Gennaio 27, 2023

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Spazzatura spaziale: 25.000 pezzi con possibilità di collisione – la spazzatura diventa un pericolo

MAlla fine di ottobre, la Stazione Spaziale Internazionale (ISS) ha dovuto accendere i propulsori per più di cinque minuti per evitare i detriti spaziali, resti del satellite russo Cosmos 1408. “Se non fosse stato per la manovra, i frammenti si sarebbero diffusi nell’entroterra per tre miglia, secondo le nostre proiezioni. [4,8 Kilometer] ha detto la NASA. Con rischi corrispondenti per l’ulteriore corretto funzionamento della Stazione Spaziale Internazionale.

Non dovrebbero esserci rifiuti. Era il risultato di un test anti-satellite russo un anno fa. La prevista distruzione dell’ex satellite spia ha suscitato forti critiche a livello internazionale. Il dispositivo è stato lanciato in circa 1.500 pezzi durante la manovra e ora stanno girando intorno al globo come rottami metallici, specialmente nelle orbite terrestri basse.

Le parti spazzatura stanno diventando più comuni nello spazio, anche senza la distruzione pianificata dei satelliti. Proprio a novembre, la sezione superiore di un razzo cinese Long March 6A si è rotta inaspettatamente dopo la caduta di un satellite di monitoraggio. I 50 frammenti creati continueranno ad orbitare attorno alla Terra per gli anni a venire.

Maggiori informazioni sui viaggi nello spazio e sui viaggi

roteare

Illustrazione del sistema solare con un nono pianeta

Cerca i corpi celesti

Secondo le stime della NASA, ora ci sono 100 milioni di pezzi più grandi di un millimetro che galleggiano là fuori. I più pericolosi per gli altri satelliti sono i 25.000 pezzi lunghi più di quattro pollici che hanno il maggior potenziale di causare distruzione all’impatto. Dopotutto, ci sono anche molti satelliti a tutti gli effetti che si muovono nello spazio che non sono più operativi.

Leggi anche

“Per quanto vasto sia lo spazio, lo spazio è spesso visto come una risorsa infinita”, ha affermato Rajeev Suri, CEO del gruppo satellitare britannico Inmarsat. “Sfortunatamente, questo non è il caso in quanto l’industria spaziale globale sta lanciando sempre più satelliti come parte di un grande boom di investimenti”.

READ  t3n - Pionieri digitali | rivista di economia digitale

I lanci di satelliti stanno già diventando sempre più difficili. Dato il numero di corpi celesti artificiali nelle orbite terrestri, gli spazi liberi tra loro, necessari per ulteriori lanci, stanno diventando sempre più scarsi. Inoltre, esiste il rischio di collisioni con parti spazzatura che potrebbero lanciare i satelliti fuori dall’orbita o danneggiarli gravemente.

I numeri mostrano l’importanza: nel 2016 i satelliti in orbita terrestre bassa erano circa 1.700. Entro la metà dell’anno in uscita, erano cresciuti a 5.400, più di tre volte quel numero. E il numero sta crescendo rapidamente: un decennio fa, da 80 a 100 satelliti sono stati lanciati in varie orbite. Nel 2017, l’Office of Outer Space Affairs, un’unità delle Nazioni Unite, ha contato più di 300 nuovi satelliti.

Fino ad ora, sbarazzarsi dei satelliti non è stato un problema

I satelliti per comunicazioni più piccoli vengono ora inviati in un’orbita inferiore a centinaia ogni anno. A questo contribuiscono progetti come Starlink, la rete di comunicazione SpaceX del gruppo di società di Elon Musk. Nell’anno in corso 2022 sono stati aggiunti più di 2.000 satelliti. A partire dalla primavera del 2023, è probabile che ce ne saranno altri con i satelliti del progetto Kuiper di Amazon.

In media, questi satelliti hanno una durata di vita da cinque a dieci anni, ha spiegato Sorey. Ma liberarsene non è ancora stato un problema. Sbagliato: “I detriti creano pericoli non solo nell’orbita corrispondente, ma anche per tutto ciò che attraversa quell’orbita. Ci sono altri pericoli ambientali in arrivo”, ha avvertito. L’inquinamento luminoso è uno di questi, dai raggi rifratti, ma anche dal pericolo di sostanze tossiche che possono, ad esempio, attaccare lo strato di ozono quando le molecole nell’atmosfera bruciano.

READ  Cosa aiuta davvero contro l'herpes labiale: l'esercizio di guarigione

I pericoli non si limitano allo spazio. Uno studio condotto dall’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada, ha rilevato che la probabilità che le persone vengano ferite a causa della caduta di parti di satelliti sulla Terra durante il prossimo decennio è aumentata del 10%.

Il razzo gigante della NASA è stato lanciato con successo sulla luna

La missione lunare senza equipaggio “Artemis 1” è ora iniziata dopo diversi tentativi falliti. Il professor Ulrich Walter, astronauta e professore di tecnologia spaziale presso l’Università tecnica di Monaco, spiega l’importanza di questa missione.

“Le regole di base dello spazio sono state scritte decenni fa e oggi non sono più sufficienti”, afferma Sorey. Sarà basato sul consenso volontario e non sono previste gravi sanzioni.

Anche Moriba Jah, astrofisico dell’Università del Texas ad Austin e consulente scientifico di Privateer Space, una società che raccoglie detriti spaziali e rende disponibili i dati, è convinto che il “business as usual” non sia possibile. È necessario un approccio globale alla pianificazione e all’organizzazione, oltre i confini nazionali, paragonabile all’aviazione internazionale o al trasporto merci.

La mancanza di conoscenza dell’importanza dello spazio per la vita quotidiana sulla Terra non è utile. Alla domanda su cosa associano allo spazio, il 21% degli intervistati in un attuale studio Inmarsat con 20.000 partecipanti ha risposto “alieni”. Il 14 percento pensa alla “fantascienza”, ogni decimo a “Guerre stellari”. Al contrario, l’8% ha creduto alle parole chiave “comunicazione e reti” e il 3% ha citato “radio e televisione”.

Le norme attuali raccomandano lo smaltimento dei satelliti scartati entro 25 anni

e il 29% non considera necessari i satelliti per le comunicazioni. Sorpreso dalla mancanza di consapevolezza, l’ex astronauta statunitense Scott Kelly ha commentato i risultati. “Suggerisce che non capiscono come funzionano effettivamente i sistemi voce e dati su cui fanno affidamento”.

I primi passi devono portare al cambiamento. A settembre, la Federal Communications Commission (FCC) degli Stati Uniti, l’autorità di regolamentazione delle comunicazioni degli Stati Uniti, ha introdotto nuove regole che impongono agli operatori di rimuovere i satelliti nella regione vicina alla Terra da questa orbita entro e non oltre cinque anni dalla fine della loro missione. I regolamenti non sono ancora stati approvati, ma gli esperti lo vedono come un passo nella giusta direzione. Le norme attuali raccomandano di eliminarli solo dopo 25 anni.

READ  t3n - Pionieri digitali | rivista di economia digitale

Anche l’Agenzia spaziale europea (ESA) ha inserito la sostenibilità nella sua agenda. Tra l’altro, vuole rafforzare il concetto di rotondità nello spazio, ed esaminare più riparazioni e riutilizzo dei materiali. L’Unione internazionale delle telecomunicazioni (ITU) fornisce consulenza in merito. E le prime aziende ad affrontare questa domanda. ClearSpace, con sede in Gran Bretagna e Svizzera, sta lavorando su hardware che raccoglierà satelliti inutilizzabili nello spazio in una prima missione dal 2025.

Leggi anche

Il palco principale di un razzo cinese Long March 5B si è schiantato in modo incontrollabile durante il fine settimana

Lo scienziato di astrodinamica Jah vede gli Stati Uniti giocare un ruolo di primo piano. Proprio come il paese sta cercando di porre fine alla plastica monouso, dovrebbero farlo anche i satelliti monouso. Ciò che non può essere riciclato deve essere smaltito in modo controllato. D’altra parte, Suri di Inmarsat sta spingendo per una rapida collaborazione internazionale, nonché per una migliore organizzazione, ricerca ed elaborazione dei dati.

“A livello multilaterale, i Paesi con il maggior numero di attività nello spazio devono adeguarsi rapidamente a standard fissati, come la limitazione del numero di satelliti per orbita specifica. Oltre a Usa e Unione Europea, include Gran Bretagna, Giappone , Brasile e Australia.

Tempo è dell’essenza. In caso contrario, le opportunità offerte da molti altri satelliti non possono essere realizzate. “Solo lo sviluppo sostenibile nello spazio può sostenere un’attività economica sostenibile sulla Terra”.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

“It’s All in Stocks” è l’istantanea giornaliera delle azioni della redazione aziendale di WELT. Ogni mattina dalle 5 del mattino con i giornalisti finanziari di WELT. Per esperti di borsa e principianti. Iscriviti al podcast su SpotifyE il Podcast AppleE il Musica Amazon E il Dezer. o direttamente tramite RSS Feed.