Gennaio 23, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Scandalo Wirecard: nuovi dubbi sullo screening EY


esclusivo

Stato: 15 dicembre 2021 05:13

Secondo le informazioni di BR Recherche, Wirecard stava per rivelarlo nella primavera del 2019. I revisori di EY hanno approvato il bilancio nonostante molte incongruenze.

Scritto da Arne Meyer-Fonfinger e Joseph Stroli, R

Nella primavera del 2019, Wirecard è tornata sul muro: dopo i resoconti dei media di vendite false in Asia, il prezzo delle azioni crolla drammaticamente. Il bilancio dell’anno fiscale 2018 dovrebbe essere presentato alla fine di aprile. I vecchi revisori Wirecard di EY hanno preparato in anticipo una presentazione per il consiglio di sorveglianza. lei sta mentendo BR . Ricerca Prima.

In esso, EY spiega: Le vendite di molte delle affiliate di Wirecard in Asia sono “inesistenti”. Si tratta di una decina di milioni di euro che, secondo EY, è stata prenotata. Anche registrato in questa presentazione: Wirecard ha aggiunto un fatturato di 11 milioni di euro al suo bilancio. Questi provengono da presunte vendite di software da parte di una consociata Wirecard con sede a Dubai. Ma anche queste vendite sono in ritardo BRRicerca non trovata.

Esposto, ma non in bilancio

Le accuse di un’attività fasulla prenotata interamente in Asia sono serie: Wirecard aveva già incaricato lo studio legale Rajah & Tann di Singapore di indagare sull’attività fasulla nel 2018. Il motivo erano i suggerimenti degli informatori alla sede centrale. Il rapporto finale della società sarà pronto nell’aprile 2019. Risultato: le transazioni simulate includevano manipolazione del bilancio, falsificazione di documenti e frode.

Anche EY era a conoscenza di questo rapporto. “Se manipoli consapevolmente contratti e stipuli contratti che non esistono, allora per me si tratta di una manipolazione consapevole della contabilità e non solo di una svista”, ha affermato Hansrude Lenz, professore di auditing presso l’Università di Würzburg.

Le nuove vendite innovative compensano le offerte false

Wirecard, nel suo rapporto annuale 2018, presenta la situazione in modo diverso: si limita a precisare che le vendite di dieci milioni di euro “sono state inizialmente registrate nelle business unit sbagliate del gruppo”. “Dopo la correzione, l’intera attività software è stata registrata nella corretta business unit del gruppo”. Quindi solo un errore nella prenotazione.

READ  Agenzia statunitense: la Food and Drug Administration statunitense raccomanda il vaccino BioNTech per i bambini

In effetti, il fornitore di servizi di pagamento con sede ad Aschheim ha compensato le vendite registrate in bilancio con presunte nuove offerte di software. Ma da dove vengono queste nuove vendite? Il focus è sulla filiale di Wirecard Cardsystems Middle East a Dubai. Si dice che abbia venduto il suo software di elaborazione dei pagamenti a due società nel 2017. Undici milioni di euro. Sarà prenotato per la prima volta ad aprile 2019.

Il ruolo enigmatico di Chan Chee P.

Si dice che il software sia stato acquistato da una società chiamata Synergistics, con sede anche a Dubai, e da una compagnia di viaggi delle Maldive chiamata “LetsGoMaldives”. I revisori chiedono a Wirecard di fornire prove di queste nuove vendite.

Tuttavia, esaminando i documenti presentati, sembra che EY non abbia notato molte incongruenze. Secondo Wirecard, gli accordi software tra Cardsystems, Synergistics e LetsGoMaldives sono stati completati nel 2017. È stato progettato da un uomo d’affari malese di nome Chan Chee P. — tra tutte le cose, perché quest’uomo era già coinvolto in affari fittizi prenotati interamente in Asia.

Secondo l’esperto di bilancio professor Hansrudy Lenz, EY deve ora trarre le conclusioni al più tardi: “Se questo broker esce da una porta, per così dire, e torna dall’altra porta e trasferisce ad altre aziende vendite che non sono mai avvenute prima, deve ovviamente cogliere l’occasione per indagare da vicino.”

Poi EY avrebbe dovuto notare che nella primavera del 2019 non c’erano prove dei presunti pagamenti delle commissioni. Perché Chan Chee P. ha fatturato solo 1 milione di euro il 22 luglio 2019 per mediare il nuovo accordo software.

READ  Regola Corona 2G al supermercato? Neto fa una dichiarazione chiara alle persone non vaccinate

‘Mai sentito prima’ del presunto broker di software

L’amministratore delegato del portale di viaggi LetsGoMaldives, uno dei presunti acquirenti di software, non desidera essere intervistato. Dice al telefono che non ha mai sentito parlare dell’agente Chan Chee P. e delle sue compagnie. Non esiste alcun contratto per la consegna del software Card Systems di Wirecard.

Il capo del secondo presunto acquirente di software di Synergistics, Tariq M., ha cancellato il suo profilo online sulla rete di lavoro LinkedIn subito dopo BR . Ricerca Inviagli un questionario. Non risponde ai messaggi di testo. Si presume che gli esaminatori EY lo incontreranno a Dubai nella primavera del 2019. Apparentemente quindi non se ne accorgono: Tariq M lavora nella polizia locale, all’epoca nel campo dell’antiriciclaggio.

Dieci milioni di euro per l’ex capo dei servizi segreti libici

Un altro processo interessante: Wirecard, sussidiaria di Cardystems, originariamente non aveva software. Li compri da BR . Ricerca I presunti documenti sono stati valutati nell’agosto 2017 da una società chiamata PMFG. Deve essere anche a Dubai. La società non è registrata lì. Inoltre, PMFG non ha emesso sistemi di carte con una fattura di dieci milioni di euro fino a quasi due anni dopo, durante l’audit in corso del 2019. Il consiglio di amministrazione di Wirecard rilascia immediatamente l’importo per il trasferimento.

Tuttavia, l’importo verrà trasferito sul conto “Aegean Danismanlik”, cioè a un’altra società. È a Istanbul. Secondo il registro delle imprese, Rami Al-Obaidi è registrato come partner. È vicino a Jean Marsalek. Una semplice ricerca su Internet nella primavera del 2019 avrebbe potuto dimostrare che si trattava di un ex capo del servizio di intelligence libico. EY non si è sbagliato.

EY spiega in modo dettagliato BR-Una richiesta generale che i revisori “hanno svolto ampie procedure di revisione e hanno adattato la revisione alle informazioni disponibili al momento”.

READ  Viaggio da record! L'A380 è decollato da Dresda a Sydney

Altre offerte di software fasullo

dopo BR-La ricerca avrebbe dovuto insospettire EY su una serie di altre vendite di software. Perché: Cardsystems, controllata di Wirecard, vuole vendere il presunto software di servizi di pagamento ad altre nove società per un totale di quasi 40 milioni di euro. Alcuni clienti hanno acquistato il software prima che Cardsystems lo acquistasse personalmente. Questo è evidente anche dalla documentazione. EY sembra non accorgersene.

Al-Morsalek e il Fondo sovrano saudita

Uno di questi accordi software è particolarmente accattivante. Mostra come l’ex membro del consiglio Jan Marsalek si è proposto di dimostrare accordi fantasma. Si tratta di una presunta joint venture con il Saudi State Fund. Nome del progetto: “Venum”. A marzo 2019, Wirecard creerà una presentazione di questo e annuncerà di essere in contatto con l’ex CEO di Siemens, Klaus Kleinfeld. Kleinfeld ha lavorato come consulente presso la Corte Reale saudita nel 2017 e nel 2018.

Ma il progetto presto svanì. Non è stata pagata una fattura di 3,4 milioni di euro per il software che Wirecard afferma di aver consegnato. EY ha obiezioni a questo, ma le vendite rimangono in bilancio. Alla fine, Wirecard ha ricevuto una certificazione non qualificante da EY nell’aprile 2019.

Gli investitori possono essere tutelati meglio?

Per il politico FDP Florian Tonkar, che faceva parte del comitato investigativo di Wirecard, è chiaro: se Wirecard avesse dovuto ammettere gli accordi fasulli nell’aprile 2019, “la società sarebbe finita più velocemente. Avrebbe subito molti meno danni di quanto purtroppo è successo alla fine.”

L’approccio di EY all’indagine sulle attività di software sospetto potrebbe essere appropriato per decine di migliaia di investitori. Finora, hanno fallito in tribunale con richieste di risarcimento, tra le altre cose perché i giudici presumono che EY non possa essere smentito.