Aprile 16, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Segreto di Pulcinella: Ministro degli Esteri polacco: i soldati occidentali sono in Ucraina

Segreto di Pulcinella: Ministro degli Esteri polacco: i soldati occidentali sono in Ucraina

Segreto di Pulcinella
Ministro degli Esteri polacco: i soldati occidentali sono in Ucraina

Ascolta il materiale

Questa versione audio è stata creata artificialmente. Maggiori informazioni | Invia la tua opinione

Il ministro degli Esteri polacco conferma che i soldati occidentali sono già in Ucraina. Tuttavia, il Paese stesso non vuole trasferire le proprie forze nel Paese vicino, per non fornire a Putin “materiale propagandistico”.

Il ministro degli Esteri polacco Radoslaw Sikorski ha descritto la presenza di soldati occidentali in Ucraina come un segreto di Pulcinella. “Come ha detto il vostro consigliere, ci sono già alcune forze provenienti dai principali paesi in Ucraina”, ha detto Sikorsky. Quando gli è stato chiesto se il discorso del cancelliere sulla questione fosse un problema, ha risposto: “In polacco abbiamo il termine Tajemnica Poliszynela, che descrive un segreto che tutti conoscono”.

Il 26 febbraio Schulz ha giustificato ai giornalisti il ​​suo rifiuto di consegnare i missili da crociera Taurus all'Ucraina, dicendo, tra le altre cose, che la Germania non avrebbe preso di mira i soldati, né dalla Germania né sul posto. Ha aggiunto: “Ciò che stanno facendo inglesi e francesi in termini di bersagli e attacchi di accompagnamento non può essere fatto in Germania”. Ciò è stato interpretato dai politici dell'opposizione, ma anche da singoli politici all'estero, nel senso che Scholz aveva confermato la presenza di soldati occidentali in Ucraina. Per questo il Cancelliere ha dovuto ricevere molte critiche.

Sikorski ha ribadito che la Polonia non invierà forze di terra in Ucraina, adducendo ragioni storiche. “L'Ucraina e la Polonia sono state un paese per 400 anni. Ciò fornirebbe facile materiale propagandistico ai russi. Quindi dovremmo essere gli ultimi a farlo”, ha detto.

Il Toro aiuterebbe l’Ucraina “in modo significativo”.

Tuttavia, ha accolto con favore l'approccio del presidente francese Emmanuel Macron di non escludere dal tavolo l'opzione di inviare truppe di terra nella zona di guerra. Il presidente russo Vladimir Putin ha prima annesso la Crimea, poi ha avviato una guerra nel Donbass, nell’Ucraina orientale, e infine ha invaso l’Ucraina. “E siamo preoccupati su come gestiremo la situazione”, ha detto Sikorsky. “Posso capire la logica strategica o, in questo caso, tattica del presidente Macron per invertire la narrazione. Lasciamo che Putin si preoccupi di ciò che faremo”.

Il cancelliere Schulz ha escluso categoricamente l'invio di forze di terra. In quel momento si rifiutò anche esplicitamente di consegnare i missili da crociera Taurus all’Ucraina. Sikorsky lo ha criticato e ha accusato la Germania di riluttanza a fornire nuovi sistemi d'arma nella zona di guerra. Ha aggiunto che il dispiegamento dei missili Taurus, che hanno una gittata fino a 500 chilometri, avrebbe “un impatto significativo sulla capacità dell'Ucraina di difendersi”. Usando missili da crociera di altri paesi, gli ucraini hanno già convinto i russi a spostare le loro basi logistiche, come i depositi di munizioni, più lontano dal fronte. “I missili tedeschi li costringeranno ad andare oltre”.

Sikorsky ha ammesso che la Germania è, in termini assoluti, il maggiore fornitore di armi dell'Ucraina in Europa. Tuttavia, ha criticato i lunghi processi decisionali. Il ministro degli Esteri ha affermato che la Germania ha “ragioni storiche per essere nervosa” quando si tratta delle spedizioni di armi. “Lo capiamo, ma vorremmo che le vostre discussioni si svolgessero più rapidamente.” Il fattore tempo è di importanza decisiva per l’Ucraina. “Una decisione in sei mesi non è la stessa decisione”, ha detto riferendosi al Toro.

“La debolezza invita all'aggressività”

Alla fine di febbraio, dopo mesi di polemiche, Schulz si rifiutò nuovamente di consegnare armi di alta precisione, giustificando la sua decisione affermando che la Germania avrebbe potuto essere coinvolta in una guerra. D’altro canto, Gran Bretagna e Francia forniscono all’Ucraina missili da crociera. La scorsa settimana Rolf Mutzenich, leader del gruppo parlamentare SPD, ha sollevato la questione del “congelamento” temporaneo della guerra in Ucraina per consentire una soluzione pacifica. Sikorsky ha respinto tali considerazioni sulla base del fatto che non ci si può fidare di Putin.

Ha esortato la Germania e l’Europa ad affrontare la minaccia russa con la forza militare. Ha aggiunto: “La debolezza invita all'aggressività e la forza scoraggia”. Ha detto che i tedeschi potrebbero ritenere di avere più tempo per rispondere all’aggressione russa perché la Polonia è ancora nel mezzo. Ha aggiunto: “Ma se Putin è così aggressivo come alcuni di noi pensano, allora date una seconda occhiata alla vostra situazione di sicurezza. Nell'enclave (russa) di Kaliningrad ci sono missili Iskander con testate nucleari il cui raggio si estende fino a Berlino”.