Maggio 22, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scopri un gigantesco buco nero: ha più di 30 miliardi di masse solari

Scopri un gigantesco buco nero: ha più di 30 miliardi di masse solari
  1. Pagina iniziale
  2. sapere

creatura:

da: Stendardo Tanya

Il buco nero appena scoperto è così massiccio che si catapulta direttamente nei 10 oggetti più grandi. I ricercatori ora sperano in ulteriori scoperte.

Durham – C’è un buco nero supermassiccio al centro della maggior parte delle galassie. Al centro della Via Lattea, ad esempio, c’è il buco nero Sagittarius A*, che è piuttosto piccolo con i suoi quattro milioni di masse solari. Recentemente è stato scoperto un buco nero supermassiccio espulso dalla sua galassia. Un gruppo di ricerca guidato da James Nightingale della Durham University in Gran Bretagna ha ora scoperto un esempio particolarmente grande di buco nero.

“Questo particolare buco nero, con una massa di circa 30 miliardi di volte la massa del nostro sole, è uno dei più grandi buchi neri mai scoperti”, ha detto Nightingale, che ha guidato lo studio. nel diario Avvisi mensili affiliato Reale Società Astronomica pubblicato era diventato. “Segna il limite superiore di quanto possono essere teoricamente massicci i buchi neri: una scoperta molto eccitante”, afferma Nightingale. Poiché il buco nero è così grande, non è più considerato “supermassiccio” ma piuttosto “supermassiccio”.

Scoperto di recente: un buco nero supermassiccio al centro di una galassia

Il gigantesco buco nero si trova al centro di una galassia nell’ammasso di galassie Abell 1201, a circa 2,7 miliardi di anni luce dalla Terra. La sua massa è di 32,7 miliardi di soli, il che lo colloca tra i primi 10 buchi neri supermassicci conosciuti. Un oggetto massiccio può essere rilevato solo con un trucco, perché i buchi neri hanno una particolarità: inghiottono tutto ciò che si avvicina a loro. Poiché non lasciano sfuggire nulla – nemmeno la luce può sfuggire – sono in effetti “invisibili”.

Ci sono solo due modi per scoprirlo:

  • Interazione della materia con un buco nero: Emette energia sotto forma di luce o radiazione prima di cadere in un buco nero attivo. Invece, i buchi neri lanciano la materia nei cosiddetti “getti” nello spazio – e questo è anche il modo in cui un buco nero può essere rilevato.
  • Cambiamenti dovuti alla massa del buco nero: La massiccia massa di un buco nero distorce lo spazio e può diffondere e ingrandire la luce. Gli oggetti di grandi dimensioni in linea di vista con il buco nero possono essere ingranditi o addirittura duplicati in questo modo: gli esperti chiamano questo fenomeno lente gravitazionale.

Con un trucco è stato scoperto un enorme buco nero dormiente

“La maggior parte dei buchi neri che conosciamo sono in uno stato attivo, in cui la materia viene trascinata vicino al buco nero, si riscalda e quindi emette energia sotto forma di luce, raggi X e altre radiazioni”, spiega Nightingale. in uno. comunicazione. Tuttavia, solo il secondo metodo è stato messo in discussione per rilevare il buco nero supermassiccio, perché l’oggetto è attualmente inattivo. Il gruppo di ricerca ha scoperto il buco nero perché ingrandisce e distorce gli oggetti.

Buco nero.  (Immagine dell'icona)
Buco nero. (immagine iconica) © imago / CHROMORANGE

«Con l’aiuto delle lenti gravitazionali si possono studiare anche i buchi neri inattivi», conferma l’autore principale dello studio, che già spera in ulteriori applicazioni: «Utilizzando questo approccio, possiamo scoprire molti più buchi neri al di fuori del nostro universo locale e scopri come questi oggetti esotici si muovono e si sono evoluti una volta.” altro nel tempo cosmico”, ha detto Nightingale. (fattura non pagata)