Sars-Cov-2 è diverso dagli altri virus?

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."

L’inverno è arrivato ed è tempo di annusare, tossire e febbre. Ora i virus respiratori sono particolarmente utili: rinovirus, metapneumovirus, virus parainfluenzali, bocavirus, coronavirus, virus influenzali, adenovirus e virus respiratorio sinciziale (RSV) ci intrappolano e causano “raffreddori” o “effetti simil-influenzali”.

Prima della pandemia, questo non era un grosso problema, con la possibile eccezione dell’influenza e dell’RSV: entrambi possono essere pericolosi per gli anziani, l’RSV per i bambini e i neonati.

Anche in questo caso, il consenso scientifico è stato che le persone sane di età inferiore ai 70 anni non hanno motivo di preoccuparsi. La maggior parte dei virus respiratori viene infettata ogni uno o cinque anni con poco o nessun preavviso. C’era anche consenso scientifico sul fatto che infezioni ripetute “aggiornassero” il sistema immunitario e quindi proteggessero da future gravi progressioni di malattie o danni a lungo termine.

Il biologo molecolare Emanuel Wheeler conduce ricerche presso il Max Delbrück Center for Molecular Medicine di Berlino-Buch. Processi biomolecolari nelle infezioni da coronavirus. Il suo obiettivo di ricerca include anche la caratterizzazione di un nuovo vaccino contro il coronavirus che prende di mira le mucose.

Per quanto riguarda SARS-Cov-2, la scienza ora deve affrontare la domanda: è questo il caso di questo virus o qui è diverso? Le infezioni frequenti contribuiscono ad aumentare l’immunità o, al contrario, indeboliscono il sistema immunitario? Ogni infezione aumenta il rischio di cicli acuti o malattia Long Covid e si diventa più suscettibili ad altri virus?

Di recente, qualcuno ha presentato nuovo materiale a questa ipotesi studiache ha valutato i dati sulla salute di milioni di veterani negli Stati Uniti.

Il risultato: le persone con due o tre infezioni da SARS-CoV-2 hanno un rischio maggiore di finire in ospedale, morire o successivamente soffrire di Long Covid. È preoccupante, ma non sorprendente: una sola infezione è meno fastidiosa e meno pericolosa di due o tre infezioni, afferma lo studio.

Inoltre, l’età media della popolazione superava i 60 anni e godeva di condizioni di salute piuttosto precarie. Lo studio dimostra ancora una volta che i gruppi ad alto rischio dovrebbero proteggersi dall’infezione nonostante Omicron e i vaccini. I risultati non possono essere semplicemente estrapolati a persone più giovani e sane.

Non ci sono quasi corsi gravi negli ospedali tedeschi

Dopotutto, può essere rassicurante che negli ospedali tedeschi non ci siano quasi persone affette da Covid-19 grave. Chi arriva in ospedale con il virus è considerato malato “col virus”, ma non “a causa del virus”.

Tuttavia, ciò che non viene preso in considerazione da questa semplice prospettiva: l’infezione da virus, ad esempio, può esacerbare i problemi cardiovascolari a tal punto che è necessario il ricovero in ospedale – e la ragione viene quindi data come cardiovascolare “con corona”, ma Corona non è un fattore aggravante.

Lo studio dimostra ancora una volta che i gruppi ad alto rischio dovrebbero proteggersi dall’infezione nonostante Omicron e i vaccini.

Emanuel Wheeler, biologo molecolare

Ma quanto dovrebbero preoccuparsi i giovani sani che continuano ad essere contagiati, soprattutto per il Long Covid?

Gli ottimi dati sanitari della Gran Bretagna forniscono un indicatore importante Indagini del British Bureau of Statistics: Da gennaio a maggio di quest’anno, il numero di persone con sintomi di Long Covid è aumentato di 600.000, risultato delle precedenti ondate Omicron di 12 milioni di infezioni. E tanti infortuni.

25.000

Le persone Si stima che siano morti in Germania nella stagione invernale 2017/2018.

Tuttavia: anche prima delle ondate Omicron, 1,3 milioni di persone in Gran Bretagna presentavano sintomi di Long Covid, anche se a quel punto meno persone erano state infettate, 10 milioni. Quindi, in termini relativi, il numero di persone colpite è diminuito e ha continuato a diminuire: a luglio, 200.000 persone hanno riportato meno sintomi.

Nonostante più contagi, tra cui molti contagi, ci sono stati meno Long Covid. Ciò non indica che il coronavirus causerà malattie croniche a gran parte della popolazione, ma non indica nemmeno che Sars-Cov-2 sia un virus del raffreddore innocuo.

Due scenari

Come puoi vedere, alla domanda iniziale non è (ancora) possibile rispondere in modo univoco. Rimangono aperti due scenari: o SARS-CoV-2 rimane un virus respiratorio particolarmente pericoloso, ma non rappresenta un pericolo per la maggior parte della popolazione e quali gruppi vulnerabili possono proteggersi bene con vaccini adattati e sviluppati.

Questo sarebbe simile al virus dell’influenza, che ha causato una grave ondata in Germania nella stagione 2017/18 con circa 25.000 morti. Oppure, e non si può ancora escludere: SARS-CoV-2 è e sarà sempre un virus eccezionale, e ogni ulteriore infezione è un rischio per la salute in corso.

Quel che è certo, però, è che la precedente indifferenza ai virus respiratori è finita, perché ora sappiamo quanti disagi si possono evitare con semplici misure di protezione come le mascherine o lavorando da casa.

Il Covid-19 è già una delle malattie meglio studiate e la continua ricerca globale non solo amplierà notevolmente la nostra conoscenza di Sars-Cov-2, ma ci insegnerà anche molto sul raffreddore, la tosse e la febbre annuali.

alla pagina iniziale

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...