Specie invasive: quasi 200 animali invadono ogni anno nuove aree

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

GSecondo un gruppo di oltre 80 ricercatori sono urgentemente necessarie ulteriori misure per combattere le specie invasive. Attualmente, circa 200 specie vengono introdotte ogni anno in tutto il mondo attraverso le attività umane in aree in cui non erano state trovate in precedenza, ha scoperto il team nella rivista.Ecologia ed evoluzione della natura” spiegare.

“Esiste una stretta relazione tra il volume delle importazioni di materie prime e il numero di specie esotiche in una regione, e i modelli di distribuzione globale delle specie riflettono le reti di trasporto marittimo e del traffico aereo”.

Le specie che non sono originarie di una particolare area ma che vi sono stabilite vengono chiamate aliene. Alcune specie aliene sono invasive, nel senso che si riproducono rapidamente, incidendo negativamente sull’ecosistema e soppiantando le specie autoctone. In alcuni casi si verificano danni diretti alle persone, ad esempio nel settore agricolo.

Leggi anche

Alcune specie invasive si diffondono rapidamente, ad esempio agenti patogeni come il virus Zika e il fungo Batrachochytrium dendrobatidis, ma anche animali come il pesce leone (Hanno amputato). Le cozze Quagga sono distribuite a livello regionale – ad es Lago di Costanza – Inoltre scompaiono rapidamente, sostituendo le cozze originali e intasando i tubi dell’acqua.

Mar Nero– Le cozze sono molto diffuse sul Lago di Costanza

Secondo gli esperti, le cozze, lunghe circa quattro centimetri, furono portate dalla regione del Mar Nero quasi dieci anni fa da barche ad esse attaccate. L’agenzia statale per l’ambiente del Baden-Württemberg (LUBW) stima che il Lago di Costanza sia distante solo circa 15 anni dalla situazione del Lago Michigan negli Stati Uniti. Qui le cozze si sono diffuse così ampiamente che oggi costituiscono il 90% della biomassa. Finora il percorso di diffusione è stato simile in entrambi i laghi.

Leggi anche

Non sono colpiti solo i laghi, ma anche vaste zone del mare. Uno sulla rivista specializzataNeobiotaUno studio presentato di recente ha mostrato come il pesce leone indiano (Petrois Miles) rapisce il Mar Mediterraneo. Questa specie quindi distrugge ampiamente le specie autoctone, comprese quelle che si trovano solo lì. Lo dice Diego Kersting dell’istituto di ricerca spagnolo CSIC Il Mar Mediterraneo Un punto caldo per le invasioni biologiche e ospita la maggior parte delle specie introdotte nel mondo. Il numero di specie introdotte accertate è raddoppiato tra il 1970 e il 2014 e lo sviluppo ha subito un’accelerazione negli ultimi anni.

426899230

Leone (Petroy Miles) al Two Oceans Aquarium di Cape Town, Sud Africa

Fonte: Image Alliance/imageBROKER/Fabian von Bucer

316023314

Ecco le formiche rosse

Fonte: Image Alliance/Shotshop/Digitalpress

Un altro migrante è diventato originario dell’isola italiana della Sicilia nel Mediterraneo: la temibile formica rossa (Solenopsis invicta). Si teme che le specie invasive si diffondano rapidamente in altri paesi europei a causa dei cambiamenti climatici. Innanzitutto, secondo la rivista specializzata 2023, sono particolarmente a rischio le città del Mediterraneo e le città con grandi porti come Amsterdam o Londra.Biologia attuale“.

Leggi anche

Animali combinati

Originarie del Sud America, le formiche rosse furono introdotte per la prima volta negli Stati Uniti. Questi animali altamente aggressivi, che distruggono un gran numero di altri insetti e causano gravi danni ai raccolti, si sono diffusi rapidamente nella zona a partire dagli anni ’30 circa. Come risultato del commercio globale e del turismo, le formiche rosse hanno successivamente raggiunto molti altri paesi come Giappone, Cina, Australia e Nuova Zelanda.

Per la Germania, l’Agenzia federale per la conservazione della natura (BfN) ha elencato 900 specie esotiche, di cui circa 90 sono invasive. Uno dei tipi molto famosi è Calabrone asiatico (Vespa Velutina), rilevato per la prima volta nel Baden-Württemberg e nella Renania-Palatinato nel 2014 e quindi per la prima volta anche in Germania. Si diffonde sempre più lontano ad alta velocità, mangiando api mellifere e altri insetti. Secondo gli esperti non è ancora possibile prevedere i danni che questa specie causerà. È improbabile che questa specie scompaia di nuovo, proprio come molte altre.

Ciò che è meno noto è che oltre ai nutrienti,… Procione È una delle specie invasive. Da quando una coppia di procioni e altri animali furono rilasciati nell’Assia settentrionale 90 anni fa, gli animali si sono diffusi drammaticamente in tutto il paese. Attualmente si contano circa due milioni di esemplari e il numero è in aumento, ha affermato recentemente il biologo della fauna selvatica Norbert Peter dell’Università di Francoforte. I carnivori rappresentano una minaccia, tra le altre cose, per anfibi e rettili rari.

Anche i gatti diventano un problema

Alcuni esperti descrivono anche l’animale che molte persone tengono in casa come una specie invasiva altamente problematica: gatto. I gatti domestici hanno una gamma di prede molto ampia e mettono in pericolo la biodiversità in molti luoghi, come hanno spiegato i ricercatori sulla rivista Nature Communications alla fine del 2023. Mangiano quasi tutti gli animali che riescono a catturare in qualsiasi fase della vita. I gatti in libertà sono tra le specie invasive più problematiche al mondo.

I gatti vivono in tutti i continenti tranne l’Antartide e sono stati introdotti in centinaia di isole, rendendoli una delle specie animali più diffuse sulla Terra. Secondo le stime, solo in Germania vivono attualmente più di 15 milioni di gatti domestici che, secondo la Nature Conservation Society (Napo), uccidono ogni anno decine di milioni di uccelli. Secondo le aspettative, ci sono centinaia di milioni di gatti domestici in tutto il mondo.

Secondo lo studio attuale, il numero totale di specie esotiche potrebbe aumentare del 36% entro il 2050 rispetto al 2005. Considerando le conseguenze che osserviamo oggi, è probabile che le conseguenze che temiamo per il futuro siano sottostimate. Il cambiamento climatico è un fattore importante, tra l’altro, perché facilita l’insediamento e la diffusione in aree precedentemente inadatte. Eventi climatici estremi come siccità, inondazioni, incendi e tempeste tropicali aggravano questa tendenza poiché gli ecosistemi diventano meno resilienti alle specie in arrivo.

Leggi anche

Il vicecancelliere Robert Habeck (Verdi, a sinistra) visita Papenhausen in Baviera, colpita dall'alluvione

“In alcune aree montuose, il cambiamento climatico, combinato con altre cause di perdita di biodiversità, ha portato le specie invasive ad espandere il loro areale ad altitudini più elevate due volte più rapidamente delle specie autoctone”, spiega il gruppo guidato da Helen Roy del Centro britannico per l’ecologia e l’ecologia. Silvicoltura. Idrologia di Lancaster. L’analisi di 88 autori provenienti da 101 istituzioni di 47 paesi si basa sul rapporto di valutazione del Global Biodiversity Council (Piattaforma intergovernativa) sulle specie invasive e il loro controllo, introdotto lo scorso anno.

Secondo stime prudenti, almeno 37.000 specie esotiche sono state portate dal loro areale naturale ad altre aree a causa dell’impatto umano. Di questi circa 3.500 causano danni e sono quindi invasivi. I costi economici globali ammontano a diverse centinaia di miliardi di euro all’anno e sono quadruplicati in ogni decennio dal 1970.

Anche le conseguenze per la natura sono enormi. “Le specie aliene invasive sono una delle principali cause della continua perdita globale di biodiversità, con un impatto negativo sulle persone e sulla natura in tutte le regioni del mondo”, ha affermato il Roy Group. “Piante, animali e altri organismi invasivi hanno cambiato radicalmente gli ecosistemi in tutto il mondo, causando l’omogeneizzazione della vita su scala globale e contribuendo al 60% delle estinzioni conosciute”.

Le isole remote con un’elevata percentuale di specie presenti solo lì sono particolarmente vulnerabili: circa il 90% delle estinzioni documentate in tutto il mondo dovute a specie migratorie colpisce le specie insulari. “Ad esempio, il serpente marrone dell’albero notturno (Boyega irregolare) Quasi tutti gli uccelli forestali sono estinti a Guam, compreso il pigliamosche di Guam (Miagra Fresinity“)

Prevenire le invasioni biologiche

Gli esperti di Helen Roy sono convinti che molti possibili casi di introduzione in futuro possano essere prevenuti. “La prevenzione rimane l’opzione più conveniente per ridurre la minaccia di invasioni biologiche. È anche importante imparare dagli errori del passato: molte specie invasive vengono introdotte deliberatamente perché percepite come benefiche”. “Ad esempio, le specie esotiche sono comunemente utilizzate nella silvicoltura, nell’agricoltura, nell’orticoltura, nell’acquacoltura e come animali domestici”.

Prepararsi alla possibilità di un’introduzione è importante quanto la prevenzione. La scienza dei cittadini può quindi fornire un contributo importante, ad esempio con programmi di rilevamento precoce delle cimici puzzolenti (Halyomorpha halys) dimostrato in Europa e Nuova Zelanda. Questo insetto provoca danni a frutti, bacche, viti e ortaggi. In Gran Bretagna, attraverso l’app, l’opinione pubblica fornisce un importante contributo al rilevamento precoce dei calabroni asiatici e alla risposta rapida alle nuove popolazioni.

Secondo gli esperti, cercare di sradicare le specie che una volta migrate è spesso molto costoso, e le percentuali di successo sono spesso molto basse. “Nell’ambiente marino, l’eradicazione è quasi impossibile”. La situazione sembra migliore sulle isole, dove già più volte è stato possibile eliminare completamente le specie invasive.

Related articles

La leggenda dell’Italia Buffon arriva agli Europei: “Nel 2006 era così…”

{ "placeholderType": "BANNER"}La leggenda dell'Italia arriva a EM Non era però prevista una trasferta a Duisburg, dove 18...

La piccola centrale nucleare di Bill Gates è in costruzione

Terrapower, finanziato da Bill Gates, sta implementando il...

Scoperta della NASA sul Pianeta Rosso: un buco su Marte potrebbe garantire la sopravvivenza degli astronauti

Nella zona del vulcano spento Arsia Mons, parte del gruppo vulcanico Tharsis Montes su Marte, il Mars Exploration...