Ottobre 5, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stato di New York: lo scrittore Salman Rushdie ha attaccato sul palco

Stato: 13/08/2022 02:11

Lo scrittore Salman Rushdie è stato aggredito in un teatro negli Stati Uniti. Secondo la polizia, è stato ferito e trasportato in aereo in ospedale. Il libro di Rushdie The Satanic Verses ha provocato minacce di morte 30 anni fa.

Lo scrittore Salman Rushdie è stato aggredito sul palco nello stato di New York. Lo ha confermato la polizia. Di conseguenza, il 75enne ha ricevuto una coltellata al collo. Il sospetto è stato arrestato.

La polizia ha detto che l’uomo è corso sul palco di una sala per eventi nella città di Chautauqua e ha attaccato Rushdie e il suo interlocutore. I giornalisti hanno detto che ha preso a pugni o pugnalato Rushdie da 10 a 15 volte. Lo scrittore è stato portato in un vicino ospedale in elicottero. Secondo la polizia, almeno una volta è stato accoltellato al collo e allo stomaco.

Secondo il suo manager, Rushdie ha un ventilatore. “Le notizie non sono buone”, ha scritto Andrew Wylie, secondo il New York Times. Il 75enne non può parlare e probabilmente perderà un occhio. I nervi del braccio sono stati recisi e danni al fegato.

Portavoce della polizia: aggressore americano di 24 anni

L’attaccante era un americano di 24 anni del New Jersey. Lo ha detto il portavoce della polizia James O’Callaghan in una conferenza stampa. Al momento non è chiaro il movente del delitto.

Secondo i risultati preliminari, potrebbe non aver avuto partner. “A questo punto supponiamo che fosse solo, ma stiamo cercando di assicurarci che lo fosse”, ha detto O’Callaghan. Uno zaino è stato messo al sicuro sulla scena del crimine. Sono richiesti anche un certo numero di ordini di ispezione.

READ  Il re di Maiorca si dimette: questo è ciò che Jürgen Drews pensa davvero del Mali | La mia voce

Governatore: Un agente di polizia ha salvato la vita di Rushdie

Secondo il governatore di New York Cathy Hochhol, l’intervento di un agente di polizia ha salvato la vita dello scrittore. “E’ stato l’ufficiale di polizia di stato che si è alzato in piedi e ha salvato e protetto la sua vita”, ha detto. Il governatore ha detto che Rushdie è vivo e riceve le cure di cui ha bisogno in un ospedale locale.

Fatwa sui versi satanici

Il libro di Rushdie The Satanic Verses è stato bandito in Iran dal 1988. Molti musulmani considerano quest’opera blasfema. Nel 1989, il defunto Leader Supremo dell’Iran, l’Ayatollah Ruhollah Khomeini, ha emesso una fatwa. E ha chiesto l’uccisione di Rushdie e di tutte le persone coinvolte nella distribuzione del libro. Una taglia di oltre 3 milioni di dollari è stata offerta nel paese per l’omicidio dell’autore.

Un traduttore giapponese è stato successivamente ucciso. Rushdie ha dovuto nascondersi e ottenere la protezione della polizia. Tuttavia, la situazione si è calmata alla fine degli anni ’90 dopo che il governo iraniano ha annunciato nel 1998 che non avrebbe sostenuto l’assassinio di Rushdie.

Più minacce e interruzioni

Tuttavia, le minacce e i boicottaggi contro gli eventi letterari a cui Rushdie ha partecipato sono continuati. L’Ordine di Rushdie della regina Elisabetta II nel 2007 ha scatenato proteste in Iran e Pakistan.

Ma secondo il suo editore l’anno scorso, la fatwa dell’ayatollah non aveva più alcun senso per lo scrittore. Rushdie non è più limitato nella sua libertà di movimento e non ha più bisogno di guardie del corpo.

READ  Le star di "50667 Colonia" si sono innamorate del gruppo: Teardrop Wedding Live in TV | intrattenimento

L’autore è nato nell’anno dell’indipendenza dell’India nel 1947 nella città di Mumbai (allora Bombay). In seguito ha studiato storia al King’s College di Cambridge. Ha ottenuto un grande successo come autore con il libro “Midnight’s Children”, che ha ricevuto il famoso Booker Prize nel 1981.

“Un assalto alla libertà di parola e di pensiero”

Questo atto ha suscitato una protesta mondiale. Il senatore statunitense e leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer ha scritto su Twitter che l’atto è stato un “attacco alla libertà di parola e di pensiero, che sono i valori fondamentali del nostro Paese e della Fondazione Chautauqua”. Il primo ministro uscente Boris Johnson si è detto “sconvolto” dal fatto che Rushdie sia stato attaccato mentre “esercitò un diritto che non dovremmo mai smettere di difendere”.

Anche molti scrittori di fama internazionale hanno espresso il loro shock. Nella sua prima dichiarazione, PEN America si è detta “sconvolta dalla notizia di un attacco brutale e deliberato” a Rushdie. “Non possiamo pensare a nessun caso simile di un violento attacco pubblico a uno scrittore sul suolo americano”. L’autore è membro dell’associazione.