Telescopio spaziale James Webb: i ricercatori scoprono la galassia più antica mai vista

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
Scienze Astronomia

I ricercatori hanno scoperto la galassia più antica fino ad oggi

Questa immagine del telescopio spaziale James Webb mostra la galassia JADES-GS-z14-0

La galassia JADES-GS-z14-0 esiste da circa 13,5 miliardi di anni

Fonte: Agenzia di stampa tedesca

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

La galassia JADES-GS-z14-0 esisteva 300 milioni di anni dopo il Big Bang, un periodo noto anche come “crepuscolo cosmico”. I ricercatori non sono solo sorpresi dalla loro luminosità e colore, ma giungono anche a conclusioni inaspettate.

MRicercatori internazionali affermano di aver scoperto, con il telescopio spaziale James Webb della NASA, la galassia più distante – e quindi più antica – dell’universo finora. La galassia, denominata JADES-GS-z14-0, esisteva circa 300 milioni di anni dopo il Big Bang, circa 13,5 miliardi di anni fa.

Già allora aveva un diametro di oltre 1.600 anni luce ed era sorprendentemente grande ed estremamente luminoso, ha riferito in uno studio il gruppo di ricerca guidato da Stefano Cargnani della Scuola Normale Superiore di Pisa. Non è stato ancora pubblicato su nessuna rivista specializzata perché il consueto processo di revisione non è stato completato.

“È sorprendente che l’universo possa creare una simile galassia in soli 300 milioni di anni”, spiega Cargnani. Di più dettagli Può essere trovato sul sito web della NASA dove sono raccolte informazioni sul telescopio spaziale James Webb.

Leggi anche

L'immagine di questo artista mostra il quasar da record J059-4351, il nucleo luminoso di una galassia lontana alimentato da un buco nero supermassiccio.  Utilizzando il Very Large Telescope (VLT) dell'Osservatorio Europeo Australe in Cile, questo quasar è risultato essere l'oggetto più luminoso conosciuto nell'universo fino ad oggi.  Il buco nero supermassiccio, visto qui mentre risucchia la materia circostante, ha una massa di 17 miliardi di volte la massa del Sole e ogni giorno aumenta di massa l’equivalente di un altro Sole, rendendolo il buco nero con la crescita più rapida di sempre.

I ricercatori hanno determinato l’età della galassia in base al cosiddetto spostamento verso il rosso, che ha un valore standard di 14,32. Più l’oggetto è lontano, più la lunghezza d’onda della luce proveniente dagli oggetti celesti distanti si sposta nella gamma del rosso. Secondo la NASA, il precedente detentore del record – JADE-GS-z13-0 – aveva 13,4 miliardi di anni. D’altra parte, la luce proveniente dalla galassia ora descritta impiegherebbe circa 13,5 miliardi di anni per raggiungere la Terra.

“Queste galassie si uniscono a un piccolo ma crescente gruppo di galassie risalenti ai primi 500 milioni di anni di strana storia”, ha detto il coautore Francesco DiEugenio dell’Università di Cambridge in una dichiarazione dell’università. Citato. I ricercatori hanno anche scoperto che il colore della galassia non è blu come dovrebbe essere, il che sembra indicare che parte della luce sia diventata rossa a causa della polvere, anche in questo periodo molto precoce.

JADES-GS-z14-0 è stato scoperto utilizzando lo strumento a infrarossi medi (MIRI) del telescopio Webb a lunghezze d’onda più lunghe, un risultato notevole considerando la distanza, ha osservato Jake Hilton dello Steward Observatory e dell’Università dell’Arizona.

Qui troverai contenuti di terze parti

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Secondo la sua analisi, l’insolita luminosità della sorgente indica il rilascio di gas ionizzati e già in precedenza erano presenti idrogeno e ossigeno. Ciò è sorprendente e indica che diverse generazioni di stelle massicce esistevano già prima che questa galassia fosse vista.

Considerando tutte le osservazioni e i dati di misurazione, i ricercatori sono giunti alla seguente conclusione: JADES-GS-z14-0 non è paragonabile ai tipi di galassie che, secondo modelli teorici e simulazioni al computer, avrebbero dovuto esistere nell’Universo primordiale.

Related articles

Spagna – Italia: Disgustosa provocazione dei tifosi! Ecco perché lo Schalke viene fischiato

Ecco come domina il favorito! Nella finale preliminare, la Spagna ha vinto 2-0 contro un'altra contendente al...

Questo cavo USB-C a doppia porta condivide in modo intelligente l’alimentazione

Alimentatori e cavi: la maggior parte dei nostri lettori probabilmente ne ha alcuni a casa. I cavi...