“Tutto può succedere” – I beneficiari dell’indennità di cittadinanza utilizzano l’elettricità senza pagare

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. consumatore

Insiste

Nel documentario di RTL2 “Hartz Rot Gold” una beneficiaria di sussidi di cittadinanza ammette di aver utilizzato l’elettricità per mesi senza pagarla. Sei minacciato di un pagamento elevato.

Bremerhaven – Traslocare richiede molto impegno organizzativo. Tra l’altro occorre disdire i vecchi contratti e stipularne di nuovi. Qualcosa potrebbe sicuramente andare storto. In un servizio social su RTL2, uno di loro ha ora confessato I soldi dei cittadini-La destinataria non si è registrata per l’elettricità dopo il suo trasloco. Utilizzano invece l’inquilino precedente.

La beneficiaria dell’aiuto di cittadinanza vive da sei mesi nel suo appartamento senza pagare l’elettricità

Il rapporto sociale RTL2 “Hartz Rot Gold” esamina regolarmente le persone colpite dalla povertà e dalla disoccupazione. Gli eroi condividono le loro esperienze e forniscono spunti nella loro vita quotidiana. Ad esempio, Olaf, beneficiario del Citizen Benefit, che finalmente trova un lavoro dopo 20 anni. Un’altra eroina è Monica, una donna di 51 anni che riceve il beneficio del cittadino. Dopo aver rotto con il suo ex fidanzato Stefan, vive in un appartamento in affitto di 45 metri quadrati nel quartiere Lehi di Bremerhaven.

Il programma evidenzia che Monica ha difficoltà a controllare le sue finanze. Vive nell’appartamento da più di sei mesi e non ha ancora pagato un centesimo per l’elettricità, anche se la usa. Non è ancora riuscita a riscrivere il contratto elettrico a suo nome. C’erano già problemi con la corrente elettrica nel suo vecchio appartamento, dove viveva con il suo ex fidanzato, ed era in pareggio.

Monica, beneficiaria di assistenza comunitaria, vive da sei mesi nel suo appartamento senza pagare la luce. © RTL2/Cuori Oro Rosso

I beneficiari dell’assegno di cittadinanza non pagano l’elettricità: il Centro consulenza consumatori indica scadenze chiare

Stefan è preoccupato per la bolletta elettrica non pagata, quindi accompagna Monica nella registrazione dell’elettricità presso la compagnia energetica. “Beh, da quello che so dal passato di altre persone, ci sarà un piccolo dramma”, dice e avverte Monica, “penso che riceverai il conto e la denuncia penale”.

IL Centro di consulenza per i consumatori Spiega che è importante rispettare le scadenze quando si trasloca. In questo caso vale quanto segue: il contratto deve essere disdetto almeno 14 giorni prima della partenza. È possibile registrare nuovamente l’elettricità nella tua nuova residenza per un massimo di sei settimane in modo retrospettivo, ma Monica ha rispettato questa scadenza per circa cinque mesi. Altri due beneficiari di sussidi di cittadinanza devono restituire 22.600 euro al centro per l’impiego perché si sono recati alla Mecca.

Il beneficiario dell’assistenza cittadina non sa ancora quali conseguenze l’attendono

Tuttavia, il beneficiario dell’indennità di cittadinanza di 51 anni gestisce la situazione con calma. “La mia energia potrebbe spegnersi”, risponde inalterata alle preoccupazioni di Stefan, “beh, potrebbe succedere di tutto”. Tuttavia, poco prima di entrare nell’edificio, Monica sembra un po’ nervosa: “Sì, sono un po’ emozionata. Mi sorprenderà”, dice entrando.

Il dipendente fa notare a Monica che un ritardo così grande nel rispettare la scadenza non è una buona cosa. Poiché Monica non ha con sé il numero del contatore, ottiene un nuovo appuntamento e la dipendente lascia aperte le conseguenze a cui andrà incontro. Come un portale heizsparer.de Pagare un extra per l’elettricità utilizzata nel corso dei mesi potrebbe comportare una bolletta più alta, spiega. In alcuni casi, il fornitore del servizio si impegna a pagare a rate. Tuttavia, non vi è alcun obbligo in tal senso.

L’ex fidanzato Stefan spera che i beneficiari del Citizen’s Benefit non debbano pagare una multa

Dopo l’appuntamento, Monica sembra sollevata. Stefan, d’altro canto, non è impressionato. “In linea di principio, non mi importa”, dice. Spera però che tutto vada bene e che Monica non debba pagare una multa.

Nel documentario “Hartz und Cordial” un’altra beneficiaria della prestazione spiega di non voler rispettare il termine di disdetta legale per il suo appartamento. (rr)

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...