Dicembre 3, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sguardo del giorno della guerra: i russi assediano i soldati ucraini – Kiev ottiene lo status di candidato all’UE

Un rapido sguardo al giorno della guerra
I russi assediano i soldati ucraini – Kiev ottiene lo status di candidato all’UE

Il gas naturale è diventato molto più costoso in Germania. Questo è già certo. Mentre il governo federale annuncia il livello di allerta, il presidente russo Putin si assicura il sostegno dei suoi partner BRICS. Le sue forze stanno avanzando ulteriormente nell’Ucraina orientale. Nel frattempo, a Kiev, la gente è soddisfatta della decisione degli Stati membri dell’UE. Un rapido sguardo al 120° giorno di guerra.

Lisichansk: I russi avanzano alla periferia della città

Nell’Ucraina orientale, le forze russe sono avanzate alla periferia di Lyschansk, secondo fonti ucraine. È l’ultima grande città della regione di Luhansk che è ancora completamente sotto il controllo ucraino. Il rapporto sullo stato dello stato maggiore a Kiev in serata diceva: “I nostri combattenti hanno fermato l’avanzata verso la periferia meridionale di Lysichansk, hanno inflitto perdite al nemico e lo hanno costretto a ritirarsi”. L’esercito russo ora dipende dalle riserve. I combattimenti furono condotti anche sull’insediamento di Borivske a est dei Severskyi Donet.

Al mattino si è saputo che un gruppo ucraino era rimasto intrappolato nelle città di Solote e Hirske, nel sud di Lysychansk. In serata, l’esercito ucraino ha annunciato che le forze russe, nel frattempo, avevano parzialmente catturato Hersk. Secondo il rapporto, sono stati in grado di spegnere completamente la caldaia. La Russia ha anche bombardato i serbatoi di carburante dell’esercito ucraino e le attrezzature militari vicino a Mykolaiv durante il giorno, secondo il ministero della Difesa a Mosca. Da settimane sono scoppiati pesanti combattimenti nel Donbass mentre l’esercito russo tenta di occupare l’intera provincia di Luhansk e Donetsk. L’aviazione russa sembra lanciare violenti attacchi alle postazioni ucraine.

Mosca insiste per raggiungere gli obiettivi della guerra

E per condurre possibili negoziati per porre fine alle ostilità, il Cremlino aderisce a tutte le sue richieste. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato, secondo Interfax, che un piano di pace è possibile, ma solo quando Kiev soddisferà tutte le richieste, senza entrare nei dettagli. Le richieste pubblicamente dichiarate di Mosca includono il riconoscimento delle regioni separatiste dell’Ucraina orientale di Donetsk e Luhansk come stati indipendenti e della Crimea sul Mar Nero, che è stata annessa nel 2014, come territorio statale russo. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha recentemente formulato come obiettivo di Kiev la rioccupazione della Crimea e delle aree occupate dalla fine di febbraio.

I primi obici tedeschi e ora lanciarazzi americani

Secondo il governo di Kiev, gli Stati Uniti hanno ora fornito più lanciarazzi HIMARS per supportare le forze armate ucraine. “HIMARS è arrivato in Ucraina”, ha dichiarato su Twitter il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov. Ha ringraziato il collega americano Lloyd Austin per “questi potenti strumenti” e ha pubblicato le foto dei lanciamissili. Le macchine mobili possono sparare simultaneamente più missili a guida di precisione contro bersagli fino a 80 chilometri. L’esercito degli Stati Uniti ha anche sistemi con una portata di diverse centinaia di chilometri. Martedì, Resnikov ha annunciato che la Germania aveva nel frattempo consegnato la Panzerhaubitze 2000. Secondo l’ambasciata ucraina a Berlino, sette obici promessi dalla Germania sono arrivati ​​in Ucraina.

I paesi dell’UE concedono lo status di candidati all’Ucraina e alla Moldova

L’Ucraina e la Moldova ricevono lo status ufficiale di candidati all’adesione all’Unione Europea. I capi di stato e di governo dei 27 paesi dell’Unione europea hanno deciso quella sera al vertice di Bruxelles, ha annunciato il presidente del Consiglio Charles Michel. Ha descritto la decisione su Twitter come un “momento storico”. “Oggi è un buon giorno per l’Europa”, ha affermato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Con questo passo, l’Unione Europea prende atto degli sforzi compiuti dai due Paesi per entrare nell’Unione Europea e vuole incoraggiarli a proseguire su questa strada con determinazione. Nella prima reazione, il presidente ucraino Zelensky ha ringraziato per il sostegno. “Il futuro dell’Ucraina risiede nell’Unione Europea”, ha scritto su Twitter.

Putin stringe la mano ai partner BRICS

D’altra parte, il presidente russo Vladimir Putin sta voltando sempre più le spalle all’Unione europea. Nel vertice virtuale dei cosiddetti paesi BRICS, l’Occidente ha dato un privilegio Dai la colpa alla crisi economica globale. Ha affidato al gruppo, insieme a Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa, un nuovo ruolo di leadership. “Solo sulla base di una cooperazione sincera e reciprocamente vantaggiosa possiamo trovare una via d’uscita dalla crisi in cui è caduta l’economia mondiale a causa delle azioni egoistiche e sconsiderate dei singoli Paesi, che, utilizzando meccanismi finanziari, passano da soli in la macroeconomia del mondo intero”, ha detto il capo del Cremlino.

Habeck ha annunciato il livello di allarme: il gas dovrebbe essere molto più costoso

Intanto in Germania il tema del gas naturale fa ancora notizia. A causa delle consegne molto limitate dalla Russia, il governo federale ha definito il livello di allerta in un “piano di emergenza del gas”. Il ministro dell’Economia Robert Habeck ha avvertito le imprese e i consumatori di non risparmiare gas. Serve uno “sforzo nazionale”. Alla luce della situazione attuale, il capo della Federal Network Agency, Klaus Muller, ritiene possibile che i prezzi del gas al consumo triplichino. “Se lo estrapoli, dipende in gran parte da come riscaldi, da come è costruito il tuo edificio”, ha detto Mueller a NTV. “Ma la tua precedente bolletta del gas potrebbe triplicare”. “Non può essere escluso”, ha detto Habeck al Nachtjournal di RTL quando gli è stato chiesto se poteva immaginare di triplicare le bollette del gas. Questo è nel regno delle possibilità: “Quindi c’è un’ondata di prezzi in arrivo in Germania e non può più essere evitata perché i prezzi sono già aumentati”.

Muller vede un reale pericolo di soffocamento da gas in Germania. “Farò di tutto per assicurarmi di evitare il congelamento nelle case private, ma sono molto preoccupato che possiamo mantenere la produzione industriale in questo modo”, ha detto a NTV. Più gas viene fornito, minori saranno le conseguenze per l’industria. “Chiunque fornisca e immagazzini gas aiuta a evitare di dover ridurre posti di lavoro, aggiunta di valore e attività”.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite può fallire l’accordo sul grano

Un collo di bottiglia di diverso tipo sta avendo un impatto anche sul mercato mondiale: la Russia ha bloccato le spedizioni di grano dall’Ucraina. Tuttavia, sembra che siano stati compiuti progressi nella controversia. Gli ambienti del Consiglio di sicurezza hanno confermato la possibilità di un incontro tra le parti in conflitto con il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in Turchia, forse già la prossima settimana. I colloqui hanno raggiunto un punto in cui il Segretario generale delle Nazioni Unite avrebbe negoziato direttamente con russi e ucraini per ottenere un accordo. L’Ucraina si lamenta del fatto che la marina russa stia bloccando i suoi porti sul Mar Nero. Entrambi i paesi sono tra i maggiori esportatori di grano e svolgono un ruolo importante nella sicurezza alimentare globale.

Altri articoli importanti sulla guerra in Ucraina

Tutti gli altri sviluppi possono essere trovati nel nostro sito web Live tape sulla guerra in Ucraina leggere.

READ  Tensioni nel conflitto in Ucraina: Putin incolpa l'Occidente