“Se non ci saranno urla o rivolte, continueremo a lavorare”.

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

Raramente si sentono urla nei corridoi delle amministrazioni di Bruxelles, per non parlare delle rivolte. Di tanto in tanto uno scandalo diventa pubblico e fa notizia sui media fino a scomparire di nuovo, a volte calpestato a morte da un’élite che non vuole alcuna attenzione.

“Quando le cose si fanno serie, dobbiamo mentire” – te lo ricordi? Il lettore interessato ricorderà sicuramente Jean-Claude Juncker, predecessore di Ursula von der Leyen; Forse anche, come l’autore di queste righe, con una leggera tristezza. Perché a differenza della forte donna tedesca, che riuscì a concludere contratti multimiliardari tramite SMS istantanei, ma per anni non riuscì ad attuare alcuna vera riforma dell’esercito tedesco, Juncker non solo aveva l’aura tenera della vivace Mosella , ma anche una qualità da gentiluomo. Di un’onestà ironica e di un senso dell’umorismo, qualcosa che in gran parte manca al testardo mondo moderno, ai salvatori del clima e della democrazia, che forse in parte credono nelle loro stesse dichiarazioni.

Una citazione indimenticabile di Juncker: “Decidiamo una cosa, poi la proponiamo e aspettiamo un po’ per vedere cosa succede. Se non ci saranno grandi proteste e rivolte perché la maggior parte delle persone non capisce nemmeno cosa è stato deciso, andremo avanti – passo dopo passo fino a quando non si potrà più tornare indietro. Juncker avrebbe dovuto saperlo: lo “scandalo Lux leaks” ha rivelato la portata del suo coinvolgimento come ministro delle finanze e primo ministro nel trasformare il Lussemburgo in una macchina di riciclaggio di denaro di dimensioni statali…

Infatti: raramente si sentono urla nei corridoi delle amministrazioni di Bruxelles, per non parlare di rivolte. Ma ogni tanto uno scandalo diventa pubblico e fa notizia sui media – per pochi giorni, al massimo una settimana o due – finché non scompare di nuovo – a volte ucciso da un’élite che non vuole attenzione, a volte semplicemente dimenticato da un pubblico. cioè, soprattutto, affamato di preoccuparsi periodicamente dell’igiene della pressione sanguigna, ma non ha alcun reale interesse nel perseguimento a lungo termine dei corrispondenti “affari” e conserva solo un vago ricordo delle trasgressioni di “quelli che c’erano”. .

Quindi, giusto in tempo per le elezioni europee, ecco un piccolo promemoria: così avrai la certezza di votare per il partito giusto domenica!

-Scandalo Pfizer: Concludere contratti multimiliardari via SMS per rischi per la salute oscuri, non testati, in gran parte inutili e potenzialmente anche gravi, ignorando le regole iniziali della concorrenza e documenti rilevanti che vengono facilmente cancellati o persi, ma che apparentemente servono come ultimo guardiano della democrazia, trasparenza e democratizzazione. Lo Stato di diritto: solo Ursula von der Leyen, onorevole presidente della Commissione, può farlo. Giù i cappelli!

– Legge sul controllo dei “servizi digitali”: Proprio come Heiko Maas ha in gran parte incontrastato la libertà di espressione in Germania con la sua anonima “Network Enforcement Law” (che significa che la vittoria a ogni partita di Scrabble è garantita), l’UE ha esteso questo principio a tutta l’Europa dal febbraio 2024. Guai a noi. Se si diffonde il cosiddetto “incitamento all’odio” nell’Europa più libera di sempre. La buona notizia: anche se lo facessi, gli algoritmi garantirebbero che nessuno lo vedrà, tranne le guardie di sicurezza statali, ovviamente.

“Patto verde”: “Fidati della scienza!” Anche se il cosiddetto “cambiamento climatico provocato dall’uomo” non fosse scientificamente pericoloso alla luce delle fluttuazioni di temperatura già dimostrate nell’età della pietra, sarebbe comunque sufficiente per mettere sottosopra il continente. Per “salvare il mondo” – anche se nessun’altra grande potenza si è unita a questa follia, tranne il nostro museo a cielo aperto occidentale – e soprattutto tra coloro che, come la Cina, sono i più inquinanti ma ricevono comunque da noi aiuti allo sviluppo. . Il Villa Counterpoint della sinistra verde è ancora solo un pio desiderio o un freddo calcolo? Presentato nel 2019 da Ursula von der Leyen tra i grandi applausi dei Verdi, il continente dovrebbe diventare un continente entro il 2050. “Climatica neutrale” – Grazie alla fine dei motori a combustione, all’orgia degli isolamenti termici, alle foreste di pale eoliche e alle auto elettriche che esplodono. La Cina, gli Stati Uniti e i grandi REIT devono ringraziare l’UE: almeno il loro futuro è ora sicuro.

– “Insediamento in materia di asilo”: È un eufemismo che nasconde solo la distribuzione forzata dei migranti anche verso quei paesi che non hanno voluto sentir parlare della “politica di accoglienza” della Merkel. Chi non vorrà accettare le quote migranti di Bruxelles d’ora in poi dovrà pagare la cifra sbalorditiva di 20.000 euro per migrante. Finora la Polonia e l’Ungheria sono riuscite a bloccare questo “accordo”. Il cambio di governo a Varsavia ha segnato una svolta importante alla fine del 2023. Il regolamento è entrato in vigore nel maggio 2024 – e c’è da aspettarsi che le quote, che attualmente sembrano molto moderate, verranno presto aumentate in modo eccessivo da parte dei risparmiatori europei. del mondo.

– Catargate – ovvero: la punta dell’iceberg: Le indagini sono in corso dal 2022 e hanno rivelato una rete crescente di parlamentari, collaboratori, organizzazioni non governative e società immobiliari nell’Unione Europea che avrebbero ricevuto milioni di dollari da Marocco, Mauritania e Qatar per influenzare decisioni importanti in Parlamento a loro favore. Dagli stati citati. Al centro: Kylie, democratica modello, giornalista e vicepresidente parlamentare socialdemocratica. Dovrebbe essere chiaro che questa è solo la punta dell’iceberg e che i confini tra lobbisti tenaci, corruzione onnipresente e nobili ideali, soprattutto a Bruxelles, sono molto labili. Perché quello che può fare il Qatar, gli Stati Uniti, la Cina e la Russia lo sanno fare da molto tempo.

– Finanziare gli islamisti: Un argomento spiacevole ma importante. In risposta alle domande del gruppo ID, nel 2023 è emerso che la Commissione UE aveva trasferito fondi attraverso vari canali, come i programmi Erasmus, ad associazioni antisemite e jihadiste vicine ai Fratelli Musulmani, tra cui l’Unione islamica europea. E “Islamic Relief Worldwide”, che a sua volta converte milioni di persone ad Hamas. conseguenze? NO.

– “Il miglior candidato” von der Leyen? Il “deficit democratico” dell’UE è ben noto, così come lo è la battuta cinica secondo cui l’UE deve rifiutare se stessa come Stato membro perché nel suo insieme non soddisfa le richieste che fa ai suoi Stati membri. L’introduzione del sistema del “top nomine” è stato almeno un tentativo di collegare il diritto di nominare il presidente della Commissione alla maggioranza nel Parlamento europeo. Manfred Weber avrebbe dovuto quindi ricevere questa carica nel 2019 – ma Angela Merkel ed Emmanuel Macron hanno preferito sgattaiolare di nascosto in Parlamento: Ursula von der Leyen sembrava essere la candidata più obbediente all’eterna cancelliera Merkel a causa delle sue numerose storie di scandali – e Macron ha scelto Christine Lagarde, francese, per la posizione Senior Debt Makers. Circolano voci secondo cui un colpo di stato simile avrà luogo nel 2024 per nominare Annalena Baerbock a capo della Commissione. Pertanto gli accelerazionisti euroscettici che sperano in un’auto-disintegrazione interna dell’UE verseranno lacrime di gratitudine e apriranno bottiglie di champagne con cinesi e russi.

– Certificato verde digitale. Tutto ciò che viene descritto come “verde” dovrebbe in linea di principio destare sospetti. La situazione è la stessa con l’iniziativa poi denominata “Certificato digitale Covid”: nel 2021, al culmine della follia Covid, l’Unione europea ha cercato di sfruttare il panico pubblico per espandere il potere e richiedere ai cittadini di utilizzare una tecnologia che avrebbe poi ridisegnato il controllo. misure: Covid oggi, bilancio personale di anidride carbonica domani, incitamento all’odio il prossimo. Per misteriose ragioni epidemiologiche, l’attacco russo all’Ucraina ha messo immediatamente fine al trionfo del virus killer europeo e ha mandato per il momento il “Passaporto verde” nell’oblio, ma la prossima occasione arriverà sicuramente.

annuncio

Related articles

Qui si terranno gli Europei 2024

Pagina inizialegiocoCalciostava in piedi: 23 giugno 2024, 15:15Da: Alexander KindlPremeredivisoLa Croazia ha bisogno di una vittoria contro l’Italia...

Il festival è in diretta: tutte le informazioni sul programma e altro ancora

Venerdì è iniziato ufficialmente non solo il festival "Hurricane", ma anche il festival "Sawthead". All'ex aeroporto militare...

5 fattori di rischio da evitare

Giornale Wetterauerconsulentesalutestava in piedi: 23 giugno 2024 alle 14:57da: Giuditta MarroneInsisteDivideSebbene il cancro nasale sia considerato un cancro...

Kylian Mbappe: la UEFA è difficile, una squalifica pazzesca per la stella!

Le foto sembravano terribili! C'erano grandi preoccupazioni su Kylian Mbappe nella prima vittoria per 1-0 della Francia....