Maggio 29, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sanguinosa battaglia a est: gli ucraini respingono un’altra ondata di attacchi a Bakhmut

Sanguinosa battaglia a est: gli ucraini respingono un’altra ondata di attacchi a Bakhmut

Sanguinosa battaglia a est
Gli ucraini respingono un’altra ondata di attacchi a Bakhmut

Forse la battaglia di Bakhmut sta volgendo al termine. Sembra che i russi stiano avanzando ulteriormente e stiano per essere circondati. Ma gli ucraini hanno ancora resistito, dice ora lo stato maggiore.

Le forze russe hanno continuato il loro attacco alla città di Bakhmut nell’Ucraina orientale. Lo stato maggiore ucraino ha affermato nel suo rapporto quotidiano sulla situazione che “il nemico sta ancora cercando di circondare la città”. I difensori ucraini hanno respinto una serie di attacchi su vari punti cardine attorno a Bakhmut.

L’esercito russo sta cercando da mesi di prendere il controllo della città. Il comandante della forza mercenaria russa Wagner schierata lì, Yevgeny Prigozhin, ha detto che i suoi combattenti avevano quasi completamente circondato la città. “C’è solo una via d’uscita”, ha affermato in un videomessaggio. Le informazioni non possono essere verificate in modo indipendente. La città, che un tempo aveva una popolazione di 74.000 abitanti, è ora in gran parte in rovina. Secondo le stime delle autorità, a Bakhmut vivono ancora circa 5.000 civili.

D’altra parte, la parte ucraina insiste nel continuare a difendere la città. Lo stato maggiore ha detto in mattinata che solo giovedì l’esercito ucraino ha dichiarato di aver respinto più di 85 attacchi nei cinque settori principali del fronte. “Sì, è difficile e difficile, ma sappiamo come andare avanti”, ha detto al portale online RBK-Ucraina Oleksey Danilov, segretario del Consiglio di sicurezza. A un’unità di ricognizione di droni ucraini è stato ordinato di ritirarsi, secondo il suo comandante.

Le maggiori perdite possibili per i russi

E in un’intervista al quotidiano “Bild”, il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Resnikov non ha escluso che Bakhmut cada nelle mani dei russi. Ma significa solo “vincono una piccola vittoria”, ha detto. Dopo aver perso le città di Sieverodonetsk e Lysychansk nel 2022, Bakhmut fa parte della prossima linea di difesa dell’Ucraina nel Donbass. Con la guerra di trincea, l’esercito ucraino ha costretto la Russia a subire le maggiori perdite possibili di soldati e materiale.

La leadership ucraina ha affermato che il valore della strategia di Bakhmut nella regione di Donetsk è limitato, ma che vuole impedire un’avanzata russa. D’altra parte, la Russia spera che la cattura di Bakhmut sia un passo importante verso l’occupazione del resto della circostante regione industriale del Donbass, che comprende le regioni di Donetsk e Luhansk.

“Cosa ci guadagni?”

Ci sono diverse valutazioni dell’importanza strategica di Bakhmut. I generali statunitensi di alto rango Ben Hodges e Stephen Twitty hanno dichiarato a ntv.de che la violazione avrebbe avuto poche conseguenze. Hodges lo ha giustificato dicendo che i russi non avevano forze sufficienti per avanzare. “Anche se Bakhmut cadesse in mano ai russi, cosa ci guadagnerebbero? Non avrebbero raggiunto un obiettivo strategico”, ha detto Tuiti.

D’altra parte, il politologo Carlo Massala ha avvertito su NTV che i russi potrebbero avanzare di 80 chilometri se Bashmut cadesse. Il generale di brigata tedesco Christian Freuding ha dichiarato la scorsa settimana: “Ma la città ha anche un significato puramente tattico. Se si guardano i collegamenti stradali, si può vedere che la perdita di Bakhmut e della strada distrettuale a ovest significa che rifornimenti alle forze ucraine diventerà più difficile”, dice Freuding. “Le forze ucraine devono abbandonare il terreno a una profondità di 30 chilometri”, ha aggiunto.