Luglio 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Timori di recessione invernale: la ripresa economica è sempre più lontana

Preoccupati per la stagnazione in inverno
La ripresa dell’economia è sempre più lontana

di Max Borowski

La maggior parte degli economisti è ancora certa: la crisi del Corona sarà seguita da una forte ripresa. ma quando? In questo momento, l’economia è in recessione o contrazione. Ci sono anche rischi significativi nelle prospettive di speranza per i prossimi anni.

Ora è probabile che l’anno prossimo sarà inferiore di 1,5 punti percentuali. Per mesi è stato lo stesso gioco con le prospettive economiche: la forte ripresa economica che gli economisti originariamente si aspettavano per quest’anno si sta spostando all’indietro da previsione a previsione e si sta riducendo sempre di più. Al culmine della prima ondata di corona nel maggio 2020, l’Ifo Institute con sede a Monaco una volta aveva previsto che il PIL tedesco sarebbe cresciuto di uno sbalorditivo 10,2% nell’anno successivo 2021. Ma non ne rimane molto.

Dopo alcuni mesi, quell’ottimismo si è rivelato insostenibile e le previsioni sono state inizialmente abbassate al 6,4 percento. Poi di nuovo, tornando ad appena il 2,5% di crescita per l’economia tedesca in tutto il 2021. Lo stesso sviluppo è rintracciabile nelle previsioni di tutti i più noti istituti di ricerca economica. Motivi: nessuno si aspettava lo stesso decorso dell’epidemia con la terza e la quarta ondata di contagi in Germania e le corrispondenti contromisure. Ma anche gli effetti indiretti del Corona sull’economia globale, tra cui soprattutto le strozzature causate dalle interruzioni nelle catene di approvvigionamento e dall’esplosione dei prezzi dell’energia, si sono rivelati più violenti e duraturi di quanto temuto.

Ora, nelle sue attuali previsioni economiche, Ifo ha anche abbassato per la prima volta le sue previsioni di crescita per il prossimo anno. Secondo gli economisti, è improbabile che la ripresa dopo la crisi inizi prima della seconda metà del 2022. L’economia tedesca ristagnerà nella metà invernale del 2021/2022. Anche altri economisti temono una recessione. Ciò significa che la produzione economica diminuirà due volte di seguito nell’ultimo trimestre del 2021 e nel primo trimestre del 2022. Il capo economista di Commerzbank Joerg Kramer ha detto a Reuters, quando i governi federale e statale hanno inasprito le regole di Corona, tra le altre cose, “Mi aspetto Più che mai, l’economia tedesca si contrarrà a metà inverno”. Da una a molte industrie sono stati presi i conti annuali.

Poi? La maggior parte dei ricercatori economici afferma che l’aumento promesso è stato solo posticipato, non annullato. “La solida ripresa inizialmente prevista per il 2022 subirà un ulteriore ritardo”, afferma Timo Wollmershäuser, chief economic officer di Ifo. Il PIL dovrebbe crescere del 2,9% nel 2023, il doppio di quanto previsto in precedenza.

Ma fino a che punto valgono queste previsioni considerando il deludente sviluppo degli ultimi mesi? Secondo Wollmershäuser, la proiezione di un aumento della crescita del PIL per i prossimi anni si basa sul presupposto che “a metà estate del 2022 [..] Con l’attenuarsi dell’ondata corona e la graduale fine dei colli di bottiglia nelle consegne, inizierà una forte ripresa”. ei rischi per l’economia rimarranno gli stessi nei prossimi anni.

READ  Guerra in Ucraina: Gestore di hedge fund: il prezzo del petrolio potrebbe raggiungere $ 200 quest'anno - Basse possibilità per il petrolio russo | newsletter