Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tesla e i sindacati: Elon Musk contro l’autodeterminazione comune

Tesla e i sindacati: Elon Musk contro l’autodeterminazione comune

HMusk non nasconde il suo disprezzo per i sindacati. Recentemente ha detto che non gli piaceva la loro “idea”. I sindacati hanno alimentato la “negatività” e le “relazioni ostili” nelle aziende. Accusa il presidente americano Joe Biden, con il quale ha un rapporto teso, di sottomettersi al controllo dei sindacati. Afferma che Tesla, il produttore di auto elettriche che gestisce, paga salari migliori rispetto ai rivali sindacali ed è generalmente un datore di lavoro modello. Recentemente ha affermato che le fabbriche di Tesla hanno una “fantastica atmosfera”. I tentativi di unificare le filiali Tesla nel mercato americano finora sono falliti.

Ma la pressione dei sindacati su Tesla è attualmente in aumento e sta accadendo su scala globale. Un gruppo di meccanici Tesla è in sciopero in Svezia da due mesi e questa controversia industriale inizialmente gestibile si è espansa in un movimento di protesta più ampio che ha coinvolto anche altri gruppi professionali e i paesi vicini. In Germania, l'IG Metall cerca sempre più di mobilitare i dipendenti della fabbrica Tesla di Gruenheide, nel Brandeburgo. Negli Stati Uniti d’America, la UAW sta facendo un nuovo tentativo di agire con Tesla e altre società dopo il successo della contrattazione collettiva con produttori come General Motors e Ford.

Scioperi in Scandinavia

Tesla sta attualmente avvertendo venti contrari in Scandinavia. Questa regione è un mercato automobilistico relativamente piccolo, ma importante dal punto di vista dell'azienda. Qui le auto elettriche sono particolarmente diffuse; La Tesla Model Y è stata recentemente l'auto più venduta in Svezia. Anche la Scandinavia ha un’altissima percentuale di lavoratori sindacalizzati, quindi probabilmente era solo questione di tempo prima che qui scoppiasse una controversia di lavoro con Tesla. A differenza della Germania, ad esempio, qui l'azienda non ha uno stabilimento di produzione, ma dispone di una rete di officine.

In Svezia ci sono dieci sedi con circa 130 meccanici. Alla fine di ottobre i meccanici rappresentati dal sindacato IF Metall hanno scioperato perché Tesla si è rifiutata di negoziare con loro un contratto collettivo. Non è chiaro esattamente quanti meccanici abbiano smesso di lavorare e i resoconti dei media indicano che le officine nel paese sono ancora operative.

Elon Musk non è un fan dei sindacati.


Elon Musk non è un fan dei sindacati.
:


Foto: Reuters

Ma presto la disputa sul lavoro trascese la meccanica. Come di consueto in Scandinavia, altri gruppi professionali si sono uniti allo sciopero in segno di solidarietà. Pochi giorni dopo l’inizio dello sciopero dei meccanici, i lavoratori portuali hanno smesso di caricare le auto Tesla. Poco dopo, gli elettricisti hanno smesso di effettuare riparazioni alle stazioni di ricarica e gli impiegati delle poste svedesi si sono rifiutati di trasportare la posta per Tesla, comprese le targhe delle automobili. “Questo è pazzesco”, ha detto Musk, arrabbiato per il fatto che gli impiegati delle poste si siano rifiutati di lavorare sulla sua piattaforma X. Tesla ha intentato una causa contro il servizio postale scandinavo Postnord e contro l'ente svedese responsabile della produzione delle targhe. Queste controversie legali sono in corso.