Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Testimoni oculari raccontano scene orribili

Testimoni oculari raccontano scene orribili
  1. Home page
  2. panorama

C’è una guerra in Israele. Anche il festival della danza non è stato risparmiato da Hamas. Sono stati ritrovati circa 250 corpi. Gli ospiti hanno denunciato l’aggressione.

Aggiornamento del 10 ottobre, 19:07: Sempre più sopravvissuti raccontano gli orrori a cui hanno assistito al Festival della Supernova. Una giovane donna è sopravvissuta per sette ore all’attacco terroristico in un seminterrato nascosto sotto i corpi. “Delle 30-35 persone che ce l’hanno fatta, solo 10 ne sono uscite vive”, dice.

Massacro di Hamas durante un festival musicale in Israele: testimoni oculari parlano di scene orribili

Aggiornato al 9 ottobre 2023 alle 19:31: In seguito al brutale attacco dei terroristi di Hamas ad un festival musicale nel sud di Israele, sono emersi resoconti sempre più agghiaccianti da parte di testimoni oculari. Sui social media circolano le registrazioni video degli ospiti del festival in fuga e le immagini dei droni mostrano innumerevoli veicoli abbandonati nel parcheggio e sul ciglio della strada. I rapporti ufficiali dicono che 250 persone sono state uccise e che un certo numero di persone sono state prese in ostaggio e rapite nella Striscia di Gaza.

Contro la rivista elettronica americano-israeliana Onda I sopravvissuti riferiscono di essere stati violentati da Hamas. Un testimone oculare avrebbe detto: “Diverse persone hanno afferrato un giovane mentre guardava la sua ragazza salire su una moto e portarla via”. La persona ha continuato: “Le donne sono state violentate sul posto accanto ai corpi dei loro amici”. È possibile che alcune donne siano state uccise sul posto, mentre altre siano state rapite.

Un altro dice che dopo il massacro è tornato sul posto per cercare i suoi amici. Lì vide corpi senza vita e mutilati, la maggior parte dei quali erano donne; Molti di loro sono vestiti solo in modo succinto. Sembra che siano stati colpiti a distanza ravvicinata.

“Macellato a sangue freddo”: Hamas commette un bagno di sangue durante un festival musicale

Aggiornato al 9 ottobre 2023 alle 13:20: Sabato, nel corso del loro grande attacco contro Israele, gli uomini armati di Hamas hanno ucciso fino a 250 persone durante un festival musicale nel sud del paese, secondo il Servizio di soccorso israeliano. Moti Bokgen, portavoce del servizio di soccorso israeliano ZAKA, ha detto lunedì all’agenzia di stampa israeliana che circa “quattro o cinque camion con 50 corpi ciascuno” erano arrivati ​​dal luogo del festival vicino alla Striscia di Gaza. Agenzia di stampa francese. Si presume che ci siano “da 200 a 250 corpi”. Le informazioni preliminari diffuse domenica parlavano inizialmente di circa 260 morti (vedi originale).

Come ha ulteriormente affermato il portavoce, le persone sono state “uccise a sangue freddo e in un modo assolutamente incredibile”. Non aveva mai visto nulla di simile nei suoi 28 anni di lavoro per l’organizzazione specializzata nel recupero dei corpi. Centinaia di persone, la maggior parte giovani, si sono radunate sul luogo del festival per celebrare il momento in cui i terroristi di Hamas hanno lanciato un grave attacco contro Israele.

Un testimone oculare ha riferito che sul posto si sono verificate scene drammatiche. Ad esempio, Ben Haim lo descrive per Washington PostCome una voce dall’altoparlante ha avvertito i visitatori del festival: “Ragazzi, abbiamo un allarme rosso”. Di conseguenza, nel cielo si sono visti lampi di missili, mentre i giovani abbandonavano la zona in fretta, ma senza panico. Ma come ha riferito un altro testimone oculare, sono stati sparati dei colpi. “Abbiamo iniziato a correre; “Non sapevamo dove andare”, ha continuato Ben Haim.

Ben Haim e i suoi amici hanno prima cercato di scappare in macchina e poi hanno attraversato i campi. “In ogni direzione in cui correvamo c’erano sempre più persone che ci sparavano; abbiamo corso per due ore cercando di scappare. Abbiamo iniziato a nasconderci tra i cespugli. Ad un certo punto ho capito che non potevo più correre.” Come ha riferito un visitatore del festival, anche la polizia non ha potuto aiutarci: “Abbiamo mantenuto la calma e abbiamo cercato di contattare la polizia. La polizia ha detto che non potevano aiutarci perché troppe persone erano state rapite”. Come ha riferito Ben Haim, un residente locale si è precipitato ad aiutarli.

Morti nell’area di un festival in Israele: i parenti cercano disperatamente le persone scomparse

Molte persone risultano ancora disperse. “Non so se mia figlia giace sanguinante da qualche parte, non so se è stata portata a Gaza, non so se soffre”, ha detto lunedì Ahwa Maizel all’agenzia di stampa tedesca. L’ultima volta che ha parlato con sua figlia è stato poco dopo le 7 di sabato mattina. Sua figlia Uday ha chiamato e ha detto: “C’è un massacro qui. Stanno provocando un massacro. Centinaia di terroristi stanno sparando intorno a noi.” Poi la chiamata è stata interrotta.

“Se qualcuno la trattiene, per favore, per favore, resta umano. Abbiamo tutti lo stesso DNA, siamo tutti semplicemente umani”, dice Maisel piangendo. L’incertezza è insopportabile. Le persone innocenti non devono essere maltrattate per scopi politici. “Don non lasciare che questo sia un altro olocausto.”

Un sopravvissuto denuncia un terribile attacco di Hamas

I sopravvissuti hanno anche condiviso sui social media come hanno vissuto il terribile attacco lanciato da Hamas al Festival della Supernova. Arik Nani descrive come ha cercato per lunghe ore di mettersi in salvo. “Correvamo nei campi e sentivamo continui colpi di arma da fuoco dietro di noi, e vedevamo persone correre e cadere. Ci nascondevamo tra i cespugli mentre i proiettili volavano in alto”, dice Nani, che festeggia il suo 26esimo compleanno questa settimana. ” dice Nani, che festeggia il suo 26esimo compleanno questa settimana. “Non la pensavo così.” “Lo farò.” Si è disidratata e ha corso per sei ore con la mano ferita finché non è riuscita a raggiungere un rifugio d’emergenza.

Altri testimoni oculari hanno riferito di come hanno tentato di scappare in macchina e sono stati colpiti. Nelle foto scattate dopo l’inimmaginabile attacco si possono vedere dozzine di auto bruciate vicino al luogo del festival. Altri si nascondevano tra cespugli e alberi. “Sono andati di albero in albero e hanno aperto il fuoco. Ho visto persone morire ovunque. Ero molto calmo. Non ho pianto, non ho fatto nulla”, ha detto un sopravvissuto alla BBC.

“All’improvviso abbiamo sentito i proiettili”: i visitatori del festival fuggono dopo l’attacco di Hamas – ritrovati 260 corpi

Testo originale dell’8 ottobre 2023: TEL AVIV – Hamas ha preso di mira un festival di danza nel sud di Israele: migliaia di giovani si sono riuniti venerdì sera (6 ottobre) per festeggiare insieme durante il fine settimana il momento in cui Hamas ha lanciato il suo attacco contro Israele. Le immagini mostrano come il gruppo terroristico abbia preso d’assalto anche l’area del festival. Finora sono stati trovati almeno 260 corpi nel sito in Israele. Lo ha riferito il sito di notizie Ynet, citando lo Zakka Rescue Service, la sera di domenica 8 ottobre.

Uno degli ospiti del festival ha spiegato al canale israeliano Channel 12 che “il rumore dei razzi inizialmente sembrava parte della musica”. Lo riferisce blick.ch. Hamas lancia razzi da sabato (7 ottobre). Israele lontano. Uomini pesantemente armati sono entrati nelle comunità di confine, compreso il kibbutz (un insediamento collettivo rurale) vicino alla Striscia di Gaza dove si è tenuto il festival.

Guerra in Israele: Hamas prende d’assalto anche un festival durante un attacco

I partecipanti al festival fuggono da Hamas, che ha lanciato un attacco contro Israele. © X/Nrullansky/schermata

“All’improvviso abbiamo sentito dei proiettili intorno a noi”, ha detto l’uomo. È corso alle macchine con i suoi amici. Tuttavia, l’uscita è stata bloccata dalla folla. ha detto la visitatrice ventenne Noya Ruffin I tempi di Israele Come descrive lui, poi scoppiò il panico di massa. Dopo aver tentato di lasciare la zona per due ore, Ruffin è finalmente riuscito a uscire dalla strada e ad entrare in una piccola strada laterale. Lì ha ricevuto una coppia bloccata.

Attacco di Hamas a Israele: i volontari compilano elenchi di tutti i visitatori del festival

Uno dei partecipanti alla festa ha detto che mentre cercava di lasciare la festa, circa cinque uomini armati hanno aperto il fuoco sulla sua auto, distruggendola completamente. I tempi di Israele. Fortunatamente, l’autista della jeep si è offerto di dare un passaggio a lei e alla sua amica. Ma mentre si allontanava dalla zona, l’uomo è stato colpito da colpi di arma da fuoco e la Jeep è caduta in un fosso. La giovane e la sua amica si sono finte morte per due ore finché non hanno sentito i soldati parlare ebraico e li hanno portati in ospedale.

I volontari stanno attualmente compilando elenchi dei partecipanti alla festa per avere una panoramica di quanti ospiti sono considerati dispersi, ha scritto il quotidiano israeliano riferendosi a Canale 12. Un volontario ha sentito che alcuni ospiti della festa si nascondevano ancora nel deserto. Ai genitori è stato consigliato di evitare la zona. Amici e parenti dei dispersi pubblicano foto sui social media nella speranza di ottenere informazioni su dove si trovino.

Anche una donna tedesca è scomparsa da quando Hamas ha attaccato il festival in Israele

Anche una donna tedesca è scomparsa da quando Hamas ha attaccato il festival in Israele. La madre della giovane ha spiegato, in un videomessaggio, di aver guardato un videoclip che mostrava il rapimento della figlia. Il filmato diffuso sui social media mostra una giovane donna con le gambe piegate in modo innaturale e una ferita sanguinante alla testa.

di Anche una coppia svizzera è in guerra Ha detto: È discutibile se e quando potranno lasciare il paese. Il Ministero degli Affari Esteri sconsiglia vivamente tutti i viaggi in Israele. Anche l’esercito israeliano fornisce informazioni in merito comportamenti di base Per i residenti locali. (rr)