Febbraio 26, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spotify definisce i piani dell'App Store di Apple “estorsione”

Spotify definisce i piani dell'App Store di Apple “estorsione”

I piani di Apple per conformarsi ai requisiti UE per il suo App Store si trovano ad affrontare pesanti critiche da parte di un numero sempre maggiore di aziende. Venerdì un post sul blog del leader svedese del mercato dello streaming musicale Spotify ha affermato che il progetto è una “farsa totale” e dovrebbe essere respinto dalla Commissione Europea.

annuncio

Ha attaccato specificamente la nuova tariffa annuale di 50 centesimi di euro per l'app di Spotify: “Questa è un'estorsione”. La nuova legge sui mercati digitali (DMA) dell'UE impone ai grandi operatori di piattaforme di consentire il download di app da fonti di terze parti. Si prevede inoltre che gli sviluppatori di app possano utilizzare sistemi di pagamento di terzi invece dei servizi di pagamento propri della piattaforma. In precedenza nessuno dei due era possibile sugli iPhone di Apple.

Le norme DMA entreranno in vigore dal 7 marzo 2024. Giovedì Apple ha quindi presentato le corrispondenti alternative per il suo business applicativo nell'UE. Ciò include la riduzione dell’imposta sulla vendita di articoli digitali e abbonamenti tramite l’app store interno. Le due percentuali precedenti diventeranno 30% e 15% per gli abbonamenti dal secondo anno in poi, rispettivamente 17 e 10%. Tuttavia, Apple sottolinea che questa quota dovrebbe essere raccolta indipendentemente dal servizio di pagamento utilizzato dallo sviluppatore dell'app. Se l'app utilizza il sistema di pagamento di Apple, è necessario pagare un ulteriore 3%. La nuova “tassa sulla tecnologia di base” colpisce le app installate di frequente.

La tariffa viene pagata dopo che l'app ottiene un milione di installazioni iniziali in un periodo di dodici mesi: gli aggiornamenti successivi non vengono conteggiati nello stesso account durante questo periodo. Dopo aver raggiunto la soglia del milione, per ogni ulteriore prima installazione dell'app saranno dovuti 50 centesimi di euro fino alla fine dei dodici mesi. All'inizio del successivo periodo di dodici mesi il pagamento dovrà essere effettuato nuovamente. Queste “tasse tecnologiche di base” si applicano anche se l'app viene caricata tramite la piattaforma di un altro provider senza che Apple addebiti costi aggiuntivi.

Spotify confermatoE con una base di circa 100 milioni di utenti Apple nell'UE, ti verrà chiesto di pagare molto. La tassa dovrà essere pagata anche a chi non utilizza affatto il servizio, ma ha solo l'app sul proprio iPhone. Apple offre inoltre agli sviluppatori la libertà di rimanere nell'App Store alle condizioni delle app esistenti. Spotify ha criticato l'azienda produttrice di iPhone per aver proposto un'alternativa inaccettabile per gli sviluppatori, che preferiscono restare nel vecchio sistema. In risposta alle critiche di Spotify, Apple ha risposto, tra l'altro, che con le nuove regole il 99% degli sviluppatori dovrà pagare all'azienda la stessa cifra di prima o meno. Le modifiche daranno loro più opzioni.


(Mai)

Alla home page