Maggio 24, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo una falsa notizia, il Paese starebbe ora boicottando completamente l’UE

Secondo una falsa notizia, il Paese starebbe ora boicottando completamente l’UE
  1. Pagina iniziale
  2. il mondo

Nel contenzioso con l'Unione Europea sull'estensione dei privilegi di balneazione sulle spiagge, l'Italia sembra ignorare le proprie sentenze dei tribunali. Con conseguenze?

ROMA – Il caos attorno alle spiagge italiane non finisce mai. A causa di una controversia legale con l'Unione Europea, lo scorso anno il governo italiano ha rimisurato la sua linea costiera – e ha ottenuto un risultato sorprendente. Ma non si tratta solo di un aggiustamento geografico, secondo l'UE le spiagge italiane a pagamento su suolo pubblico sono illegali.

Confusione sulle spiagge italiane: Concessioni balneari non prorogate senza bando di gara

Mentre in precedenza si stimava che il paese avesse un totale di 8.000 chilometri di costa, i nuovi calcoli suggeriscono che dovrebbe essere più di 11.000 chilometri. Sono quindi molte le spiagge e gli stabilimenti balneari in Italia liberi e balneabili, che non necessitano di bando pubblico. Tuttavia, il rapporto ha disinformato l’UE e ha incluso nei calcoli le barriere coralline e le aree portuali, evitando che le zone costiere siano viste come un “bene scarso”. Ciò avrà conseguenze sulle spiagge turistiche sempre più a pagamento.

Nonostante la sentenza del tribunale, l'Italia continua ad estendere come prima i privilegi di balneazione sulle proprie spiagge. Il Paese minaccia di iniziare una nuova disputa con l’Unione Europea. © Franz Walter/Imaego

Pochi giorni fa anche il Consiglio di Stato ne ha confermato le conseguenze nella sua ultima sentenza. Ha stabilito che le concessioni balneari non possono essere prorogate senza gara. Tuttavia, secondo le informazioni di Repubblica di La Tutto sembra procedere come al solito. Dopotutto, nonostante abbia ritenuto inaccettabili le proroghe, il governo italiano ha consentito ai comuni di continuare come prima.

L'anello più debole della catena: l'estensione delle concessioni sulle spiagge italiane rappresenta una minaccia per le autorità

Il risultato? Da Venezia a Palermo, sindaci e governatori stanno approvando misure per prorogare le concessioni fino alla fine del 2024, ma così facendo si mettono a rischio i funzionari che dovranno firmare tali proroghe. Perché i giudici hanno chiarito che la responsabilità è della pubblica amministrazione. Insomma, un pasticcio che rischia di ricadere sulle spalle dei dipendenti comunali o dei consiglieri preoccupati, l’anello più debole dell’intera catena del settore ricco.

Almeno sul piano giuridico è stata risolta la confusione sull'estensione della balneazione sulle spiagge italiane. Tuttavia, la realtà sembra diversa. Le autorità locali delle comunità sembrano rumorose Repubblica di La “Deve essere esclusa l'esistenza di un diritto alla prosecuzione del rapporto da parte dei concessionari esistenti” per ignorare sia la sentenza che la direttiva europea Polkstein.

Da Venezia alla Sicilia: le Regioni ignorano la normativa sulla balneazione sulle spiagge italiane

La Sicilia ha emanato un decreto che estende i privilegi di balneazione a tutta l'isola sulle sue spiagge, e la Campania ha adottato misure simili.

Seguendo l'esempio di Lecce e Bari, anche il comune di Venezia ieri ha avanzato diverse offerte in questa direzione. Riccione e Rimini in Emilia Romagna, Santa Margherita e Genova in Liguria, Santa Marinella e Gaeta nel Lazio, Camaiore e Viareggio in Toscana, nonché Trieste e San Benedetto del Tronto hanno già varato misure simili.