Maggio 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sembra che i combattenti per la libertà russi stiano attaccando l’esercito di Putin

Sembra che i combattenti per la libertà russi stiano attaccando l’esercito di Putin

Secondo quanto riferito, l’anti-Putin Russia Freedom Corps ha lanciato una missione per creare un settore di sicurezza per proteggere l’Ucraina.

I soldati russi assicurano il confine con l'Ucraina vicino a Belgorod.

I soldati russi assicurano il confine con l’Ucraina vicino a Belgorod. Anton Vergon/Sputnik/dpa

Secondo i resoconti dei media, aerei da combattimento russi hanno attaccato le forze russe nella regione di Belgorod, al confine con l’Ucraina. Il portavoce dell’intelligence ucraina Andriy Yuzov ha detto a Sospillin che il Freedom Corps of Russia e il Russian Volunteer Corps hanno lanciato una “missione per creare una zona di sicurezza per proteggere i civili ucraini”.

I primi attacchi di militanti anti-Putin sarebbero avvenuti nella regione di confine russa di Belgorod. Nello specifico, avrebbero attaccato un posto di frontiera nel villaggio di Graivoron vicino al confine ucraino. Il governatore della regione, Vyacheslav Gladkov, ha parlato lunedì via Telegram di “un attacco di vandali”. Tre città sono state oggetto di attacchi da parte di un “gruppo sovversivo”. Sei dei feriti hanno dovuto essere portati in ospedale.

Il governatore lancia un avviso di terrore a Belgorod

Gladkov ha detto che le difese aeree russe sono state attivate e le schegge di un missile sono cadute nel giardino di una casa nel villaggio di Antonovka. Inoltre, il villaggio di Kozienka è stato attaccato da colpi di mortaio. Un negozio di fieno nel villaggio di Gora Podol ha preso fuoco e le granate hanno colpito l’edificio di un’azienda di trasporti automobilistici a Grivorun.

Nella regione, le autorità hanno emesso un allarme terrorismo. Come annunciato da Gladko su Telegram, questo è per la sicurezza della popolazione. La legge antiterrorismo prevede lo screening delle persone o la chiusura delle fabbriche che producono merci pericolose come esplosivi, materiali radioattivi o materiali chimici e biologici pericolosi.

I combattenti anti-Putin fanno appello al popolo russo

E il Freedom Corps of Russia ha pubblicato un appello ai residenti delle regioni russe vicine al confine: “Rimanete nelle vostre case, non resistete e non abbiate paura, non siamo vostri nemici. A differenza degli zombi di Putin, non facciamo del male ai civili e non utilizzarli per i nostri scopi. I militanti hanno anche diffuso un video che mostra i segnali stradali sullo sfondo vicino agli insediamenti di Lyubimovka (regione di Bryansk), Bezlyudovka (regione di Belgorod) e Churovici (regione di Bryansk).

Il Cremlino ha risposto con un comunicato. Secondo il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov, Vladimir Putin è stato informato di un “tentativo di svolta” nella regione di Belgorod da parte di “sabotatori ucraini”. Secondo il Cremlino, Kiev sta cercando di distogliere l’attenzione dalla sconfitta di Bakhmut.

Le unità da combattimento ora devono avere anche veicoli militari

Due mesi fa, i combattenti della resistenza russa hanno attaccato i villaggi al confine con la Russia. Le unità sono entrate nella regione di Bryansk nella Russia occidentale e hanno alzato la loro bandiera a un punto di confine. Ma questa volta, non solo le unità di fanteria dovrebbero prendere parte all’offensiva. Un account Twitter in lingua russa, che pubblica resoconti di guerra quotidiani, ha scritto: “L’attacco è molto più grande, vengono schierati più veicoli da combattimento, supporto di artiglieria e mortai molto più potenti. Si svolge anche in pieno giorno e le riprese dei droni vengono immediatamente pubblicate su Internet per massimizzare l’impatto psicologico.

Come riportato anche da Bild, l’ex ufficiale dell’FSB russo Igor Girkin ha spiegato su Telegram che le forze anti-Putin “supportate da carri armati e artiglieria” dell’esercito ucraino hanno attraversato il confine. “Sono riusciti a penetrare per diverse centinaia di metri nel territorio della ‘vecchia’ Federazione Russa, ci sono stati molti morti da entrambe le parti.

Altre speculazioni sul contrattacco

La Russia ha lanciato una guerra di aggressione contro l’Ucraina il 24 febbraio dello scorso anno e ha ripetutamente bombardato città e paesi ucraini. Ma negli ultimi mesi anche le regioni russe si sono lamentate di un aumento dei bombardamenti da parte ucraina. Gli esperti militari hanno da tempo previsto un contrattacco ucraino. Poiché la direzione di un tale contrattacco è ancora sconosciuta, gli esperti ipotizzano di avanzare nel territorio russo per unire le forze lì.


Raccomandazioni dalla biglietteria:

Immagine della finestra delle informazioni