Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sotto choc gli investitori: il crollo delle banche scuote i mercati

Sotto choc gli investitori: il crollo delle banche scuote i mercati


Rapporto di mercato

Stato: 03/10/2023 22:18

Il crollo della Silicon Valley Bank (SVB) ha rovinato l’inizio del fine settimana per gli investitori di Wall Street. Il più grande fallimento della banca dopo la crisi finanziaria aveva precedentemente causato la caduta del DAX.

L’indice Dow Jones ha perso l’1,1% a 31.909,64 punti. Su base settimanale, questo si traduce in meno 4,4%. Il più ampio indice Standard & Poor’s 500 è sceso dell’1,5% a 3.861,59 punti. L’indice azionario tecnologico Nasdaq 100 ha chiuso in ribasso dell’1,4% a 11.830,28 punti.

La flessione è stata causata dal calo dei prezzi della California Silicon Valley Bank (SVB), specializzata in capitale di rischio per il settore tecnologico. L’istituto finanziario ha registrato perdite per 1,8 miliardi di dollari dopo aver venduto un portafoglio di obbligazioni.

Le banche americane sono sotto stress

Con il progredire del commercio, SVB è stato chiuso da un regolatore della California e posto sotto il controllo statale. Secondo gli addetti ai lavori, l’aumento di capitale di emergenza era precedentemente fallito. È il più grande fallimento di una banca statunitense dalla crisi finanziaria.

Di conseguenza, altre banche statunitensi sono state sotto pressione: “Molte banche hanno enormi portafogli di obbligazioni e l’aumento dei tassi di interesse le rende meno preziose. La situazione SVB ricorda che molte istituzioni stanno subendo ingenti perdite non realizzate sulle loro partecipazioni a reddito fisso “, ha detto Ross. Generator, esperto di investimenti di AJ Bell.

DAX è stato scosso duramente

L’indice DAX ha chiuso la settimana precedente a 15.427,97 punti, in calo dell’1,3% a causa dei disordini nel settore bancario. Ha raggiunto il suo livello più basso oggi a 15.316 punti. Da una prospettiva settimanale, la sottrazione è di circa l’uno percento.

La crisi può diffondersi? L’analista Craig Erlam del broker Oanda ha scritto che le notizie sul venture capitalist “hanno sollevato più domande che risposte” tra gli investitori.

“Sui bilanci crollano i timori di mercato”

“Le banche tedesche sono ora prese di mira dai venditori perché il finanziere startup SVB Financial ha rivelato qualcosa che potrebbe anche preoccuparli: perdite non realizzate nel portafoglio obbligazionario”, ha affermato l’analista Jochen Stanzel del broker CMC Markets. Lo sfondo è che molte banche detenevano obbligazioni e il loro prezzo è crollato a un ritmo senza precedenti.

Quello che ora il mercato teme, ha detto Stanzel, è un’implosione nei bilanci delle banche. Gli investitori attendono ora dai principali istituti finanziari chiarimenti se e in che misura i problemi di SVB Financial riguardino anche loro.

Nessuna minaccia immediata per le banche europee?

Alcuni esperti avvertono che i problemi di SVB sono diffusi in tutto il settore. Ad esempio, Joachim Clement, chief strategist presso la banca d’affari Liberum Capital, non crede che la situazione SVB rappresenti una minaccia diretta per il sistema bancario europeo.

L’American Institute ha un modello di business molto speciale, specializzato in capitale di rischio e finanziamento di startup. Questo è unico nel panorama bancario. I prestiti in sofferenza dovrebbero aumentare quest’anno, ma le riserve bancarie in Europa e negli Stati Uniti sono sufficienti per assorbire eventuali problemi.

Secondo il professore dell’Università di Harvard ed ex segretario al Tesoro degli Stati Uniti Larry Summers, i grandi timori sul rischio di infezione da esso sono esagerati. Su Bloomberg US Financial Broadcasting, Summers ha parlato di una “reazione eccessiva”. Finché la crisi di SVB sarà adeguatamente gestita ei clienti saranno pagati, non ci si possono aspettare rischi sistemici per il settore bancario.

Stefan Wolf, Risorse Umane, con informazioni dalla Borsa di Francoforte

Tagesshaw 12:00, 10.3.2023

I dati sul lavoro negli Stati Uniti sono misti

Il rapporto sul mercato del lavoro statunitense di febbraio è diventato meno importante alla luce delle forti preoccupazioni bancarie nell’attività quotidiana. Ha mostrato una crescita salariale moderata, attenuando i timori sull’inflazione ei timori degli investitori per un forte aumento dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve statunitense.

“Il mercato del lavoro è almeno un po’ lontano dall’apice della sua forza”, ha dichiarato il gestore di portafoglio Thomas Altmann della società commerciale QC Partners nella prima reazione. “Questo non è certamente il rapporto che la Fed avrebbe voluto vedere, ma è sicuramente un passo nella giusta direzione”. Soddisfacenti sono in particolare i salari, leggermente superiori nel confronto mensile rispetto a dodici mesi fa.

Bernd Krampen di Nord LB ha riassunto: “Nonostante il contesto avverso con inflazione e tassi di interesse elevati, il motore dell’occupazione funziona abbastanza bene”. “Il mercato del lavoro statunitense è appena passato dalla quarta alla terza marcia”. La forte dinamica dell’occupazione ha un aspetto negativo nella lotta contro l’inflazione elevata, poiché è probabile che la Federal Reserve statunitense aumenti nuovamente i tassi di interesse alla fine di marzo. Crumpin ha confermato che la probabilità di un aumento di mezzo punto percentuale è diminuita.

I dati sull’occupazione negli Stati Uniti supportano l’euro

L’euro è salito in modo significativo dopo il rapporto sul mercato del lavoro degli Stati Uniti. Apparentemente, alcuni partecipanti al mercato si aspettano che la Federal Reserve americana aumenti il ​​tasso di interesse chiave di soli 0,25 punti percentuali il 22 marzo. Il presidente della Fed Jerome Powell ha recentemente sollevato la questione di 0,50 punti percentuali. Tuttavia, la decisione è stata presa sulla base dello sviluppo di dati economici. Un forte mercato del lavoro spinge anche l’inflazione attraverso l’andamento dei salari.

Bitcoin è alle prese con la soglia dei 20.000 dollari

Il malumore dei mercati finanziari ha colpito anche le criptovalute a fine settimana. Bitcoin è temporaneamente sceso sotto i 20.000 dollari. Il giorno prima, la crisi del mercato delle criptovalute ha messo in ginocchio un peso massimo del settore con il gruppo finanziario statunitense Silvergate Capital.

Deutsche Bank è in fondo al DAX

Il timore di una crisi bancaria si è diffuso anche alle istituzioni locali. Deutsche Bank e Commerzbank sono raggruppate all’estremità inferiore del DAX sotto i singoli valori.

La presa di profitto indebolisce Daimler Truck

Gli obiettivi ottimistici per l’anno hanno dato solo un breve impulso alle azioni di Daimler Truck. La presa di profitto spinge le carte verso il basso. Il produttore di veicoli commerciali ha annunciato che aumenterà le vendite totali tra 55 e 57 miliardi di euro nel 2023. L’EBIT corretto per gli effetti speciali dovrebbe aumentare “in modo significativo”, di almeno il 15 percento, rispetto alla cifra dell’anno precedente. pari a 4,0 miliardi di euro.

Vento contrario del presidente del consiglio di sorveglianza di Bayer

La società di fondi di investimento del sindacato è in conflitto con un altro mandato del presidente del consiglio di sorveglianza di Bayer, Norbert Winkeljohan. “Voteremo contro la rielezione di Winkeljohann”, ha dichiarato Jan Werning, gestore del fondo di Wirtschaftswoche. Era turbato dai molti incarichi del Presidente del Consiglio di Sorveglianza. Il lavoro non è part-time.

Union rivendica un’offerta molto migliore di Post

In una disputa sulla contrattazione collettiva alla Deutsche Post, il sindacato di Verdi continua a premere e minaccia di scioperare la prossima settimana. Ver.di e Post vogliono tornare oggi al tavolo delle trattative, e il quarto round di colloqui a Dusseldorf dovrebbe durare fino a sabato.

Mercedes vuole iniziare a costruire stazioni di ricarica elettrica nel 2023

La casa automobilistica Mercedes-Benz ha terminato i piani per la sua rete di ricarica per auto elettriche. Le prime stazioni di ricarica rapida saranno costruite quest’anno in Germania e Francia, ha dichiarato a dpa Franz Rainer, CEO di Mercedes-Benz Mobility.

Schaeffler vende l’attività russa all’austriaca Wolf

La società Schaeffler Automotive and Industry con sede a Herzogenaurach cede la sua attività in Russia all’imprenditore austriaco Siegfried Wolf. Il rapporto annuale della società afferma che il 29 dicembre Schaeffler ha firmato un contratto per la vendita dello stabilimento di Ulyanovsk a PromAvtoConsult; Il prezzo di acquisto è di dieci milioni di euro.

Scosse ipoportuali con vista

Il fornitore di servizi finanziari Hypoport prevede tempi difficili nell’anno in corso dopo il calo degli affari nel quarto trimestre. È probabile che le vendite diminuiscano fino al dieci percento nel 2023. Hypoport prevede addirittura che gli utili prima degli interessi e delle tasse (EBIT) diminuiranno fino al 30 percento.

Stratic è sceso a due cifre ai livelli più bassi nel 2020

Le azioni di Stratic crollano e scendono al livello più basso da aprile 2020. Dopo il calo degli utili dello scorso anno, il diagnostico prevede che la redditività rimarrà sotto pressione. L’ulteriore aumento dei costi e l’introduzione di una nuova generazione di dispositivi in ​​medicina veterinaria dovrebbero esercitare nuovamente pressioni sul margine operativo nel 2023.

Meta flirtare con un’alternativa di Twitter

Meta, un genitore di Facebook, sta esplorando la costruzione di un social network di messaggistica. Questo potrebbe diventare un concorrente diretto del servizio di messaggistica di testo Twitter, di proprietà del CEO di Tesla Elon Musk. “Stiamo indagando su un social network decentralizzato autonomo per lo scambio di aggiornamenti di testo”, ha detto a Reuters un portavoce di Meta in una e-mail.

Il regolatore svizzero si astiene dall’intraprendere azioni contro il Credit Suisse

L’autorità di vigilanza svizzera sui mercati finanziari FINMA si astiene dall’intraprendere ulteriori misure in merito alle dichiarazioni controverse rilasciate dal presidente del Credit Suisse Axel Lehmann in merito ai deflussi di fondi dei clienti. “Non vede motivi sufficienti per aprire una procedura di regolamentazione al riguardo”, ha affermato l’autorità.

L’agenzia di stampa Reuters ha riferito a febbraio che Venma aveva contattato la banca in merito alla questione. Lehman ha annunciato all’inizio di dicembre che il flusso di asset under management si era interrotto. Successivamente, miliardi sono stati ritirati dall’istituto dilaniato dalla crisi.