Aprile 17, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stiamo fraintendendo l’universo? Nuove misurazioni sorprendono i ricercatori

Stiamo fraintendendo l’universo?  Nuove misurazioni sorprendono i ricercatori
  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

L'universo si sta espandendo, ma la velocità non è del tutto chiara.  (Immagine dell'icona)
L’universo si sta espandendo, ma la velocità non è del tutto chiara. (immagine iconica) © NASA, CXC, IfA, NRAO, STScI, D. Sanders e A. Evans

Un nuovo studio solleva la questione se la scienza abbia frainteso l’universo. È circa la base per una comprensione completa della fisica.

Losanna – L’universo si sta espandendo, come scoprirono negli anni ’20 i ricercatori Georges Lemaitre e Edwin Hubble. Solo la domanda sulla velocità con cui l’universo si sta espandendo non ha avuto una risposta inequivocabile. La risposta dipende da come si misura l’espansione dell’universo. Se usi la radiazione cosmica di fondo per definire quella che viene chiamata la costante di Hubble, otterrai un valore diverso rispetto a quando usi le stelle e le galassie attuali. Questo problema – il cosiddetto sforzo di Hubble – ha preoccupato per anni la cosmologia e l’astrofisica.

Ora un gruppo di ricerca della Scuola politecnica federale di Losanna (EPFL) ha aggiunto un nuovo tassello al puzzle dell’espansione dell’universo. Il gruppo di ricerca guidato da Richard Anderson ha eseguito la misurazione più accurata della criptosi fino ad oggi e dei suoi risultati nel diario Astronomia e astrofisica pubblicato. Le cefeidi sono un tipo speciale di stella variabile utilizzato per misurare le distanze nello spazio. Si ritiene che la luminosità delle cefeidi sia il primo gradino della “scala della distanza cosmica” utilizzata per misurare l’espansione dell’universo.

L’espansione dell’universo: pubblicato un nuovo studio

Il risultato del team di Anderson ha confermato ancora una volta questo valore: se si utilizzasse la “scala delle distanze cosmologiche” per determinare l’espansione dell’universo, si arriverebbe a un valore di 73,0 ± 1,0 chilometri per chilometro per la costante di Hubble secondi per megaparsec (km/s/ MPC). Un megaparsec ha un diametro di 3,26 milioni di anni luce: il valore significa che due punti separati da una distanza di un megaparsec si stanno allontanando a una velocità di 73,2 chilometri al secondo. Se invece si utilizza la radiazione cosmica di fondo per determinare la costante di Hubble, il valore è 67,4 ± 0,5 km/s/Mpc.

Lo sforzo di Hubble è di circa 5,6 km/s/Mpc che la ricerca non può spiegare. La cosmologia presuppone che le misurazioni siano corrette per entrambi i metodi, il che a sua volta significa che la nostra comprensione delle leggi fisiche fondamentali dell’universo potrebbe essere errata.

La costante di Hubble: le ipotesi sull’universo sono sbagliate?

Il ricercatore Anderson dice in uno di essi: “Questa contraddizione è di grande importanza”. comunicazione. Usa un’analogia terrestre per spiegare perché l’argomento è così importante: “Supponi di voler costruire un tunnel scavando in due lati opposti di una montagna. Se ottieni il tipo di roccia giusto e i tuoi calcoli sono corretti, i due fori stanno scavando si incontreranno nel mezzo”.

Più conferme otteniamo che i nostri calcoli sono corretti, più concludiamo che la discrepanza significa che la nostra comprensione dell’universo è sbagliata, che l’universo non è proprio quello che pensavamo fosse.

In caso contrario, hai commesso un errore: o i calcoli sono sbagliati o hai sbagliato il tipo di roccia, spiega Anderson e ora collega il suo paragone al problema dell’espansione dell’universo: “È così che va con la costante di Hubble. Il più conferma otteniamo che i nostri calcoli sono corretti, abbiamo concluso che la discrepanza significa che la nostra comprensione dell’universo è sbagliata, e che l’universo non è proprio quello che pensavamo fosse.”

La ricerca riguarda cose molto basilari: sull’energia oscura, il continuum spazio-temporale e la gravità, secondo la dichiarazione dell’EPFL. Anderson aggiunge: “Ciò significa che dobbiamo ripensare i concetti fondamentali che costituiscono la base della nostra intera comprensione della fisica”. (scheda)