Settembre 30, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scoperta una nuova connessione che porta all’aterosclerosi e alle malattie cardiache: una pratica di guarigione

Progressi significativi nella comprensione dell’aterosclerosi

Ora, per la prima volta, è stata identificata una relazione tra mitocondri e infiammazione e una coppia di geni considerati un fattore di rischio per lo sviluppo Arteriosclerosi Si applica, che a sua volta può portare a infarti e ictus potenzialmente letali.

In uno studio in cui esperti di Università della California – San Diego Il legame tra due geni (DNMT3A e TET2), funzione mitocondriale, infiammazione e formazione di placche aterosclerotiche. I risultati sono stati pubblicati sulla rivistaimmunitàInserito.

Cosa succede quando DNMT3A e TET2 vengono mutati?

DNMT3A e TET2 definiscono una coppia di geni che regolano la crescita dei globuli. Ma ce n’è uno salto Prima, la coppia di geni era associata a un aumentato rischio di evoluzione Arteriosclerosi Online, perizia.

Abbiamo scoperto che i geni DNMT3A e TET2, oltre al loro normale ruolo (…), attivano direttamente l’espressione di un gene coinvolto nelle vie infiammatorie mitocondriali, suggerendo un nuovo target molecolare per le terapie aterosclerotiche.L’autore dello studio spiega Il dottor Gerald Shadel in comunicato stampa.

In che modo le mutazioni DNMT3A e TET2 portano all’aterosclerosi?

Quando i ricercatori hanno studiato il ruolo che le mutazioni DNMT3A e TET2 svolgono in quella che è nota come ematopoiesi clonale, hanno scoperto che Segnali infiammatori anomali Associato al deficit di DNMT3A e TET2 nelle cellule del sangue risposta infiammatoria Play, che promuove lo sviluppo dell’aterosclerosi.

Tuttavia, è sorta la domanda su come i geni DNMT3A e TET2 siano coinvolti nell’infiammazione e nell’aterosclerosi. “Il problema è che non siamo stati in grado di capire come siano coinvolti DNMT3A e TET2 perché le proteine ​​che codificano sembrano fare cose opposte in termini di regolazione del DNA.‘, afferma l’autore dello studio Professore Dr. Christopher Glass.

READ  Aggiornato Corona: i test saranno probabilmente gratuiti fino alla fine di maggio - Politica

Questa attività antagonista dei geni ha portato i ricercatori a sospettare che altri meccanismi potessero svolgere un ruolo. Ciò ha spinto il team ad adottare un nuovo approccio.

Anni fa, un altro gruppo di ricerca guidato dal Dr. Shadel si riferisce alla via infiammatoria ora osservata durante l’esame delle interazioni Stress del DNA mitocondriale esposto. Un sottoinsieme unico del DNA di una cellula si trova nei mitocondri.

La squadra circostante d. Shadel ha studiato gli effetti dello stress del DNA mitocondriale rimuovendo il gene (TFAM) che contribuisce Il DNA mitocondriale è adeguatamente confezionato Diventare. I ricercatori lo hanno scoperto abbassando il livello di TFAM DNA mitocondriale Espulsione dei mitocondri nella cellula.

Questo porta alla stessa cosa segnali di allarme molecolare I ricercatori spiegano quali cellule avvertono di un batterio o virus invasore e attivano un percorso di difesa molecolare che innesca una risposta infiammatoria.

Perché le mutazioni provocano reazioni infiammatorie?

In collaborazione con gruppi di ricerca sul Professor d. Vetro e il dott. Shadel ora ha una migliore comprensione del motivo per cui si verificano le mutazioni DNMT3A e TET2 reazioni infiammatorie Funziona in modo simile a quello di Stress del DNA mitocondriale da visualizzare.

I team hanno esaminato le cellule di persone con cellule normali, di persone con mutazioni con perdita di funzione nell’espressione di DNMT3A o TET2, nonché di persone con aterosclerosi.

Cosa causa un aumento della risposta infiammatoria?

Si è scoperto che la riduzione sperimentale dell’espressione di DNMT3A o TET2 nei globuli normali ha prodotto risultati simili nelle cellule del sangue con mutazioni con perdita di funzione e nelle cellule del sangue di soggetti con aterosclerosi. In tutti e tre i casi ce n’era uno Aumento della risposta infiammatoria.

READ  Panoramica di Corona: tutte le contee dell'Algovia sono più di 2000

Come è iniziata esattamente l’infiammazione?

Inoltre, gli esperti osservano che bassi livelli di espressione di DNMT3A e TET2 nelle cellule del sangue portano a a Espressione TFAM .diminuita Guidavo. Di conseguenza, a Imballaggio anormale del DNA mitocondriale Formata, causando infiammazione a causa del DNA rilasciato dai mitocondri.

Ciò aumenta la formazione di placca nell’aterosclerosi

Abbiamo scoperto che le mutazioni DNMT3A e TET2 inibiscono la loro capacità di legare e attivare il gene TFAM. L’assenza o la riduzione di questa attività di legame provoca il rilascio di DNA mitocondriale e un’eccessiva risposta infiammatoria nei mitocondriL’autore dello studio spiega Dott. Isidoro Kubo.

Secondo il team di ricerca, questo processo può esacerbare la formazione di placca nell’aterosclerosi. (come tale)

Informazioni sull’autore e sulla fonte

Questo testo è conforme alle specifiche della letteratura medica, delle linee guida cliniche e degli studi attuali ed è stato esaminato da professionisti del settore medico.

Fonti:

  • Isidoro Cobo, Tiffany N. Tanaka, Kailash Chandra, Mangalhara Addison, Lana Calvin Yeang, et al: DNA metiltransferasi 3 alfa e TET metilcitosina diossigenasi 2 sopprimono la segnalazione mediata dall’interferone dal DNA mitocondriale nei macrofagi; In: Immunology (pubblicato il 04/08/2022), immunità
  • Università della California-San Diego: mutazioni del DNA mitocondriale associate al rischio di malattie cardiache (pubblicato il 04/08/2022), Università della California – San Diego

nota importante:
Questo articolo contiene solo consigli generali e non deve essere utilizzato per l’autodiagnosi o il trattamento. Non può sostituire una visita dal medico.