Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tanti nuovi modelli: compreresti un’auto elettrica nel nuovo anno?

Stato: 03.01.2022 7:09

Mentre le vendite di motori a combustione sono in calo, le vendite di auto elettroniche crescono sempre più velocemente. Non c’è da stupirsi, perché la differenza di prezzo è stata notevolmente ridotta, il che rende le auto elettroniche più attraenti.

Di Lothar Grace, tagesschau.de

Mai prima d’ora in Germania sono state immatricolate così tante auto elettriche come a novembre: più di 40.000 auto, un discreto 20% di tutte le nuove auto immatricolate. Anche la quota dei modelli diesel (15,8 percento) è stata superata dalle auto elettriche. In totale, in Germania sono state immatricolate 307.000 auto elettriche nei primi undici mesi dell’anno, rispetto alle 194.000 dell’anno precedente, con un incremento del 55 percento. Entro la fine del 2030, si prevede che ci saranno fino a 15 milioni di auto elettriche sulle strade tedesche.

È probabile che quest’anno la Tesla Model 3 rimanga l’auto elettrica di maggior successo in Germania. Più di 29.000 di questi veicoli erano stati immatricolati entro la fine di novembre. Al secondo posto c’è il minivan Volkswagen UP con 25.450 immatricolati, sebbene non sia disponibile per l’ordine da mesi. Volkswagen è al terzo posto anche nelle immatricolazioni di nuove auto elettriche, grazie alla ID.3, variante della e-Golf, di cui 25.200 immatricolate in questo Paese a fine novembre.

La minicar Zoe di Renault è molto popolare in Germania. Con 20.165 immatricolazioni nei primi undici mesi di quest’anno, si è classificata quarta. A novembre, Zoe è stata la Stromer più popolare nel mercato tedesco con 4.200 prime immatricolazioni, addirittura davanti a Tesla.

Renault Zoe esiste da quasi nove anni.

Foto: Renault

Ne vale la pena un’auto elettrica?

Tuttavia, molte persone che desiderano acquistare o noleggiare una nuova auto si chiedono ancora se valga la pena acquistare una Stromer ecologica, ecologica e anche economica. Ci sono anche preoccupazioni che i lunghi viaggi – ad esempio da Francoforte a Berlino o verso i paesi vicini – con un’auto puramente elettrica non siano ancora così fluidi e confortevoli come con un motore a combustione.

READ  Rischio di inflazione: il capo dei fondi sovrani norvegesi avverte di un prolungato periodo di debolezza dei mercati finanziari | newsletter

Anche nelle zone rurali, molti conducenti rimangono scettici riguardo alle auto elettriche. Nei sondaggi vengono indicati soprattutto l’autonomia, il prezzo e la disponibilità delle stazioni di ricarica pubbliche come motivi contro l’acquisto.

Ma molte prenotazioni sono ormai superate: la maggior parte delle piccole auto elettriche, infatti, può ora gestirne 300, idealmente e con una guida attenta fino a 500 chilometri senza fermarsi. Non è abbastanza per un viaggio da Amburgo a Francoforte, ma lo studio sulla mobilità del Ministero federale dei trasporti del 2019 ha mostrato che la maggior parte delle persone nelle principali città e aree metropolitane percorre in media solo 22 chilometri al giorno. Anche nelle zone rurali, la maggior parte delle persone non guida molto più a lungo con la propria auto: una media di 37 chilometri.

50.000 poli di ricarica

Le stazioni di ricarica per le lunghe distanze sono ormai sorprendenti: ora sono 50.000 in tutto il Paese. Il sito web “ladesäulenregister.de” dell’Associazione federale per la gestione dell’energia e dell’acqua (BDEW) offre una panoramica completa delle stazioni di ricarica attualmente disponibili in Germania. Mostra che ci sono aree del paese in cui la stazione di ricarica più vicina è a 30 km e oltre. Tuttavia, la rete di distributori di benzina è scarsa e distante in molte aree. Inoltre, molte persone vivono in case unifamiliari, dove hanno l’opzione del cosiddetto “muro quadrato” Da installare per la ricarica dell’auto elettronica.

Continua anche l’ampliamento delle stazioni di ricarica pubbliche. Il nuovo segretario federale dei trasporti Volker Wessing (FDP) promette più velocità. Dal suo ambiente, è stato recentemente riferito che vede la fornitura nazionale di stazioni di ricarica come parte del benessere generale dello stato. Ciò include la costruzione di stazioni di ricarica rapida sulle autostrade e nelle comunità rurali. “Le ore di attesa per caricare un’auto non sono un’opzione attraente per il pendolarismo”, ha affermato di recente il politico dell’FDP. ZDF.

Tutto si riduce al costo totale

Tuttavia, il fattore decisivo quando si acquista un’auto elettrica è il prezzo. Le auto sono ancora considerate costose ed economicamente non redditizie. Ma gli svantaggi iniziali rispetto ai motori a combustione iniziarono a scomparire. Un’utilitaria come la Renault ZOE si può avere a soli 21.000 euro grazie al bonus ambientale di 9000 euro del governo.

READ  DAX superiore a 16.000 punti: investitori in vena di acquisto

Secondo gli specialisti dell’ADAC, oltre all’aspetto ambientale, ora è più economico passare a un’auto elettrica o a un’auto ibrida plug-in. Se si sommano tutti i costi di un veicolo, dal prezzo di acquisto a tutte le spese di esercizio e manutenzione fino alla perdita di valore, la differenza di prezzo tra auto a combustione e auto elettriche si riduce sempre più, con anche molti modelli di auto elettriche ora più economici, secondo all’Automobile Club. Le auto elettriche, infatti, non solo hanno costi energetici e di manutenzione inferiori, ma hanno anche vantaggi fiscali. Non c’è tassa di circolazione per dieci anni.

Nei calcoli ADAC viene preso in considerazione un premio assicurativo governativo fino a 9.000 euro per i veicoli puramente elettrici e fino a 6.750 euro per i veicoli ibridi plug-in. Tuttavia, ci sono ancora differenze tra i motori a combustione e le auto elettroniche. Quindi l’ADAC consiglia di dare un’occhiata molto da vicino al modello che scegli tenendo conto delle diverse variabili di guida e, soprattutto, del chilometraggio annuale.

Modelli più convenienti

Un rapido sguardo alla crescente gamma di auto mostra quanto velocemente possa essere il progresso trionfante delle auto elettroniche. Con più di 60 modelli, i produttori ora offrono più auto elettriche che mai. Anche a novembre sono state aggiunte diverse nuove auto, MG dall’Inghilterra ha iniziato a vendere i suoi due SUV, la Marvel e la ZS. Con l’XC 40, Volvo ha anche lanciato sul mercato un nuovo SUV completamente elettrico.

Le cose sono più sportive in BMW. Per la prima volta, la BMW i4 è entrata nelle statistiche a novembre con 152 nuove immatricolazioni. Tuttavia, il prezzo della berlina a quattro porte: a seconda della versione, costa tra i 59.200 euro e i 70.600 euro (senza finanziamento). Ma è anche molto più economico. La Cupra Born, concorrente della SEAT ID.3, ha celebrato la sua prima di recente. È già disponibile a 32.700 euro (meno il bonus ambientale). Con ID.1, il successore dell’utilitaria UP, Volkswagen propone la possibilità di un’auto elettrica più economica: l’auto dovrebbe costare al cliente finale solo 11.000 euro al netto del premio di acquisto. Tuttavia, le parti interessate dovranno probabilmente pazientare fino al 2024. Innanzitutto, l’ID.2 dovrebbe essere immesso sul mercato, possibilmente nel 2023. Si tratta di un piccolo SUV con un prezzo stimato di 20.000 euro. Ciò migliorerà ulteriormente la gamma di veicoli elettrici a prezzi accessibili.

READ  Dopo la partenza di Twitter: il CEO di Block Jack Dorsey: Bitcoin sostituirà il dollaro USA - critiche Web3 | newsletter