Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Si dice che gli esseri umani abbiano esposto i virus corona su Internet

Nei Paesi Bassi, si dice che un uomo abbia offerto in vendita dei coronavirus, in modo che i clienti potessero essere infettati ed emettere un certificato 2G. Iniziarono le indagini.

La polizia finanziaria olandese ha arrestato un uomo che si sarebbe offerto di consegnare coronavirus per autoinfezione online. L’indagato è in contatto con la corrispondente home page, che nel frattempo è stata chiusa, ha riferito l’Unità Antifrode del Ministero delle Finanze (FIOD) in frastuono.

E il quotidiano “De Telegraaf” ha riferito, sabato, che il cosiddetto kit Corona è stato offerto lì per 33,50 euro per posta. Presumibilmente avrebbe dovuto contenere un tubo con liquido virale e un autotest. Quindi i fornitori hanno promesso che i virus non avevano più di tre mesi, in modo che gli acquirenti potessero “essere sicuri di includere le ultime mutazioni e varianti”.

Rilevatore di infezioni 2G

Secondo la FIOD, ai potenziali acquirenti è stato promesso che dopo l’autoinfezione e la guarigione dalla malattia, riceveranno un certificato dalle autorità sanitarie per coloro che sono guariti secondo la FIOD. Base 2G potrebbe essere stato offerto. Il sospettato ora è latitante. “Ulteriori indagini dovrebbero mostrare se ha venduto qualcosa e, in caso affermativo, quale importo e se ha avuto successo”, ha detto un portavoce della FIOD all’agenzia di stampa ANP.

L’autorità sanitaria ha avvertito dell’autoinfezione e una portavoce ha dichiarato: “Coloro che si trasmettono consapevolmente l’infezione a se stessi stanno mettendo in pericolo la salute pubblica”.

READ  Corona live tape il 3 dicembre: pandemia in Baviera - notizie da Rosenheim, Traunstein, Muldorf, Altötting e Berchtesgadner Land