Agosto 11, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tour de France 2022 – Tre cose degne di nota: la fame di Pogacar e Vingegaard sta uccidendo i giovani

Jonas Weinggaard voleva davvero vincere la tappa di Hautacam e l’ha ottenuto.

La forte prestazione di Wout Van Aert ha aiutato il danese, a cui ora si può chiedere se non sarà in grado di lottare per la maglia gialla ad un certo punto.

Ma anche senza l’aiuto di Van Aert, Vingegaard ha dimostrato per tre settimane di essere stato il più forte in questo Giro di Francia.

Giro di Francia

Geschke molto deluso: “Non sono dell’umore giusto ora”

13 ore fa

Cosa da notare anche nel gigantesco duello tra lui e Tadej Pojjakar: la loro esibizione dominante non lasciava quasi respiro agli altri.

HIGHLIGHTS: Vingegaard colpisce duramente Pogacar e Geschke

Tre cose sono emerse a Hautacam:

1.) Vincitore del round meritato Vingegaard

“Non voglio ancora parlare di una vittoria assoluta. Possiamo parlarne in un paio di giorni”, ha detto Jonas Weinggaard in una rapida intervista dopo la 18a tappa per Seb Piquet, Voice of the Tour. È il solito. Il tour si è concluso solo a Parigi.

E dal punto di vista dell’atleta, questo è ovviamente vero: devi rimanere concentrato, non puoi cadere e devi andare ancora in profondità nell’esperienza del tempo, anche con un vantaggio di 3:26 sul campione in carica Tadej Pojjakar.

Ma l’ultima tappa di montagna con la vittoria in solitaria del danese in maglia gialla ad Hautacam – proprio come Bjarne Riis 26 anni fa – lo ha mostrato molto chiaramente: Jonas Vingegaard sarebbe stato il 109esimo vincitore del Tour de France. Il 25enne era il più forte delle tre settimane in Francia, conosceva la risposta ad ogni attacco della gara e ha messo Pogacar al suo posto due volte: al Col du Granon e ora ad Hautacam.

Pogacar battuto: la bella vittoria di Vingegaard ad Hautacam

Pogacar ha valutato la situazione in modo discreto e il direttore sportivo di Vingegaard Grischa Niermann ha riassunto: “Anche se mancavano ancora alcune tappe, penso di aver perso il Tour oggi”, World. Lo ha dimostrato anche oggi”.

SICURO: La forza del suo team Jumbo-Visma Vingegaard ha aiutato sia nelle Alpi nella grande offensiva con Primoz Roglic, sia ora nei Pirenei, dove Sepp Kuss e Wout Van Aert hanno finalmente spinto Pogacar al limite. Ma l’impressione di tre settimane del Tour de France è stata anche: anche con un po’ di appoggio, avrebbe potuto battere il Pogacar.

Lo ha riconosciuto anche il boss della Pogacar Mauro Gianetti: “Quello che Vingegaard ha mostrato oggi è stato eccezionale – ed è anche un grande atleta”. Il fatto che il danese stesse aspettando lo sloveno per l’atterraggio del Col de Spandelles dopo la caduta di Pogacar ha finalmente completato il quadro di un meritato vincitore.

Fantastico fair play! Pogacar cade sul pianerottolo – Vingegaard sta aspettando

2.) Wout Van Aert è incredibile

Wout Van Aert è un fenomeno. Ricordi come il belga è stato criticato dopo la tappa di Longwy per aver sprecato le forze di cui avrebbe avuto bisogno più avanti nel Tour come aiuto ai suoi capitani Roglic e Vinggaard? Bene, all’epoca ho scritto che puoi giudicare questo solo dopo i Pirenei. Ora è il momento: i critici si sbagliavano.

La prestazione dell’uomo al verde nelle tre settimane del Tour de France è stata quasi incredibile. Ha guidato per oltre 600 chilometri in gruppi di fuga. Segnava punti in ogni gara di mezzo se in qualche modo erano in mano, anche se dopo la prima settimana indossava la sua maglia verde così stretta sulle spalle che nessuno poteva togliersela.

Van Aert ha letteralmente giocato con la concorrenza, è saltato in gruppo, quindi ha aspettato di nuovo i suoi capitani sul ciglio della strada e ora ha organizzato un altro spettacolo di mostri Hautacam per coronare il tutto. Dopo un altro giorno al gruppo di fuga, ha prima abbandonato gli alpinisti originali Thibaut Pinot e Danny Martinez nell’ultima salita, solo per dare al capitano Vinggaard una “staffetta da libro illustrato” e prendere le distanze da Tadej Pogacar. Per Lennard Kämna potrebbe averlo fatto con Jai Hindley in un duello con Richard Carapaz al Giro d’Italia in Marmolada a maggio, ma in qualche modo più impressionante.

Momento decisionale: Van Aert e Vinggaard superano Poujacar

In cima alla Hautacam è finito al terzo posto di tappa. “Forse è stato un buon test per vedere se un giorno sarei riuscito a mettere gli occhi sulla maglia gialla”, ha detto il belga, che l’anno scorso ha fatto sorridere quando ha vinto uno split alla tappa del Mont Ventoux. Ma Van Aert ha anche abbassato un po’ le aspettative: “Ci sono riuscito solo un giorno. Ieri ho perso 20 minuti. Fare tutto il tour è un’altra cosa”.

Ma il fatto è: Van Aert fa cose del genere per tutto il tour. E quanto tutto fosse divertente per lui è stato mostrato di nuovo giovedì. Perché il 27enne ha quasi fatto la storia nella Giornata Nazionale del Belgio. “Alla fine ho capito che avrei potuto avere la maglietta Mountain”, ha detto. “Se l’avessi saputo, avrei corso ad Aubisque!”

A proposito, l’ultima persona a vincere la maglia verde e la maglia a pois in un round è stata Eddie Merckx. Erano 53 anni fa.

3.) Macina i regali nella scherma gigante

Tadej Pojakar ha vinto tre tappe, due per Jonas Vinggaard e due per Lott van Aert – e in teoria potrebbe esserci qualcos’altro venerdì, sabato o domenica. Sette delle 18 tappe e tutte e quattro le maglie della classifica vanno a soli tre uomini al Tour de France 109. Questo trio ha quasi dominato il Tour de France quest’anno.

Le vittorie di altri piloti sembravano possibili solo a loro favore. I “giovani” del tour non avevano nulla di cui sorridere quando Pogacar, Vingegaard o Van Aert avevano fame. L’ultima persona a sentire il dolore giovedì sui Pirenei è stata Simon Jeschke. Dopo due settimane di grande lotta per la maglia da montagna, ha dovuto rinunciare perché i “Big Guns” hanno portato con sé la classifica di montagna, per così dire, di passaggio.

Geschke on Earth: Deposed Mountain King sta per piangere

“La battaglia per il giallo può anche definire la Mountain Shirt”, ha dubitato Jishki anche prima del giorno cruciale. Ma non era l’unica vittima della sete di successo di Pogacar e Vingegaard. La classifica generale mostra anche quanto il duo abbia superato chiunque altro in questo tour: anche prima del tempo di prova di sabato, il vantaggio della maglia gialla al terzo posto era grande quanto lo era alla fine di un Tour negli ultimi 20 anni: 2014 quando Vinse Vincenzo Nibali.

Scalatori come Thibaut Pinot hanno lottato invano con i numerosi tentativi di fuga sulle tappe di montagna, perché Pogacar e Vingegaard hanno determinato cosa stava succedendo. E Leonard Kamna può certamente ricordare bene come il duo ha sparato davanti a lui alla Super Planche des Belles Filles a 70 metri.

Conclusione drammatica: Kamena perde la vittoria negli ultimi metri

Lì Pogacar ha vinto e ha detto che voleva davvero vincere perché la sua ragazza era lì e volevano spargere la voce sulla Joint Cancer Foundation. Su Hautacam, Vingegaard ha spiegato di aver vinto perché aveva promesso alla sua ragazza e alla sua figlia che l’avrebbe fatto.

Ci sono sicuramente corridori nel gruppo che sono felici che Pogacar e Vingegaard non abbiano ancora i tanti bambini necessari per vincere una tappa ogni anno.

Potrebbe interessarti anche: Geschke molto deluso: “Non sono dell’umore giusto ora”

Violento scontro in moto: Bauer ed Ekhov cadono gravemente

Giro di Francia

Pogacar ammette la sconfitta: “Oggi ho perso il tour”

13 ore fa

Giro di Francia

Vingegaard vince il giallo dopo un epico duello – Geschke perde la maglia da montagna

16 ore fa

READ  Hannover 96: il presidente Kinde licenzia nuovamente l'ex allenatore Jan Zimmermann - seconda Bundesliga