Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Threads” e “X”: Zuckerberg riuscirà a battere Elon Musk? | Vita e conoscenza

“Threads” e “X”: Zuckerberg riuscirà a battere Elon Musk?  |  Vita e conoscenza

Hai già esercitato la tua “L”? Ottimo, ne avrai bisogno in futuro, perché i thread di conversazione stanno iniziando ora. E sembra che Mark Zuckerberg manderà finalmente in scena il suo rivale Elon Musk, anche se il combattimento corpo a corpo non avrà mai luogo. Meta-Zuckerberg ha lanciato un attacco di grande successo sui social media.

Il suo gancio sinistro è l’app “Threads”, che ora è disponibile in Europa. La piattaforma è considerata un’alternativa a “X”, ex Twitter, di proprietà di Elon Musk. Perché? Dato che questo è ciò che era Twitter, molti utenti se ne preoccupano.

I “thread” sono basati sul meta servizio di Instagram. Gli utenti possono creare un profilo associato al proprio account Instagram. Senza il proprio profilo Argomenti, possono leggere, condividere e persino segnalare contenuti, ma non possono pubblicarli da soli.

Ecco come appare quando usi Argomenti per la prima volta

Foto: Pubbliche Relazioni

Con 500 caratteri per post, immagini e video di cinque minuti, l’obiettivo è stimolare la discussione.

Secondo gli studiosi di mercato, da quando Musk ha acquistato il servizio SMS Twitter e lo ha ribattezzato X, il numero di utenti online della piattaforma è diminuito e i principali clienti pubblicitari se ne sono andati. Concorrenti come Bluesky e Mastodon (entrambi molto confusi) hanno visto l’opportunità di colmare il divario. Ma finora non ha ottenuto molto successo.

I “thread” di Zuckerberg sembrano essere più influenti perché il servizio si basa sui collegamenti esistenti degli utenti di Instagram. KO per “X”? In ogni caso la possibilità esiste.