione.

Vuole anche che i suoi cittadini raggiungano la sicurezza. Lavora a stretto contatto con i White Angels.

Ma Barabash simpatizza anche con coloro che restano. Molti temono di non essere accolti altrove, e alcuni temono di non rivedere mai più la propria patria. Poi c’è un modo di pensare particolare, la “mentalità ucraina”, come dice il sindaco, e questo va capito. Descrive la situazione come segue: “La mia casa è la mia fortezza, anche se è rasa al suolo”.

Le persone continueranno quindi a vivere nei loro scantinati e saranno persino disposte a rischiare la vita solo per essere lì.

Gli attacchi lo hanno esaurito

Sette ore dopo la loro partenza, Genadej e Dima sono tornati dalla loro missione. Hanno portato con sé le foto di una città completamente distrutta – e di Halina, Oleksandr e Ihor. I tre volevano essere salvati all’ultimo momento. Dicono che i loro appartamenti sono stati distrutti dopo essere stati colpiti da diversi missili. Si sono ripetutamente trasferiti in appartamenti abbandonati e non danneggiati. Quando quest’ultimo è stato colpito da un missile, hanno deciso di evacuare.

Halina racconta di aver pregato fino alla fine perché i “loro ragazzi”, l’esercito ucraino, riprendessero Avdiivka: “Ci speravo e ora è tutto finito. L’appartamento non c’è più. Prima il balcone, poi la camera da letto. L’angolo della la casa non c’è più, tutto è bruciato.

Riescono ad uscire da Avdiivka: Halina e Ihor sono salvi grazie agli “Angeli Bianchi”.

Gli agenti di polizia promettono

Adesso i tre stanno andando in un rifugio di emergenza e poi vogliono andare dai loro parenti a Dnipro. Ihor spera di trovare lavoro lì – ed è grato agli “angeli bianchi”: “Salvano vite umane”, dice, e vorrebbe che ci fossero “più persone così”.

Gnadij e Dima vogliono continuare la loro missione “il più a lungo possibile”. Perché Avdiivka è ancora la loro città. E poiché sono agenti di polizia: “Abbiamo promesso di esserci per queste persone”.