Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sukhoi Su-22 in Polonia: per quanto tempo volerà il Fitter?

Sukhoi Su-22 in Polonia: per quanto tempo volerà il Fitter?

Un tempo l'aereo ad ala basculante faceva parte dell'equipaggiamento di quasi tutti i membri del Patto di Varsavia e volava con molti paesi “amici” dell'Unione Sovietica. Furono costruiti più di 1.000 esemplari della versione da esportazione del Su-17. Gli ultimi meccanici in Europa ora si trovano in Polonia.


© Patrick Hofeller

La Polonia pilota il Su-22 dal 1984.

In uso da 40 anni

La consegna di un totale di 90 Su-22M-4 e 20 Su-22UM-3K iniziò nel 1984. Erano basati nelle basi Miroslawiec, Piła e Powidz. Dopo la riorganizzazione delle forze aeree, trovarono una nuova sede con il 6° e 7° ELT (Eskadra Lotnictwataktycznego) a Powidz, l'8° ELT a Miroslawiec e il 39° e 40° ELT a Swidwin. Dopo che la Polonia è entrata nella NATO, alcuni aerei hanno ricevuto avionica adeguata come l'IFF, nuove radio e GPS. Con l'introduzione dell'F-16 Fighting Falcon, i Cold Warriors si concentrarono nel 21esimo Baza Lotnictwataktycznego (BLT). svedese.



© Patrick Hofeller

Non ci sarà mai più una compagnia aerea più efficiente come questa a Swedwyn. La base si sta attualmente preparando per il suo successore sotto forma di FA-50.

Arrivederci puntate

Doveva rimanere in uso lì solo fino al 2012. Ma il previsto piano di smantellamento è stato sempre più rinviato. Infine, nel 2014, la leadership dell'Aeronautica Militare ha deciso di ridurre la flotta da 32 a 18 velivoli. I restanti velivoli (12 monoposto e sei biposto) sono stati sottoposti a un programma a Bydgoszcz per prolungarne la durata di servizio di circa dieci anni. Lì hanno anche ricevuto la loro nuova vernice mimetica grigia.


© Patrick Hofeller

Un totale di 18 Su-22 polacchi hanno ricevuto un'estensione della loro durata di servizio e una verniciatura mimetica grigia.

Specie in pericolo

Le macchine polacche saranno probabilmente tra i nuovi rappresentanti nel loro genere. Secondo l'analisi annuale fornita dalla rivista britannica Flight International, solo sei paesi hanno ancora aerei Su-22 nel loro inventario: Angola (14), Iran (9), Yemen (23), Libia (1), Siria (39). e Vietnam (33). Tuttavia non è chiaro se alcuni di questi dispositivi siano effettivamente pronti per l’uso.


© Ministero della Difesa polacco

La Polonia mostra i suoi nuovi aerei da caccia
Successore del Su-22: consegnati tutti gli FA-50GF

La fine in Polonia

Ma anche in Polonia la professione di meccanico sta rapidamente giungendo al termine: nel settembre 2022 gli europei hanno acquistato un totale di 48 esemplari dell'FA-50PL dalla Korea Aviation Industries (KAI) in sostituzione dei vecchi aerei MiG-29 e Su . -22. La consegna degli aerei sudcoreani è prevista a partire dal prossimo anno. Oltre a Minsk-Mazowiecki è prevista come base anche Swedwin. Poiché lì sono già in corso i preparativi per il nuovo aereo da caccia, i Su-22 trascorrono i loro ultimi giorni a Miroslavik.

Nel tratto tra Przezdziek Wielki e Ruskowo, la strada normale 604 per Wielbark divenne improvvisamente un luogo di atterraggio per aerei da combattimento.

A metà marzo vi si sono svolte esercitazioni dell'aeronautica polacca.

Nonostante il maltempo due aerei Eurofighter italiani hanno effettuato due sorvoli. Portavano armi vere.

La nebbia sulla zona ha impedito l'atterraggio previsto del MiG-29 e del Su-22 e il personale di terra non ha ancora perso la speranza.

Quattro caccia Eurofighter sono attualmente di stanza a Malbork, in Polonia, come parte della polizia aerea ampliata della NATO, ed eccone uno che sorvola il nebbioso Wilpark.

In Polonia, i siti di atterraggio alternativi sono chiamati Drogowym Odcinku Lotniskowym (DOL).

Il MiG-29 e il Su-22 avrebbero dovuto decollare da questa direzione dopo il decollo. Ma gli dei del tempo avevano qualcosa contro di lei.

Giusto in tempo per la fine dell'esercizio, apparve il cielo azzurro.

Sembrava che gli altri aerei non potessero decollare in direzione di Wielbark perché l'aereo successivo era ormai sospeso sulle sue basi.

Volevano dimostrare in un'esercitazione di atterraggio su strada a Philpark a metà marzo che non erano ancora una notizia vecchia. Ma il tempo non ha collaborato: nuvole basse, pioggia e nebbia ne hanno impedito per diversi giorni l'utilizzo sulla Route 604. Resta da vedere se ci sarà un'altra occasione in autunno: non ci sono dati certi sulla durata del su. -22 Vita utile residua a malapena. Con un po' di fortuna, il vecchio potrebbe restare con noi fino al prossimo anno…

Questo articolo può contenere collegamenti a fornitori di servizi dai quali FLUG REVUE può ricevere una commissione (i cosiddetti “link di affiliazione”). Maggiori informazioni qui.