Aprile 21, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Siria: attacco all'ambasciata iraniana a Damasco

Siria: attacco all'ambasciata iraniana a Damasco

Dopo il presunto attacco aereo israeliano Damasco La Guardia rivoluzionaria iraniana ha confermato l'uccisione di due generali delle sue fila. La Guardia rivoluzionaria iraniana ha affermato che l'attacco alla sezione consolare dell'ambasciata iraniana ha provocato l'uccisione del generale di brigata Mohammad Reza Shahidi e del suo vice, Mohammad Hadi Haji. Nell'attacco sono rimasti uccisi altri cinque membri della Guardia rivoluzionaria.

IL Iran Ha incolpato Israele e ha detto che si sarebbe riservato il diritto di rispondere. L’esercito israeliano, che non commenta regolarmente tali incidenti, ha rifiutato di commentare.

I missili hanno distrutto l'intero edificio

Secondo l'agenzia di stampa ufficiale siriana SANA, l'esplosione ha colpito la sezione consolare direttamente adiacente all'ambasciata iraniana. Di conseguenza, l'edificio è stato completamente distrutto.

I media ufficiali iraniani hanno riferito che al piano terra c'era la residenza dell'ambasciatore Hossein Akbari, ma il diplomatico e la sua famiglia sono rimasti illesi. È improbabile che qualche dipendente fosse lì a causa di una festività religiosa. L'ambasciatore ha detto ai giornalisti che Akbari era sul posto di lavoro al momento dell'esplosione. Ha parlato di sei missili che hanno colpito l'edificio consolare.

L'aeronautica israeliana ha ripetutamente bombardato obiettivi nelle vicinanze Siria Vuole impedire all’Iran e alle milizie alleate, come gli Hezbollah libanesi, di espandere la propria influenza militare nel paese. Gli attacchi sono aumentati dall’inizio della guerra a Gaza, circa sei mesi fa. Domenica erano già stati bombardati obiettivi vicino a Damasco.

Il personale militare iraniano è ufficialmente attivo in Siria solo a titolo consultivo. Tuttavia, l’Iran, insieme alla Russia, è il più importante alleato del governo siriano del presidente Bashar al-Assad. Il paese è testimone di una guerra civile dal 2011.