Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Troppo dipendente dalla Russia? La nostra vicinanza all’Italia è ancora più pericolosa

Guest article di Gabor Steiningart: Troppo dipendente dalla Russia? Il nostro grosso problema è che il bambino è troppo vicino

L’attacco di Putin all’Ucraina ha solo aperto gli occhi della Germania su quanto fosse diventata pericolosa la dipendenza dalla Russia. Ma ora è una crisi di governo in un paese dell’UE che ci ricorda che la sua dipendenza da un amico molto stretto è ancora più grande e più triste: il paese preferito della Germania, l’Italia.

In questi giorni tumultuosi, tutti i politici parlano di ridurre i pregiudizi. Dalla Russia. Dalla Cina. Comunque altri regimi autocratici. Ma nessuno parla attualmente dell’enorme dipendenza dell’economia tedesca. Inizia alle nostre porte – magnificamente Italia.

Questo pregiudizio non riguarda i singoli gruppi di beni o la distribuzione di energia, ma la cosa più sacra che un’economia possa avere: la sua valuta. Una moneta comune è più importante per il funzionamento del ciclo economico delle importazioni di gas, nichel e plutonio. Ecco perché la Repubblica Federale Eurodipendente è la madre di tutte le dipendenze.

Dal 2002 Germania e Italia sono indissolubilmente legate all’euro. A quel tempo la lira, moneta debole, era legata alla nuova moneta comune europea. Ovvero: ogni sconvolgimento politico e ogni scetticismo economico a Napoli, Roma o Milano invia vibrazioni sottili che rassodano o ammorbidiscono l’euro.

Circuiti valutari con gravi conseguenze: dove si scrive l’euro c’è anche una parte dell’Italia.

L’euro è scritto all’esterno. Ma dentro c’è un pezzo d’Italia.

Possiamo leggere il calo di pressione proprio dal valore esterno dell’euro rispetto al dollaro. È principalmente a causa dei seguenti sei eventi che l’Italia danneggia permanentemente il valore dell’Euro:

La burocrazia statale italiana cresce come un’alga nel Mediterraneo

1. La spesa pubblica supera le entrate con regolamentazione antiestetica. Mentre le infrastrutture del Paese crollano, la burocrazia statale si gonfia come una spugna nel Mediterraneo. La prima disciplina di spesa di Mario Draghi non ha resistito alla pressione della sua coalizione multipartitica.

alla persona

Gabor Steingaard è uno dei migliori giornalisti del paese. Pubblica una newsletter chiamata The Pioneer Briefing. L’omonimo podcast è il principale podcast quotidiano della Germania su politica e affari. Steinart lavora con il suo team editoriale a bordo di “The Pioneer One” da maggio 2020.. Prima di fondare Media Pioneer, Steingard è stato, tra gli altri, presidente del consiglio di amministrazione di Handelsblatt Media Group. Puoi anche iscriverti alla sua newsletter gratuita Iscriviti qui.

Le torte salate e il paese del lavoro nero: come l’Italia sta eliminando la sua base imponibile

2. L’Italia è ancora un paese pieno di soldi neri e lavoro nero. Stime affidabili dell’Institute of Applied Economic Research presuppongono che il 20% dell’economia nazionale sia organizzata senza autorità fiscali, con conseguente erosione della base imponibile del paese.

L’euro crolla in risposta alla volatilità delle condizioni italiane

3. Il crollo dell’euro riflette anche la situazione politica instabile in Italia. Come ha affermato ieri Mario Draghi nel suo drammatico discorso al Senato, la mancanza di serietà nella politica fiscale: “Quando la necessità di guardare alla sostenibilità del debito era alta, le richieste di maggiore indebitamento si facevano più forti. Il desiderio di andare avanti insieme pian piano è scomparso. ”

La scarsa propensione dell’Italia a sprecare denaro sta paralizzando l’economia europea

4. Continuare a vivere al di sopra delle proprie possibilità porta a un debito pubblico che limita permanentemente lo spazio di manovra degli italiani, ma anche della BCE. Data l’aumento dell’inflazione, la banca centrale dovrebbe aumentare rapidamente i tassi di interesse. Ma lei non può. La banca centrale soffocherà così gli italiani.

Senza la Banca Centrale Europea, l’Italia sarebbe fallita molto tempo fa

5. L’Italia può sopravvivere oggi solo perché la BCE sostiene il bilancio nazionale. Da un lato la politica del tasso zero negli anni ha liberato il Paese dall’onere degli interessi. Acquistando invece strumenti di debito – 430 miliardi di euro attraverso il solo Public Sector Purchase Program – non serve più nel mercato dei capitali. Non appena la BCE inizia ad aumentare i tassi di interesse, gli investitori reagiscono in modo allergico e chiedono premi per il rischio.

Il deprezzamento dell’euro è dovuto alla considerazione dell’Italia da parte della BCE

6. Detto questo, la BCE sta provocando un calo del valore dell’euro rispetto al dollaro – e con esso l’inflazione. Perché il basso valore esterno della valuta significa che petrolio, gas e altre materie prime devono essere acquistati a prezzi più alti nei mercati esteri dominati dal dollaro. Una valuta debole è un driver inflazionistico.

Conclusione:
Questi grandi fatti non parlano contro l’Italia, ma parlano per un’Italia diversa. Il paese è molto grande sotto due aspetti. Troppo grande per fallire. Troppo grande per essere conservato in modo permanente. L’Italia deve smettere di mentire a se stessa, sapendo che non è un compito facile. O come dice Mark Twain: “Una menzogna ha camminato sulla terra tre volte prima che la verità si sia messa gli stivali. ”

Business Class a Istanbul: un account rivela come i politici della Duma sono arrivati ​​in Europa

Potrebbe interessarti anche: