Febbraio 25, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Si intensificano i blocchi dei camion al confine tra Ucraina e Polonia

Si intensificano i blocchi dei camion al confine tra Ucraina e Polonia

Il governo ucraino ha annunciato l’intenzione di evacuare i camionisti ucraini bloccati da giorni al confine con la Polonia a causa del blocco polacco. Molti valichi di frontiera sono testimoni di code su entrambi i lati del confine, lunghe fino a 25 chilometri. Migliaia di camion, la maggior parte dei quali ucraini, sono ancora bloccati sul versante polacco.

“Abbiamo iniziato a raccogliere dati per l’evacuazione dei nostri autisti. Non abbiamo più tempo per concordare compromessi”, ha scritto Serhiy Derkach al Ministero per lo sviluppo municipale, regionale e delle infrastrutture dell’Ucraina su Facebook. “Ora i nostri autisti soffrono di sub -temperature zero dovute alle azioni di molte persone che chiudono le frontiere con l’approvazione delle autorità locali.”

Giovedì il vicepresidente dell’Associazione degli spedizionieri internazionali dell’Ucraina, Vladimir Balin, ha annunciato che un secondo camionista è stato ucciso vicino al posto di controllo di Korchova-Krakovets. È morto. Ha aggiunto che l’incidente è attualmente sotto inchiesta. Il 12 novembre è stato annunciato il decesso di un altro camionista ucraino rimasto bloccato alla frontiera per tre giorni.

I camionisti polacchi, che hanno chiuso i valichi di frontiera con l’Ucraina dal 6 novembre, vogliono continuare il loro lavoro fino a febbraio. Il loro obiettivo è attirare l’attenzione sui danni che, secondo loro, saranno causati dalla decisione dell’Unione Europea di allentare le norme UE per le società di trasporto ucraine nel 2022. La decisione di Bruxelles mira a rendere più semplice il trasporto di merci da e verso il paese invaso dalla Russia.

Pubblicità | Scorri per continuare a leggere

Appello a Zelenskyj: conseguenze per l’economia e la sicurezza nazionale dell’Ucraina

I camionisti polacchi avevano annunciato un’eccezione per i camion che trasportavano attrezzature militari per l’esercito ucraino. Tuttavia, venerdì sono emerse notizie secondo cui anche forniture militari erano bloccate al confine. In uno Pubblicato su Telegram Un’agenzia ucraina indipendente, citando volontari, ha riferito che le forniture che secondo quanto riferito non possono raggiungere l’Ucraina includono carburante, droni e termocamere.

Al confine di Medica: questi contadini polacchi si sono uniti allo sciopero. Tra l’altro hanno chiesto la rinegoziazione degli accordi sui trasporti tra l’Ucraina e l’Unione Europea.Dominika Zarzycka/Imago

In un appello rivolto al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj e alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, l’Associazione dei datori di lavoro ucraini e l’Associazione internazionale degli spedizionieri hanno avvertito delle gravi conseguenze per l’economia del paese e la sicurezza nazionale. Accusano la Polonia di ingerenza diretta negli affari interni dell’Ucraina e chiedono un incontro tra Zelenskyj e il presidente polacco Andrzej Duda.

“Secondo i calcoli preliminari, le perdite dirette stimate per l’economia ucraina a causa della chiusura di diversi posti di blocco al confine polacco-ucraino ammontano già a più di 400 milioni di euro”. si legge in un comunicato stampa. “Se contiamo le perdite indirette (multe e sanzioni contro gli esportatori ucraini per violazione degli obblighi contrattuali, rifiuto di firmare contratti con partner commerciali ucraini per il nuovo anno, ecc.), è chiaro che si misurano in miliardi di euro”.