Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trapianto fecale per malattia mentale? L’uomo è guarito dopo il trapianto

Una cultura delle feci può avere un effetto positivo sulla malattia mentale. Lo dimostra un caso di studio pubblicato sulla rivista specializzata Bipolar Disorders. descrizione in esso I ricercatori dell’Università del New South Wales (UNSW Sydney) in Australia condividono le loro osservazioni. È noto da tempo che la malattia mentale è collegata al microbioma intestinale. Tuttavia, quest’ultima osservazione potrebbe rappresentare un nuovo approccio terapeutico.

Il caso di studio descrive il trattamento di un uomo di 28 anni affetto da disturbo bipolare. Quando i ricercatori lo hanno esaminato per la prima volta nel 2014, ha affermato di soffrire di grave ansia da quando aveva 10 anni. Per i ricercatori, ha soddisfatto i criteri per “ansia generalizzata e disturbo di panico”.

Il trapianto fecale come mezzo per combattere la malattia mentale

Come parte del trattamento, all’uomo è stato somministrato uno sgabello, dopo di che i suoi sintomi sono migliorati in modo significativo. Un anno dopo il trapianto, il paziente ha detto che non aveva più bisogno di quasi nessun farmaco e alla fine ha smesso di prenderlo completamente dopo altri quattro mesi.

La “cultura fecale” ha avuto un effetto positivo sul microbioma intestinale. In precedenza, la paziente presentava fasi maniacali alternate a fasi depressive trattate con più farmaci. Ma secondo i ricercatori, l’effetto dei farmaci è stato “insoddisfacente”. Da qui la decisione di eseguire un trapianto fecale.

I trapianti fecali sono usati da molto tempo per curare le malattie intestinali in modo che la flora intestinale possa essere rinnovata. Le feci di una persona sana, ad esempio sotto forma di capsule, vengono trasferite nell’intestino del paziente. Quindi i microrganismi presenti in esso si depositano nell’intestino malato. Può anche essere impiantato tramite un clistere. I possibili effetti collaterali della trasfusione sono finora molto rari, a condizione che il trapianto fecale venga eseguito sotto controllo medico. In teoria, è anche possibile trasmettere agenti patogeni, batteri o virus attraverso le feci.

READ  I numeri della corona stanno diminuendo - la tendenza al ribasso continua - salute

I ricercatori escludono un effetto placebo nel caso di studio

In termini di successo del trattamento, i ricercatori osservano che i singoli casi di studio hanno quasi sempre “rischi chiari e ben riconosciuti”, come la possibilità di una reazione al placebo. Se il giovane viene osservato, i ricercatori descrivono, tuttavia, un’interazione con il placebo può essere esclusa. Perché con un’interazione placebo, ci sarà solo un miglioramento a breve termine. Anche il forte miglioramento dei sintomi in più di un anno ha sorpreso gli scienziati. In passato, hanno descritto il processo di trapianto fecale come “troppo dispendioso in termini di tempo”. Tuttavia, ci sono altri modi per migliorare il microbioma intestinale. In uno studio canadese, i soggetti sono stati alimentati con una piccola dose al giorno, con campioni di feci prelevati alle settimane 12 e 24.

Libro consigliato: Gut mit Charme: All About an Underrated Member

Precedenti esperimenti con colture fecali negli animali hanno già mostrato risultati promettenti. Anche i topi che si nutrivano delle feci di umani depressi sembravano essere diventati depressi. Qualcosa di simile è stato osservato anche nei topi trattati con feci di pazienti con schizofrenia.

Ciò è reso possibile attraverso il cosiddetto “intestino”. Gli esseri umani hanno milioni di neuroni tra la parete intestinale e gli strati muscolari. Lì vengono prodotte anche le sostanze messaggere serotonina e dopamina. Viaggia al cervello attraverso il nervo vago. Quando il microbioma cambia, ad esempio nelle malattie mentali, è possibile che la mucosa intestinale venga danneggiata. Ciò può causare infiammazione. Di conseguenza, gli ormoni della felicità, ad esempio, non possono viaggiare nel cervello senza interferenze. Se il microbioma si stabilizza durante il trapianto, il disturbo sarà invertito. Tuttavia, la ricerca in questo senso è ancora agli inizi. Non è chiaro quando la coltura fecale possa essere utilizzata per curare le malattie mentali. La regola per studiare dall’Australia è simile.

READ  Fegato grasso nonostante una dieta sana: i ricercatori fanno una scoperta sorprendente

Sono necessari più studi

“Sebbene il disturbo bipolare del nostro paziente fosse molto grave, è stato in grado di frequentare l’università, lavorare part-time, viaggiare all’estero e avere partner e relazioni strette”, ha scritto l’autore dello studio. Per la piccola percentuale di persone con disturbo bipolare che non rispondono a più farmaci e sono quindi a maggior rischio di suicidio, poiché gli effetti collaterali di molti farmaci possono abbreviare la vita, si pensa che una cultura delle feci possa avere senso. Sono necessari più studi clinici.

L’articolo contiene link di affiliazione

* Nota: in redazione siamo sempre alla ricerca di prodotti utili per i nostri lettori. I link forniti in questo articolo e contrassegnati dall’icona del carrello o da un asterisco sono chiamati link di affiliazione/link sponsorizzati. Se clicchi su uno di questi link o effettui un acquisto attraverso di essi, riceviamo una commissione dal rivenditore. Questo non cambia il prezzo per te. I nostri rapporti editoriali sono principalmente indipendenti dalla presenza o dall’importo della commissione.