Dicembre 2, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scholz durante la sua prima visita ad Atene: come aiutare la Grecia nella crisi energetica

Stato: 27.10.2022 7:19

Il Cancelliere federale Olaf Schultz è oggi ospite ad Atene. I temi principali sono due: energia e difesa. La Grecia potrebbe svolgere un ruolo importante in entrambi i settori in futuro.

Scritto da Verena Schalter, ARD Studio Atene

C’è un grande bisogno di energia verde nel sud della Germania così come in Austria, anche se non è un compito facile: la Grecia può fornire questa energia, ha detto Konstantinos Skrickas, ministro dell’Energia greco, in una conferenza ad Atene la scorsa settimana. Per questo, è necessario costruire una linea attraverso l’Albania e altri paesi balcanici.

Un progetto ambizioso che solo un anno fa molti avrebbero liquidato come un pio desiderio. Ma un tale piano ora sembra del tutto fattibile, afferma Kostas Lavdas, professore di scienze politiche all’Università Pantheon di Atene: “L’aggressione russa contro l’Ucraina ha senza dubbio avuto una serie di conseguenze non intenzionali. Una di queste conseguenze non intenzionali è stata un cambiamento nella strategia dell’Europa paesi, in particolare la Germania, in termini di dipendenza energetica. Penso che la Grecia diventerà un centro più importante per l’Europa nel suo insieme”.

Sostituzione delle forniture di gas dalla Russia

Entro il 2030, la Grecia vuole coprire il 70% del proprio consumo di elettricità con energie rinnovabili. Inoltre, sono state progettate linee sottomarine dall’Egitto e da Israele, che dovrebbero trasmettere elettricità dall’energia solare attraverso Cipro alla Grecia.

Si dice che anche la città portuale di Alessandropoli, nel nord della Grecia, svolga un ruolo cruciale nei piani energetici greci: il gas viene trasportato dall’Azerbaigian attraverso la Georgia e la Turchia alla Grecia attraverso il corridoio meridionale del gas, una combinazione di diversi gasdotti. Da Alessandropoli, a sua volta, il gasdotto passa attraverso il mare Adriatico attraverso l’Albania fino all’Italia.

READ  Medvedev non lo esclude: la Russia può reintrodurre la pena di morte

Inoltre, nella città portuale è in costruzione un terminale di gas naturale liquefatto, GNL, destinato a rifornire i Balcani. Poi c’è un altro grande progetto che era già fuori discussione. In questo contesto, il gasdotto Eastmed torna ad essere una possibilità interessante, secondo Lavdas. “Non è che ci aspettiamo che accada subito. Ma è di nuovo un’opzione a portata di mano a causa della guerra in Ucraina”.

Il gasdotto Eastmed inizialmente doveva portare gas naturale, e successivamente idrogeno, dal Medio Oriente attraverso Cipro e Creta alla Grecia continentale e da lì all’Italia. Per molto tempo ci sono stati dubbi sulla redditività del progetto. Ma ora Eastmed può aiutare l’Europa a sostituire le forniture di gas dalla Russia, almeno questa è la speranza.

La Grecia sta acquisendo importanza militare

Ma la Grecia sta diventando sempre più importante come collegamento tra Europa, Asia e Africa non solo dal punto di vista energetico, ma anche militarmente: gli Stati Uniti puntano sempre più sulla Grecia, secondo il politologo Lavdas: “Non c’è dubbio che il le eccellenti relazioni bilaterali tra la Grecia e gli Stati Uniti sono migliorate Molto meglio negli ultimi anni, la Grecia ha costantemente assunto una posizione pro-NATO su una serie di questioni, non solo dopo l’invasione russa dell’Ucraina ma anche prima, ad esempio sul ruolo dei Balcani occidentali all’interno della famiglia europea”.

Ma questo non è l’unico motivo dell’attuale rapporto particolarmente buono: da qualche tempo negli Stati Uniti si affermano che la Turchia non è più un partner affidabile nel Mediterraneo orientale. La Grecia si sta posizionando qui come un’alternativa affidabile.