Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Striscia di Gaza: Netanyahu respinge le critiche di Biden all'operato di Israele

Striscia di Gaza: Netanyahu respinge le critiche di Biden all'operato di Israele

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha respinto le affermazioni del presidente americano Joe Biden riguardo alla dura campagna militare israeliana nella Striscia di Gaza. In un'intervista con immagine-Giornali, televisioni internazionali e POLITICO Ha detto: “Se il presidente americano intende dire che sto perseguendo una politica speciale che è contro la volontà della maggioranza degli israeliani e che danneggia gli interessi di Israele, allora ha torto in entrambi i casi”.

Biden aveva già detto in un’intervista al canale americano MSNBC riguardo a Netanyahu: “Fa più male a Israele che aiuta Israele”. Il primo ministro israeliano ha il diritto di difendere Israele e gli islamisti agitazione Combattere nella Striscia di Gaza. Ma il presidente americano ha affermato che occorre “prestare maggiore attenzione alla vita delle persone innocenti”, sottolineando il gran numero di vittime civili.

Netanyahu ritiene che la “stragrande maggioranza” degli israeliani lo sostenga e sostenga le sue politiche: “Appoggiano le misure che stiamo adottando per distruggere le rimanenti brigate di Hamas”, ha detto nell’intervista. Il Primo Ministro si riferiva ad un attacco di terra pianificato nella città di Rafah, a sud della Striscia di Gaza.

Netanyahu contraddice le informazioni sulle vittime civili

Gli Stati Uniti criticano il progetto perché concentra in un'area troppo piccola 1,5 milioni di persone, la maggior parte delle quali provengono da altre parti del Paese Striscia di Gaza Ed è fuggito. Queste persone devono essere portate in salvo prima dell’attacco. Biden l'ha definita una “linea rossa”. Non permetterà la morte di altri 30.000 palestinesi.

Secondo l’autorità sanitaria controllata da Hamas, sono morte più di 31.000 persone. Non c’è distinzione tra civili e combattenti armati. L'autorità ha precisato che la stragrande maggioranza delle vittime sono donne, minori e uomini anziani.

Netanyahu ha contraddetto questa narrazione. Il politico ha affermato che l'esercito israeliano ha ucciso “almeno 13.000 terroristi”. Il rapporto tra civili uccisi e terroristi uccisi era “forse 1,5 a 1, e ora è solo 1 a 1”. Israele ha a che fare con un nemico che “fa tutto ciò che è in suo potere per mettere i civili in pericolo, mentre noi facciamo tutto ciò che è in nostro potere per tenere i civili lontani dal pericolo”.