Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo i dati delle banche statunitensi: un nuovo massimo annuale nell’indice DAX

Secondo i dati delle banche statunitensi: un nuovo massimo annuale nell’indice DAX


Rapporto di mercato

Stato: 14/04/2023 16:03

Ironia della sorte, le grandi banche stanno aprendo la stagione dei rendiconti statunitensi in modo promettente. Il sollievo degli investitori ha spinto il DAX, che segna un nuovo massimo per l’anno.

Con aspettative ansiose, molti investitori hanno esaminato i numeri odierni delle principali banche statunitensi JPMorgan Chase, Wells Fargo e Citigroup dopo il recente terremoto della banca. Perché il mercato azionario non teme altro che le banche in difficoltà, poiché con i loro prestiti sono responsabili dell’oliatura dell’intera economia.

Tuttavia, le grandi case hanno convinto gli investitori con i loro rapporti trimestrali per il primo trimestre del 2023 e hanno assicurato un inizio positivo della nuova stagione dei rapporti. JPMorgan ha aumentato il suo obiettivo di profitto per l’anno in corso, Wells Fargo ha dovuto registrare un risultato inferiore alle attese nel primo trimestre e Citigroup ha ottenuto risultati significativamente migliori rispetto alle attese del mercato nel trading di titoli a reddito fisso.

“I primi risultati bancari per la nuova stagione degli utili indicano che le istituzioni finanziarie statunitensi hanno resistito meglio del previsto all’impatto della politica monetaria restrittiva della Federal Reserve”, ha dichiarato Stuart Cole, chief macroeconomist presso l’intermediazione Equiti Capital.

Dopo i numeri, il DAX è balzato sopra la soglia dei 15.800 punti a 15.841 punti, segnando un nuovo massimo dell’anno. Pertanto, il principale indice tedesco rimane su un livello elevato e in vista del massimo storico di 16.290 punti, nonostante il persistere dei timori sui tassi di interesse e di recessione, soprattutto negli Stati Uniti.

Deutsche Bank guida il DAX

Tra i singoli titoli del DAX, Deutsche Bank e Commerzbank sono tra i maggiori guadagni, e sono richieste anche le azioni del gruppo immobiliare Vonovia, sensibile agli interessi.

Le banche statunitensi beneficiano di tassi di interesse più elevati – Viaggio verso la qualità

Nello specifico, il leader del settore JPMorgan ha aumentato il suo dividendo del 52% a 12,6 miliardi di dollari con un profitto record di 38,3 miliardi di dollari (anno precedente: 30,7 miliardi di dollari). I forti aumenti del tasso di interesse federale hanno causato un forte aumento del reddito da interessi netti del 49% a $ 20,8 miliardi. Il quadro alla Wells Fargo è simile: in una banca di San Francisco, i profitti sono cresciuti del 32% a 5 miliardi di dollari. Qui, il reddito netto da interessi è aumentato del 45%.

Con i loro modelli di business diversificati e riserve di capitale relativamente dense, le grandi istituzioni finanziarie hanno resistito alle recenti turbolenze bancarie meglio delle banche regionali statunitensi. In questa parte, il crollo della banca della Silicon Valley ha destabilizzato molti risparmiatori. Hanno quindi ritirato i loro soldi dalle istituzioni regionali statunitensi e li hanno trasferiti a grandi banche come JPMorgan. Anche il CEO di Deutsche Bank Christian Swing ha riferito dell’afflusso di depositi a metà marzo, affermando che c’è stata una “spinta di qualità”.

Grazie ai maggiori interessi attivi, Citigroup ha iniziato il nuovo anno fiscale con profitti significativamente più alti. L’utile netto nei tre mesi fino alla fine di marzo è aumentato del sette percento su base annua a 4,6 miliardi di dollari (4,16 miliardi di euro), ha annunciato venerdì Bayt al-Mal a New York. Complessivamente, le entrate sono cresciute del 12% a 21,4 miliardi di dollari. Pertanto, Citigroup ha superato le aspettative degli analisti.

Picco dei tassi di interesse negli Stati Uniti raggiunto presto?

La politica dei tassi di interesse degli Stati Uniti è e rimane il secondo aspetto importante dell’attuale situazione del mercato azionario. I prezzi alla produzione di marzo negli Stati Uniti, che sono un precursore delle cifre sull’inflazione, ieri sono aumentati a un ritmo molto più lento. I prezzi al consumo sono effettivamente scesi al 5,0% a marzo, dopo il 6,0% del mese precedente. Ciò indica che l’inflazione rallenterà.

Secondo gli analisti, gli investitori sperano che i recenti dati economici incoraggino la Federal Reserve americana ad alzare meno i tassi di interesse. Le aspettative di un picco nella stretta monetaria alimentano l’ottimismo nel trading questa settimana, ha affermato Pierre Verret, analista presso il brokeraggio ActivTrades.

Vendite al dettaglio negli Stati Uniti “deludenti su tutta la linea”

Il settore al dettaglio statunitense ha subito un calo sorprendentemente netto delle vendite a marzo. Il Dipartimento del Commercio ha dichiarato che le entrate sono diminuite dell’1,0% rispetto al mese precedente. Gli economisti si aspettavano solo -0,4%. A febbraio c’è stato un aggiustamento negativo dello 0,2%.

“Dopo un ottimo inizio d’anno, l’attività di vendita si è indebolita per il secondo mese consecutivo. I numeri sono deludenti su tutta la linea, perché anche senza vendite di auto c’era un’enorme carenza”, ha spiegato l’esperto di Helaba Ulrich Wortberg. I numeri deboli al dettaglio sono un altro pezzo del domino che indica l’avvicinarsi della fine del rialzo dei tassi di interesse della Fed (Fed Reserve Bank).

D’altra parte, è probabile che i timori di recessione aumenteranno nuovamente, poiché la propensione all’acquisto è attenuata dall’aumento dei costi di indebitamento e dall’inflazione sempre elevata negli Stati Uniti. Tuttavia, il mercato si aspetta un ulteriore rialzo di 25 punti base alla prossima riunione dei tassi della Fed a maggio, poiché l’obiettivo di inflazione del 2,0% della Fed è ancora molto lontano.

Aperti i sinistri di Wall Street

Il fatto che le preoccupazioni sui tassi di interesse siano ancora sul tavolo significa che le negoziazioni a New York hanno avuto un inizio lento, nonostante i buoni risultati bancari. L’indice Dow Jones è alle prese con il suo prezzo di chiusura, così come il Nasdaq Technologies Stock Exchange, che è leggermente più alto. I mercati sono aumentati in modo significativo ieri a causa delle aspettative sui tassi di interesse inferiori. Nell’indice Dow Jones, JPMorgan è in cima con un aumento di oltre il sei percento.

Boeing perde quota

Le azioni Boeing sono sotto pressione di vendita a causa di nuovi problemi con il jet 737 MAX di fascia media del produttore di aerei. A causa di difetti di fabbricazione e controlli necessari, le consegne devono essere ridotte e la quota produce più del sei percento e si trova all’estremità inferiore dell’indice.

Tuttavia, secondo il gruppo, ciò non rappresenta un grave rischio per la sicurezza e la flotta di 737 Max non sarà interessata durante le operazioni di volo. Tuttavia, il problema riguarda un “numero significativo” di macchine che non sono ancora state consegnate ai clienti e sono ancora in produzione. La FAA è stata informata.

L’euro prende fiato

L’euro ha rinunciato ai suoi guadagni inizialmente più elevati e viene scambiato leggermente più debole a $ 1,1013. Guardando alla speranza di una politica dei tassi di interesse accomodante negli Stati Uniti, l’euro è salito a $ 1,1075, il livello più alto in un anno.

Secondo il presidente della Bundesbank Joachim Nagel, la BCE dovrebbe continuare ad aumentare i tassi di interesse data l’aumento della pressione inflazionistica sottostante: “Ciò significa che dal punto di vista della politica monetaria c’è ancora molta strada da fare”, ha detto Nagel.

Inoltre, l’umore nei mercati finanziari rimane amichevole. In questo contesto, la domanda di beni rifugio come il dollaro diminuisce, il che a sua volta dà maggiore sostegno all’euro.

I prezzi del petrolio sono in leggero aumento

Nel frattempo, i prezzi del petrolio sono tornati leggermente positivi. Sono già aumentati significativamente nelle ultime 4 settimane. Un importante fattore di prezzo nel mercato petrolifero sono stati i tagli alla produzione annunciati da diversi paesi petroliferi OPEC+.

Il giorno prima, l’OPEC aveva indicato le implicazioni della politica di produzione dell’OPEC+ nel suo rapporto mensile e aveva avvertito di una carenza di offerta nei mercati petroliferi globali entro la fine dell’anno. Lo sviluppo futuro della domanda e dell’offerta rimane un tema dominante nel mercato petrolifero.

Tesla continua a tagliare i prezzi in Germania e in Asia

Il produttore americano di auto elettriche Tesla ha nuovamente abbassato i prezzi e, secondo gli esperti, sta facendo pressione sulla concorrenza. Secondo il sito Web di Tesla, la Model 3 è ora disponibile in Germania per 41.990 euro, 2.000 euro in meno rispetto a quanto costava di recente. Il produttore ha abbassato ulteriormente i prezzi per le varianti Model 3 e Model Y ad alte prestazioni e Tesla ha dichiarato: “Stiamo abbassando i prezzi in molti mercati europei”. Ciò riguarda tutte le varianti del Modello 3 e alcune versioni degli altri modelli Y, S e X di Tesla. La società ha aggiunto che una riduzione del prezzo è possibile grazie all’aumento delle quantità.

Hermès: balzo delle vendite grazie alla Cina

Le vendite del gruppo francese del lusso Hermès nel primo trimestre sono cresciute di circa un trimestre a 3,38 miliardi di euro, principalmente a causa della maggiore domanda in Cina e in Europa. Quasi la metà del fatturato annuo è attribuito alla regione asiatica escluso il Giappone. A differenza del suo rivale LVMH, anche il produttore di moda di lusso noto per le sue borse Birkin, che costano migliaia di euro, sta registrando una crescente domanda di moda e pelletteria negli Stati Uniti. Hermès ha aumentato i prezzi di circa il 7% all’inizio dell’anno, che è superiore ai normali aumenti annuali del 2-3%.

Covestro fornisce i numeri

Il produttore di materie plastiche Covestro vede gli utili del primo trimestre superiori alle aspettative del mercato. Il valore iniziale dell’Ebitda è di 286 milioni di euro, quindi ben al di sopra del range previsto dalla società di 100-150 milioni di euro. Il risultato preliminare del gruppo evidenzia una perdita di circa 30 milioni di euro, rispetto a una stima di perdita media di 77 milioni di euro. Il volume di scambio temporaneo è di 3,743 miliardi di euro. La quota nel DAX reagisce alle cifre che si sono rese note il giorno prima degli utili.